Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dibattito sulle accuse di plagio contro Claudine Kay aumenta la pressione su Harvard

Il dibattito sulle accuse di plagio contro Claudine Kay aumenta la pressione su Harvard

Dopo settimane di tumulti ad Harvard per la risposta dell’università alla guerra tra Israele e Hamas e per la leadership del suo presidente, Claudine Kay, non è mancato l’interesse al forum di facoltà con il dottor Kay questa settimana.

Martedì, in un municipio tenutosi su Zoom con diverse centinaia di membri della facoltà di arti e scienze, il dottor Kay si è concentrato su come superare le profonde divisioni emerse nel campus a seguito della guerra, hanno detto due persone presenti. e ho chiesto riservatezza a causa della delicatezza della situazione.

I membri della facoltà che hanno parlato all’incontro sono stati per lo più positivi e non ci sono state domande sul curriculum accademico del dottor Kay dopo le pubbliche accuse di plagio. Un professore ha detto che la questione non è stata nemmeno sollevata.

Ma giovedì, nuove domande sulla borsa di studio del dottor Kay erano emerse alla ribalta, con l’università che più tardi mercoledì aveva identificato altri due casi di quello che chiamava “linguaggio duplicato senza attribuzione appropriata” dalla sua tesi di dottorato del 1997.

Questi esempi fanno parte di una raffica di accuse di plagio contro il dottor Kay nelle ultime due settimane, promosse da attivisti conservatori e organi di stampa, poiché è stato criticato per non aver preso una posizione più dura contro l’antisemitismo durante un Congresso teso. La Camera è stata convocata questo mese dai repubblicani.

L’ultima ondata di accuse ha incoraggiato i critici del dottor Kay e messo a dura prova i suoi sostenitori, lasciando confusi alcuni studenti e insegnanti.

“Come studente di Harvard, l’intero scandalo dall’inizio alla fine è stato molto imbarazzante”, ha detto giovedì David Vega, senior di Harvard. “Penso che sia un aspetto difficile per noi.”

Sig. Vega, laureata in lettere classiche e filosofia mentre scriveva la sua tesi, ha detto che lei e i suoi compagni di classe hanno osservato attentamente le accuse di plagio contro la dottoressa Kay e la sua gestione dell’antisemitismo. Tuttavia, ha detto che non gli è sfuggito che le accuse venivano mosse dai ribelli di destra.

READ  I passeggeri Delta sono saliti a bordo dei voli utilizzando una foto di un altro biglietto

I recenti sviluppi sollevano interrogativi sulla Harvard Corporation. Il consiglio qualche giorno fa ha scagionato il dottor K per “cattiva condotta nella ricerca”.

Il consiglio di Harvard ha affrontato per la prima volta le accuse contro il Dr. K il 12 dicembre. Il comitato ha affermato che un’indagine condotta da studiosi indipendenti in risposta ad accuse anonime ricevute a fine ottobre ha rilevato “alcune citazioni inadeguate”. Il suo lavoro pubblicato. Tali incidenti, ha affermato il comitato, non hanno raggiunto il livello di “cattiva condotta nella ricerca”. Il consiglio ha detto che il Dr. K cercherà quattro emendamenti in due articoli.

Mercoledì successivo, il comitato ha affermato di aver esaminato anche il suo documento di ricerca del 1997, che non faceva parte della revisione originale, e di aver trovato due ulteriori casi di “linguaggio duplicato senza attribuzione appropriata”. L’università ha affermato che anche questi incidenti non costituiscono “cattiva condotta nella ricerca”, ma saranno cancellati nella tesi del dottor Kay.

Giovedì, alla domanda se la Harvard Corporation fosse al fianco del dottor Kay, un portavoce dell’università lo ha ribadito. 12 dicembre Rapporto unanime di sostegno. Il dottor K ha rifiutato di essere intervistato.

Le accuse di plagio contro la Dott.ssa Kay andavano da brevi frammenti di definizioni tecniche a brevi riassunti del lavoro di altri studiosi senza virgolette o citazioni dirette nella sua tesi e fino alla metà degli 11 articoli di giornale elencati nel suo curriculum. In un esempio beffardo, il dottor K ha preso in prestito le frasi esatte dalla sezione dei ringraziamenti del libro di un altro autore nella sezione dei riconoscimenti della sua tesi per ringraziare il suo mentore e la sua famiglia.

Non è stato accusato di violazioni più gravi, come la falsificazione di dati o il furto di ricerche o idee originali di un altro studioso.

Tuttavia, la serie di accuse ha lasciato personalmente preoccupati alcuni membri della facoltà. E alcuni hanno iniziato a parlare con maggiore forza, chiedendosi se il dottor K possa effettivamente svolgere i compiti presidenziali.

READ  Funzionari russi affermano che i droni ucraini hanno attaccato la Russia l’ultimo giorno del voto

“Bisogna essere pratici, non ideologici”, ha detto giovedì Avi Loeb, un professore di scienze che ha criticato la precedente testimonianza del dottor Kay al Congresso. “Se non riesce a raggiungere gli obiettivi che deve perseguire come presidente dell’università, è chiaro cosa bisogna fare.”

Alcuni importanti donatori restano agitati. Il miliardario di origine ucraina Len Blavatnik, che adorna un istituto della Harvard Medical School, ha deciso nelle ultime settimane di smettere di donare di più perché non era soddisfatto della risposta della scuola agli incidenti antisemiti nel campus, ha detto un portavoce. Ricevendo più di 200 milioni di dollari, Mr. La famiglia di Blavatnik non riprenderà la donazione “fino a quando l’antisemitismo ad Harvard non sarà affrontato con azioni concrete”, ha detto un portavoce in una nota.

Sig. La decisione di Blavatnik è stata riportata in precedenza tramite Bloomberg.

In una nota ai colleghi che ha condiviso con il New York Times, Eugene I., professore di chimica e biologia chimica. Shaknovich ha scritto che il mandato del dottor Kay come presidente era “insostenibile per Harvard”.

“Claudine Gay è un grande ostacolo per Harvard e un’implicazione per l’istruzione superiore in America”, ha scritto. Giusto: “La sua presidenza è stato un bellissimo regalo di Natale”.

Tuttavia, nel campus è continuato il dibattito sulla questione se le accuse contro il Dr. K fossero abbastanza gravi da giustificare ulteriori azioni.

Randall Kennedy, uno studioso di diritto di Harvard, ha detto giovedì che il suo sostegno al dottor Kay era “incrollabile”.

Le accuse contro di lui, ha detto, sono state portate alla luce per “diffamazione professionale”. Ha esortato l’università a “chiarire il concetto di furto e distinguere tra diversi livelli di criminalità”.

Ha anche suggerito che la leadership di Harvard si rifiuterebbe di collaborare ulteriormente con un’indagine del Congresso sull’università.

Per soddisfare lo standard di Harvard di “cattiva condotta nella ricerca”, che porta a severe sanzioni, le violazioni devono essere “intenzionali, consapevoli o sconsiderate”, secondo i regolamenti della Facoltà di Lettere e Scienze.

READ  Spiegazione: la strada tortuosa per l'approvazione dell'accordo sul tetto del debito degli Stati Uniti al Congresso

Daniel Swinton, ex assistente preside per l’integrità accademica presso la Vanderbilt University e ora consulente universitario e testimone esperto, ha sottolineato che l’intento è fondamentale. “Non ho letto nulla che dicesse che avesse rubato l’idea di qualcuno, ha passato tutto da sola”, ha detto.

L’accusa secondo cui il dottor K. aveva copiato frasi dal suo articolo di ricerca con l’approvazione di un altro autore lo colpì come “spaventoso”. Ma le approvazioni, ha detto, sono la “carta distintiva del mondo accademico” e il linguaggio comune è coerente.

Anche se il rettore di un’università può essere considerato di livello più elevato rispetto a uno studente, “se dobbiamo aspettarci la perfezione da lui, la risposta è no”, ha affermato il Sig. Ha detto Swindon.

Il campus di Harvard, che è stato teatro di intense proteste per settimane, giovedì era freddo e silenzioso alla fine delle finali e all’inizio della pausa invernale. Solo pochi turisti vagavano per i giardini tranquilli.

Remy Furrer, un ricercatore post-dottorato presso la Harvard Medical School, ha affermato di ritenere che il Dr. K si stesse “assumendo una certa responsabilità richiedendo alcune modifiche alla sua ricerca pubblicata”. Ma, ha detto, “è importante che gli standard accademici siano applicati equamente a tutti gli insegnanti, i dirigenti e gli studenti”.

Spencer Glassman, uno studente dell’ultimo anno di Harvard, ha detto che era impossibile dire se il Dr. K avesse oltrepassato il limite. Ma ha capito la necessità di esaminare attentamente le accuse di plagio.

“Costituisce lo standard per la serietà dell’università”, ha detto. “Il presidente deve essere in qualche modo impeachmentabile.”

Rob Copeland, Kitty Bennet, Anna BettsMatthew Eadie e Cici Yongshi Yu hanno contribuito alla segnalazione.