Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, potrebbe presentare ricorso contro l’estradizione negli Stati Uniti

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, potrebbe presentare ricorso contro l’estradizione negli Stati Uniti

LONDRA (AP) – Il fondatore di WikiLeaks Giuliano Assange Potrebbe essere presentato ricorso contro la sua estradizione negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio, ha stabilito lunedì un tribunale di Londra – una mossa che probabilmente si trascinerà in una saga legale già lunga.

I giudici dell’Alta Corte Victoria Sharp e Jeremy Johnson si sono pronunciati contro Assange dopo che i suoi avvocati hanno sostenuto che il governo degli Stati Uniti aveva fornito garanzie “grossolanamente inadeguate” di libertà di parola simili a quelle di un cittadino americano se deportato dalla Gran Bretagna.

Assange, 52 anni, lo è stato Incriminato per 17 capi d’accusa di spionaggio Un’accusa di uso improprio del computer nella pubblicazione di una serie di documenti statunitensi riservati sul suo sito web quasi 15 anni fa.

Centinaia di sostenitori hanno applaudito e applaudito fuori dalla corte quando la notizia del verdetto li ha raggiunti dall’interno della corte reale.

La moglie di Assange, Stella, ha detto: “L’America ha cercato di mettere il rossetto su un maiale, ma i giudici non ci hanno creduto”. Ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero “leggere la situazione” e abbandonare il caso.

“Come famiglia siamo sollevati, ma per quanto tempo potrà andare avanti?” lei disse. “Questo caso è vergognoso e sta mettendo a dura prova Julian.”

L’esperto informatico australiano ha trascorso gli ultimi cinque anni in un carcere di massima sicurezza britannico dopo aver cercato rifugio presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra per sette anni. Assange non era in tribunale per ascoltare il verdetto per motivi di salute, ha detto il suo avvocato.

I pubblici ministeri statunitensi accusano Assange di favoreggiamento Chelsea Manning, analista dell’intelligence militare statunitense Rubare dispacci diplomatici e documenti militari pubblicati da WikiLeaks.

READ  Tutto in arrivo da Apple a luglio 2022

Gli avvocati di Assange sostenevano che fosse stato lui il giornalista a denunciare le malefatte delle forze armate statunitensi in Iraq e Afghanistan. Hanno affermato che estradarlo negli Stati Uniti lo esporrebbe a un procedimento giudiziario motivato politicamente e rischierebbe un “flagrante diniego di giustizia”.

Il governo degli Stati Uniti ha affermato che le azioni di Assange sono andate oltre lo sforzo di un giornalista di raccogliere informazioni per citare in giudizio, rubare e rilasciare indiscriminatamente documenti governativi riservati.

Il giudizio sommario della Corte ha fatto seguito alle argomentazioni sull’affermazione di Assange secondo cui egli era essenzialmente un editore, rilasciando tutta una serie di documenti riservati e a causa della protezione della libertà di stampa garantita dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

L’udienza ha fatto seguito alla sentenza provvisoria emessa a marzo Può portare il suo caso davanti alla Corte d’Appello A meno che gli Stati Uniti non garantiscano che non affronterà la pena di morte se estradato e avrà le stesse tutele della libertà di parola di un cittadino statunitense.

Gli Stati Uniti hanno offerto queste assicurazioni, ma gli avvocati di Assange hanno accettato solo che non avrebbe affrontato la possibilità della pena di morte.

Hanno affermato che la garanzia su cui Assange “può sollevare e su cui cercare di fare affidamento” non è all’altezza della protezione del Primo Emendamento che merita. E hanno sostenuto che l’avvocato ha rifiutato di contestare il diritto di Assange di utilizzare tale difesa.

“Il vero problema è se siano state fornite garanzie adeguate per eliminare il pericolo reale identificato dalla corte”, ha affermato Fitzgerald. Si precisa che non è stata fornita alcuna garanzia adeguata.

READ  La partita più vista degli Eagles-Chiefs della stagione NFL 2023, il più grande pareggio della MNF in 27 anni

Senza la protezione del Primo Emendamento, la corte aveva precedentemente affermato che l’estradizione di Assange sarebbe stata incompatibile con la Convenzione europea sui diritti umani, che prevede anche la libertà di parola e la tutela dei media.

L’avvocato James Lewis, rappresentante degli Stati Uniti, ha affermato che la condotta di Assange è stata “semplicemente non protetta” dal Primo Emendamento.

“Nessun cittadino statunitense o cittadino straniero ha il diritto di fare affidamento sulla divulgazione del Primo Emendamento dei nomi di fonti innocenti in relazione alla divulgazione di informazioni sulla sicurezza nazionale ottenute illegalmente con grave e imminente rischio di danno per loro”, ha affermato Lewis.

Gli avvocati di Assange affermano che se condannato potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere, anche se i funzionari statunitensi hanno affermato che qualsiasi pena sarebbe minima.

La famiglia e i sostenitori di Assange affermano che la sua salute fisica e mentale è peggiorata Oltre un decennio di battaglie legali, Dal 2012 al 2019 ha trascorso sette anni presso l’Ambasciata dell’Ecuador a Londra. Ha trascorso gli ultimi cinque anni in un carcere di massima sicurezza britannico.

I passeggeri che uscivano da una fermata della metropolitana vicino al tribunale sono stati accolti con una foto di Assange e le parole “La pubblicazione non è un crimine. sono crimini di guerra.”

Folle di sostenitori si sono radunate davanti alla corte reale neogotica cantando “Libertà Julian Assange” e “Libertà di stampa, libertà di Assange”. Alcuni sventolavano bandiere bianche puntate contro il presidente Joe Biden ed esortavano: “Lascialo andare, Joe”.

Biden detto il mese scorso Lo considerò La rivendicazione dell’Australia Ad Assange dovrebbe essere consentito di abbandonare il caso e di tornare nel suo paese d’origine.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dell'eclissi solare annuale del 2023

I funzionari non hanno fornito altri dettagli, ma la moglie di Assange ha detto che è “un buon segno” e il primo ministro australiano Anthony Albanese ha detto che il commento è incoraggiante.