Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il giudice dell’Illinois caccia Trump dalle primarie

Il giudice dell’Illinois caccia Trump dalle primarie
  • Di Madeline Halbert
  • Notizie della BBC, New York

fonte dell'immagine, Belle foto

Un giudice dell'Illinois ha dichiarato Donald Trump colpevole di sedizione e lo ha escluso dalle elezioni primarie dello stato, anche se ha sospeso la sentenza in attesa di appello.

Altri due stati – Colorado e Maine – hanno rimosso Trump dalle loro elezioni primarie per aver violato la clausola di “sedizione” del 14° emendamento.

La decisione finale sarà presa dalla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Le elezioni primarie dell'Illinois sono previste per il 19 marzo.

La votazione anticipata è già iniziata. Trump – il principale candidato presidenziale repubblicano – rimarrà in ballottaggio almeno fino a venerdì, mentre avrà tempo per presentare ricorso contro l’ordinanza.

Tracy Porter, giudice della circoscrizione della Contea di Cook, concorda con gli elettori che sostengono che Trump abbia violato il 14° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti a causa del suo ruolo nelle rivolte del Campidoglio del 6 gennaio.

Ciò avviene dopo che la Corte Suprema del Colorado ha vietato a Trump di comparire alle primarie repubblicane di dicembre, sostenendo che le azioni di Trump durante le rivolte del Campidoglio del 2021 equivalevano a sedizione.

Nella sua sentenza, il giudice Porter ha definito il ragionamento del Colorado “convincente”. Ha sostenuto che il Consiglio elettorale statale ha sbagliato a respingere un precedente tentativo di rimuovere Trump dal ballottaggio.

Un portavoce di Trump ha definito la sentenza “incostituzionale” e ha promesso di presentare appello.

“I gruppi di facciata democratici finanziati da Sorus continuano a tentare di interferire nelle elezioni e negare al presidente Trump il suo legittimo posto nel ballottaggio”, ha detto il portavoce.

Trump ha già presentato ricorso contro il caso del Colorado alla Corte Suprema.

La Corte Suprema ha ascoltato le argomentazioni del caso all’inizio di questo mese, che sembrano mettere in dubbio la decisione del Colorado di escludere Trump dal ballottaggio.

La sfida legale riguarda un emendamento costituzionale dell'era della Guerra Civile che vieta a chiunque sia “impegnato in un'insurrezione o in un'insurrezione” dall'incarico federale.

Ma i giudici della Corte Suprema hanno posto domande difficili a coloro che rappresentano gli elettori del Colorado favorevoli alla messa al bando di Trump.

Il giudice conservatore Brett Kavanagh ha chiesto se ci sarebbe un “effetto no-voto” se agli elettori non fosse permesso di decidere da soli se vogliono che Trump sia presidente.

La sentenza del giudice dell'Illinois arriva dopo che mercoledì la Corte Suprema ha accettato di esaminare un altro caso che coinvolge Trump. Un tribunale a maggioranza conservatrice 6-3 deciderà se l’ex presidente ha l’immunità da una causa relativa ai tentativi di alterare le elezioni del 2020.