Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il lander giapponese atterrò sulla superficie lunare, ma rimase paralizzato da un guasto elettrico che pose fine alla missione

Il lander giapponese atterrò sulla superficie lunare, ma rimase paralizzato da un guasto elettrico che pose fine alla missione

Un lander robotico giapponese è atterrato sulla superficie lunare venerdì, ma ha immediatamente subito un malfunzionamento di qualche tipo che ha impedito alle sue celle solari di generare l'elettricità necessaria per mantenerlo in vita nel duro ambiente lunare.

Di conseguenza, hanno affermato i responsabili della missione, si prevede che il Lunar Exploration Intelligent Lander, o SLIM, apparentemente intatto, esaurirà le sue batterie entro poche ore dall’atterraggio, lasciandolo incapace e incapace di ricevere comandi o trasmettere telemetria e dati scientifici sulla Terra. .

Un concept artistico del lander lunare giapponese SLIM.

JAXA


C'è speranza che la sonda si “svegli” ad un certo punto, presupponendo che la navicella spaziale scenda nella direzione sbagliata e che l'angolo tra il sole e le celle solari migliori abbastanza nel tempo da generare energia sufficiente, ma i funzionari hanno detto che è così. no, è certo.

“Lo SLIM comunicava con la stazione di terra e riceveva comandi dalla Terra in modo accurato e la navicella spaziale rispondeva a questi in modo normale”, ha detto ai giornalisti Hitoshi Kuninaka, direttore generale della Japan Aerospace Research Agency, o JAXA. Dichiarazioni tradotte.

“Tuttavia, sembra che le celle solari non generino elettricità in questo momento. Poiché non siamo in grado di generare elettricità, il processo viene eseguito utilizzando batterie. … Stiamo cercando di (riportare i dati memorizzati) sulla Terra e stiamo facendo sforzi per massimizzare il rendimento scientifico”.

Ha detto che la carica della batteria si sarebbe esaurita prima della fine della giornata.

Solo Stati Uniti, Russia, Cina e India sono riusciti a far atterrare con successo un veicolo spaziale sulla Luna. Tre missioni di sbarco finanziate privatamente furono lanciate come iniziative commerciali, ma tutte e tre fallirono.

La scomparsa del lander lunare Peregrine

nei giorni scorsi, Il falco pellegrinocostruito da Astrobotic con sede a Pittsburgh, è rimasto bloccato in un'orbita terrestre altamente ellittica dopo che un malfunzionamento della valvola ha causato la rottura del serbatoio del carburante. Poco dopo il lancio 8 gennaio. I controllori di volo della compagnia hanno ordinato al veicolo spaziale di tornare nell'atmosfera terrestre, dove è bruciato giovedì pomeriggio.

Venerdì, durante una conferenza stampa separata, il CEO di Astrobotic, John Thornton, ha elogiato i controllori di volo della compagnia per essere riusciti a mantenere in vita il veicolo spaziale il più a lungo possibile, ad attivare i suoi carichi scientifici e ai propulsori antincendio per reindirizzare il veicolo e raccogliere dati che verranno restituiti a Astrobotic. la navicella spaziale. . Progettazione e funzionamento del più grande lander lunare, Griffin, il cui lancio è previsto per la fine di quest'anno.

“Convocheremo un comitato di revisione con diversi esperti di tutto il settore per esaminare attentamente la questione e scoprire esattamente cosa è successo”, ha detto Thornton. “Stiamo già valutando quali potrebbero essere questi impatti per il programma Griffin per garantire che questo tipo di anomalia non si ripeta mai più”.

Allo stesso tempo, ha aggiunto: “Ci stiamo anche assicurando che tutti i successi della missione Peregrine siano integrati nel programma Griffin per garantire che Griffin abbia successo. … Sono più fiducioso che mai che la nostra prossima missione avrà successo. avremo successo e atterreremo sulla luna.”

Il Giappone progetta di sbarcare sulla Luna

Il lander lunare della Japan Aerospace Exploration Agency è stato costruito per raggiungere due obiettivi principali: dimostrare un sistema di lander ad alta precisione in grado di guidare il rover all'atterraggio entro 100 metri, o circa la lunghezza di un campo da football americano, dal suo obiettivo pianificato; E testando un design leggero e innovativo che consenta ai veicoli spaziali più piccoli di trasportare più sensori e strumenti.

Il lander intelligente per l'esplorazione lunare giapponese, o SLIM.

JAXA


Lanciato Il 7 settembre, dal centro spaziale di Tanegashima, nel sud del Giappone, la navicella spaziale da 1.600 libbre è scivolata in un'orbita inizialmente ellittica attorno ai poli della Luna il giorno di Natale e si è spostata in un'orbita circolare a 373 miglia di altezza all'inizio di questo mese.

Venerdì mattina, ora americana, la navicella spaziale SLIM ha iniziato la sua discesa finale sulla superficie lunare da un'altitudine di circa nove miglia. La telemetria in tempo reale ha mostrato che il rover seguiva esattamente il percorso pianificato, fermandosi più volte lungo il percorso per fotografare la superficie sottostante e confrontare la vista con le mappe di bordo per garantire un atterraggio previsto ad alta precisione.

Le fasi finali della discesa sembrano procedere senza intoppi. Lo SLIM è passato dall'orientamento orizzontale a quello verticale nel tempo ed è caduto lentamente verso la superficie. Era programmato per lanciare due piccoli veicoli, conosciuti come LEV-1 e LEV-2, a pochi metri dall'atterraggio.

Si prevede che le gambe posteriori della sonda, progettate per atterrare su un pendio, atterreranno per prime. La navicella è progettata per inclinarsi leggermente in avanti, abbassando le zampe anteriori. L'idea era di posizionare la navicella spaziale su un terreno in pendenza con un orientamento che massimizzasse la produzione di energia solare.

Il lander SLIM è progettato per atterrare su un pendio, abbassando prima le zampe posteriori e poi inclinandolo per abbassare le zampe anteriori.

JAXA


La telemetria indicava l'atterraggio alle 10:20 EDT, circa 20 minuti dopo l'inizio dell'atterraggio. I funzionari della Japan Aerospace Exploration Agency non hanno confermato immediatamente la ricezione della telemetria, sollevando preoccupazioni sul fatto che il veicolo spaziale potrebbe non essere sopravvissuto all'atterraggio.

Ma la NASA Rete dello spazio profondoche invia comandi e riceve dati dai veicoli spaziali attraverso il sistema solare, stava ricevendo la telemetria da SLIM o da uno dei piccoli veicoli – o da entrambi – un'ora dopo l'atterraggio.

Nella conferenza stampa successiva all'atterraggio, i funzionari della JAXA hanno confermato che i controllori di volo stavano ricevendo la telemetria sia da SLIM che da LEV-1, progettata per inviare dati direttamente sulla Terra. Il LEV-2 ritrasmette i dati attraverso SLIM.

“Riteniamo che LEV-1 e LEV-2 siano stati separati con successo e stiamo facendo uno sforzo per ottenere i dati in questo momento”, ha detto Kuninaka.

Per quanto riguarda SLIM, ha detto che gli ingegneri sospettavano che le celle solari montate sulla superficie superiore della navicella fossero state danneggiate durante l'atterraggio dato che altri sistemi funzionavano normalmente dopo quello che ha descritto come un atterraggio “morbido”.

“La navicella spaziale è stata in grado di trasmetterci la telemetria (dopo l'atterraggio), il che significa che la maggior parte dell'attrezzatura sulla navicella funziona e funziona correttamente”, ha affermato. “L'altitudine da cui è stato effettuato l'atterraggio era di dieci chilometri. Quindi, se l'atterraggio non fosse andato a buon fine, si sarebbe verificata una velocità molto elevata (collisione). Quindi la navicella spaziale avrebbe perso completamente la sua funzione.

“Ma ora ci invia ancora i dati correttamente, il che significa che il nostro obiettivo originale di atterraggio morbido ha avuto successo.”

Ma ha detto che sarebbe necessaria un’analisi approfondita dei dati per determinare la posizione o l’orientamento del veicolo spaziale sulla superficie, per capire cosa è successo e per vedere con quanta precisione è stato effettivamente l’atterraggio.

READ  L’antico DNA denisovano potrebbe aumentare il rischio degli esseri umani moderni di sviluppare disturbi di salute mentale come la depressione