Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e il segretario di Stato americano Antony Blinken si incontrano a Monaco

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e il segretario di Stato americano Antony Blinken si incontrano a Monaco

Venerdì sera Wang incontrerà il capo della diplomazia europea Josep Borrell. È previsto anche un incontro con il ministro degli Esteri britannico David Cameron.

Il vicepresidente americano Kamala Harris interviene venerdì alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Foto: AP

Né gli Stati Uniti né la Cina hanno immediatamente rilasciato dichiarazioni sull’incontro.

L’intensa attività diplomatica è alla base del relativo disgelo nelle relazioni della Cina con gli Stati Uniti negli ultimi mesi, a seguito di un vertice ad alto livello tra i presidenti Joe Biden e Xi Jinping in California a novembre.

Il mese scorso Wang ha anche avuto ampi colloqui con il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan a Bangkok.

“Entrambi i paesi stanno cercando di gestire le relazioni in modo più efficace di prima, proprio perché vogliono evitare perdite e perdite”, ha detto Ian Bremmer, capo dell'Eurasia Advisory Group, a margine del vertice.

La Cina sostiene un “mondo multipolare equo e ordinato” al Forum sulla sicurezza di Monaco

“Questo anche se non c'è fiducia nel rapporto, non c'è armonia nel rapporto, ma c'è un'enorme quantità di interdipendenza. E penso che continuerà, almeno per un po'.”

Un anno fa, Wang e Blinken si incontrarono nello stesso posto, ma a un livello diplomatico basso, dopo un acceso disaccordo su un pallone di sorveglianza cinese trovato in volo sul Nord America. Gli Stati Uniti hanno abbattuto il pallone al largo della costa della Carolina del Sud e lo hanno recuperato per esaminarlo.

La dichiarazione cinese all'epoca affermava che Wang “ha presentato la forte posizione della Cina sul cosiddetto incidente del pallone e ha esortato gli Stati Uniti a risolvere il danno causato dall'abuso della forza alle relazioni sino-americane”.

Gli Stati Uniti hanno affermato all'epoca che Blinken “ha parlato dell'inaccettabile violazione della sovranità degli Stati Uniti e del diritto internazionale da parte del pallone di sorveglianza ad alta quota della Repubblica popolare cinese nello spazio aereo territoriale statunitense, sottolineando che questo atto irresponsabile non dovrà mai più verificarsi”.

Fiori e una foto del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny sono stati collocati vicino all'ambasciata russa quando si è diffusa la notizia della sua morte venerdì. Foto: Reuters

Venerdì è stato il primo giorno della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, oscurata dall'annuncio della morte del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny in una prigione di massima sicurezza nel circolo polare artico.

READ  L'ungherese Orban afferma di poter tenere la nazione fuori dalla guerra in Ucraina - WHIO TV 7 e WHIO Radio

Numerosi funzionari occidentali hanno condannato Mosca per la morte di Navalny. Harris ha detto che Washington sta “lavorando per confermare” la notizia, aggiungendo: “Qualunque sia la storia che raccontano, sia chiaro, la Russia è responsabile”.

La moglie di Navalny, Yulia, è salita sul palco subito dopo Harris, poche ore dopo che la notizia della morte del marito era apparsa sui media russi. Ha ricevuto una standing ovation dai leader riuniti.

“Probabilmente abbiamo visto tutti la terribile notizia oggi. Mi sono chiesto se dovevo venire qui o prendere l'aereo per andare dai miei figli. Poi ho chiesto cosa avrebbe fatto Alexei al mio posto. Sono sicuro che sarà qui,” Ha detto Yulia Navalny.

Yulia Navalny lascia la conferenza dopo aver parlato lì poche ore dopo che i media statali russi avevano annunciato la morte di suo marito. Immagine: DPA tramite AP

Nei dibattiti di venerdì, la Cina ha svolto un ruolo secondario nell'affrontare le turbolenze geopolitiche in Medio Oriente, la guerra in Ucraina e le imminenti elezioni americane.

“Sappiamo che la Cina esiste ancora, ma all'improvviso non parliamo più di Cina”, ha detto martedì Borrell, il massimo diplomatico dell'UE. “È chiaro che la Cina, il grande elefante nella stanza, non è al centro della situazione. le nostre preoccupazioni”. A margine del vertice.

“Gli schermi televisivi sono pieni di morti e feriti. La distruzione attira più l’attenzione della teoria sulla sicurezza economica o dell’espansionismo della Cina nel Mar Cinese Meridionale. Ma questi eventi continuano… e prima o poi ci sarà un’altra crisi”.

Nel frattempo, Harris ha usato il suo discorso per rassicurare gli alleati sul fatto che Biden resterà impegnato con la NATO e l’Ucraina, qualora dovesse vincere la rielezione a novembre.

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, potenziale avversario repubblicano di Biden, ha dichiarato nei giorni scorsi che non avrebbe difeso un alleato della NATO se la Russia lo avesse attaccato. Harris ha rifiutato quella “visione del mondo” definendola “pericolosa, destabilizzante e davvero miope”, suggerendo che avrebbe incoraggiato la Cina.

READ  Ex primo ministro Stabe: la Russia minaccerà la Finlandia dopo l'adesione alla NATO | Notizie Nato

Biden critica le minacce “stupide” e “pericolose” di Trump alla NATO

Immaginate se tollerassimo Putin, per non parlare di incoraggiarlo. La storia ci offre la prova che se rimaniamo a guardare mentre un oppressore invade impunemente il suo vicino, egli continuerà ad andare avanti. “Nel caso di Putin, ciò significa che l’intera Europa sarà minacciata”, ha detto Harris.

“Se non riusciamo a imporre gravi conseguenze alla Russia, altri autocrati in tutto il mondo si sentiranno più incoraggiati”, ha aggiunto, “perché, vedete, staranno a guardare, guarderanno e trarranno lezioni”.