Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro della Difesa israeliano afferma che l'esercito sta “pianificando meticolosamente” un attacco contro un'affollata città di confine nella Striscia di Gaza

Il ministro della Difesa israeliano afferma che l'esercito sta “pianificando meticolosamente” un attacco contro un'affollata città di confine nella Striscia di Gaza

TEL AVIV, Israele (AP) – Israele sta “pianificando meticolosamente” un attacco militare nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, segnalando la sua determinazione ad andare avanti nonostante le crescenti preoccupazioni internazionali sulla sicurezza di centinaia di migliaia di palestinesi, ha detto il ministro della Difesa israeliano Venerdì Coloro che cercano un alloggio sicuro. Riparo lì.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato Israele a non effettuare l’operazione senza un piano “credibile” per proteggere i civili e a concentrarsi invece su un cessate il fuoco, mentre l’Egitto ha affermato che l’operazione potrebbe minacciare Relazioni diplomatiche tra paesi. Molti altri leader mondiali hanno lanciato messaggi simili di preoccupazione.

Si stima che 1,4 milioni di palestinesi, più della metà della popolazione di Gaza, si siano radunati in questo luogo. RafaLa maggior parte di loro è stata sfollata a causa dei combattimenti in altre parti della regione. Centinaia di migliaia vivono in campi tentacolari.

Parlando ai giornalisti venerdì, il ministro della Difesa Yoav Galant ha detto che Israele ha inflitto pesanti perdite a Hamas durante la guerra, che è ora al suo quinto mese, e che Rafah è il “prossimo centro di gravità di Hamas” che Israele intende prendere di mira.

Ha detto: “Stiamo pianificando attentamente le future operazioni a Rafah, che è un’importante roccaforte per Hamas”. Ha rifiutato di dire quando l'operazione potrebbe iniziare, anche se Israele ha precedentemente affermato che svilupperà prima un piano Per evacuare i civili.

I palestinesi e le agenzie di soccorso internazionali affermano che non c’è nessun posto sicuro dove andare, mentre Israele sta anche lanciando raid nelle aree in cui ha detto ai civili di cercare rifugio. Rafah compresa.

L’esercito israeliano ha lanciato la sua guerra in risposta ad un attacco transfrontaliero Attacco di Hamas il 7 ottobre Ciò ha provocato l’uccisione di circa 1.200 persone in Israele e la presa in ostaggio di altre 250 persone. Secondo le autorità sanitarie dell’enclave gestita da Hamas, l’offensiva aerea e terrestre ha ucciso più di 28.000 palestinesi, ha causato una distruzione diffusa, ha costretto alla fuga circa l’80% della popolazione e ha scatenato una guerra civile. Crisi umanitaria.

READ  Grandi chicchi di grandine uccidono almeno una persona e ne feriscono dozzine in Spagna

L’Egitto ha ripetutamente messo in guardia Israele dallo spingere i civili palestinesi a Rafah oltre il confine, affermando che l’afflusso di massa potrebbe segnare la fine. 979 Accordo di pace Tra Israele ed Egitto.

Mentre alcuni estremisti israeliani hanno chiesto l’espulsione dei palestinesi da Gaza, Gallant ha affermato che non ci sono piani in tal senso.

Ha detto: “Lo Stato di Israele non ha intenzione di evacuare i civili palestinesi in Egitto”. Ha aggiunto: “Rispettiamo e apprezziamo l'accordo di pace che abbiamo concluso con l'Egitto, poiché è la pietra angolare della stabilità nella regione e un partner importante”.

nuovo Immagini satellitariTuttavia, ciò indica che l’Egitto si sta preparando per questo particolare scenario. Le immagini mostrano l’Egitto che costruisce un muro e livella le terre vicino al confine con Gaza. I funzionari egiziani non hanno risposto alle richieste di commento.

L’offensiva israeliana ha comportato mesi di attacchi aerei e un’invasione di terra che si è spostata costantemente verso sud, attraversando gran parte di Gaza.

Nelle ultime settimane l’attenzione si è concentrata su Khan Yunis, la seconda città più grande di Gaza e roccaforte di Hamas.

Funzionari sanitari palestinesi a Khan Yunis hanno detto venerdì che cinque pazienti in terapia intensiva sono morti dopo aver finito l’ossigeno a seguito di un raid delle forze israeliane nel più grande ospedale nel sud di Gaza.

L'esercito israeliano sta perquisendo il complesso dell'ospedale Nasser, arrestando sospetti attivisti di Hamas e cercando prove che i resti degli ostaggi israeliani rapiti da Hamas possano essere lì. Israele afferma che non prende di mira pazienti o medici, ma il personale afferma che la struttura sta soffrendo a causa del forte fuoco e della diminuzione delle scorte, compresi cibo e acqua.

Gallant ha detto che 70 sospetti militanti sono stati arrestati in ospedale, di cui 20 che avrebbero partecipato all'attacco del 7 ottobre.

Secondo i funzionari dell'ospedale, due attacchi aerei israeliani su Rafah durante la notte hanno ucciso almeno 13 persone, tra cui nove membri di una famiglia.

Sempre venerdì, un aggressore palestinese ha aperto il fuoco su una fermata dell'autobus in un incrocio trafficato nel sud di Israele, uccidendo due persone e ferendone quattro prima che un passante gli sparasse a morte. Nessuna parte ha immediatamente rivendicato la responsabilità.

READ  Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un'intervista alla CNN in cui criticava Putin

Il cessate il fuoco si è fermato

Intanto, a Gaza, negoziati per il cessate il fuoco. Sembra essersi fermatoVenerdì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto con forza la visione postbellica degli Stati Uniti, in particolare le sue richieste per la creazione di uno Stato palestinese.

Dopo aver parlato durante la notte con Biden e aver incontrato il capo della CIA William Burns, Netanyahu ha scritto su X che Israele non accetterà “i dettami internazionali riguardanti la soluzione permanente con i palestinesi”.

Ha detto che se altri paesi riconoscessero unilateralmente uno Stato palestinese, ciò darebbe una “ricompensa al terrorismo”.

Netanyahu ha ripetutamente rifiutato la creazione di uno Stato palestinese e si è persino vantato di aver contribuito a impedirlo durante il suo mandato.

La sua coalizione di governo è dominata da estremisti che si oppongono all’indipendenza palestinese, e qualsiasi processo diplomatico rischia di portare al collasso del governo.

Netanyahu si è impegnato a farlo Continua l'attacco Fino alla distruzione di Hamas e al rilascio degli oltre 100 ostaggi ancora prigionieri.

Biden venerdì ha esortato Netanyahu a rinviare l’operazione Rafah e a cercare invece un cessate il fuoco che potrebbe includere il rilascio degli ostaggi israeliani.

“Continuo a sperare che sia possibile farlo e, nel frattempo, non mi aspetto, anzi spero, che gli israeliani non intraprendano alcuna invasione di terra su larga scala”, ha detto Biden. “La mia speranza e aspettativa è che si ottenga questo accordo sugli ostaggi.”

L’UNRWA è di nuovo sotto pressione

Gallant ha lanciato nuove accuse contro Israele Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesiInclusa una foto di quello che, secondo lui, era un assistente sociale delle Nazioni Unite coinvolto in un rapimento israeliano il 7 ottobre.

Israele accusa da tempo l'UNRWA di cooperare con Hamas o di chiudere un occhio sulle attività del gruppo armato.

Durante la guerra, ha pubblicato le foto dei tunnel costruiti Accanto alle strutture dell'UNRWA Il mese scorso lo ha affermato 12 dipendenti dell'UNRWA Ha partecipato attivamente al massacro del 7 ottobre.

Ciò ha spinto gli Stati Uniti e altri paesi donatori a sospendere i finanziamenti all’UNRWA, il principale fornitore di aiuti umanitari a Gaza. L'agenzia afferma che dovrà cessare le operazioni entro la fine del mese se i finanziamenti non verranno ripristinati.

READ  Sette House Democrats votano solo "no" sul disegno di legge che richiede i rapporti del Dipartimento di Stato sulle linee guida di Taiwan

L'UNRWA nega di collaborare con Hamas e ha già licenziato i dipendenti accusati degli attacchi del 7 ottobre e ha avviato due indagini sulle sue operazioni.

Nella sua presentazione ai giornalisti, Gallant ha affermato che l’intelligence israeliana ha “indizi significativi” che più di 30 ulteriori dipendenti dell’UNRWA si sono uniti all’attacco del 7 ottobre.

Ha detto che circa 1.500 lavoratori, ovvero il 12% della sua forza lavoro, sono membri di Hamas o della Jihad islamica, e più di 230 fanno parte delle sue ali armate.

Ha detto: “L'UNRWA ha perso la sua legittimità e non è più in grado di operare come organismo delle Nazioni Unite”. Ha detto di aver ordinato alle autorità israeliane di iniziare a lavorare con organizzazioni alternative che potrebbero sostituire l'UNRWA.

Il commissario dell'UNRWA Philippe Lazzarini afferma di prendere sul serio le accuse, ma ha anche osservato che i 12 lavoratori identificati da Israele rappresentano una piccola parte della forza lavoro totale dell'UNRWA. Ha avvertito che l’interruzione delle operazioni potrebbe mettere a repentaglio il benessere degli abitanti di Gaza che dipendono dall’agenzia.

L'agenzia non ha commentato le ultime accuse di Gallant, ma ha affermato di fornire regolarmente i nomi dei suoi dipendenti a Israele e di agire contro chiunque venga scoperto a violare le regole di neutralità delle Nazioni Unite.

“Queste accuse scioccanti arrivano in un momento in cui più di due milioni di persone a Gaza hanno fatto affidamento sugli aiuti salvavita forniti dall’agenzia dall’inizio della guerra”, ha detto Lazzarini il mese scorso.

Ha aggiunto: “Chiunque tradisce i valori fondamentali delle Nazioni Unite tradisce anche coloro che serviamo a Gaza, in tutta la regione e in altre parti del mondo”.

___

Al-Sharafa ha riferito da Rafah, Striscia di Gaza. Marwa ha riferito da Beirut. La scrittrice dell'Associated Press Darlene Superville ha contribuito con un reportage da Washington.

___

Scopri di più sulla copertura AP su https://apnews.com/hub/israel-hamas-war