Maggio 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il petrolio scivola su nuove speranze per la diplomazia sulla crisi ucraina

Il petrolio scivola su nuove speranze per la diplomazia sulla crisi ucraina

Una pompa dell’olio al tramonto fuori Schebenhard, vicino a Strasburgo, Francia, 6 ottobre 2017. REUTERS/Christian Hartmann

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il petrolio è in calo dopo essere salito di oltre un dollaro
  • Il piano del vertice USA-Russia allevia i timori di interruzione del petrolio
  • Accordo nucleare iraniano “molto imminente”

MELBOURNE (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi lunedì, invertendo i forti guadagni iniziali, poiché la notizia di nuovi sforzi diplomatici per risolvere la crisi ucraina ha attenuato le preoccupazioni sulle forniture di greggio.

I future sul greggio Brent e sul greggio US West Texas Intermediate sono aumentati di oltre $ 1 al barile nei primi scambi asiatici poiché la crisi ucraina ha minacciato di interrompere le esportazioni di energia russe verso l’Europa.

Ma i prezzi sono poi saliti a quasi $ 1 dopo che l’ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato lunedì in una dichiarazione che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin avevano concordato in linea di principio di tenere un vertice sull’Ucraina. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I future sul greggio Brent sono scesi a 93,14 dollari al barile alle 0730 GMT, in calo di 40 centesimi, o 0,4%, dopo aver toccato in precedenza i 95 dollari, mentre i future sul greggio US West Texas Intermediate sono scesi di 28 centesimi a 90,79 dollari al barile, dal livello precedente più alto a 92,93 dollari. I mercati statunitensi rimarranno chiusi lunedì per le festività del President’s Day.

“La potenziale riduzione delle tensioni in Ucraina a seguito dell’annuncio del vertice USA/Russia questa mattina ha portato alcuni venditori di petrolio a emergere in Asia”, ha affermato Jeffrey Haley, analista di OANDA.

READ  Boeing ha saltato le stime poiché lotta con i ritardi nei programmi commerciali e di difesa

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la Russia sarebbe tagliata fuori dai mercati finanziari internazionali e bloccherebbe l’accesso alle esportazioni chiave necessarie per modernizzare la sua economia se avesse invaso l’Ucraina. Per saperne di più

“Se si verifica un’invasione russa, come hanno avvertito negli ultimi giorni gli Stati Uniti e il Regno Unito, i futures sul greggio Brent potrebbero salire sopra i $ 100 al barile, anche se viene raggiunto un accordo con l’Iran”, ha affermato in una nota l’analista della Commonwealth Bank Vivek Dar.

Gli analisti della OCBC Bank di Singapore hanno affermato che il greggio Brent potrebbe testare $ 100 a breve termine, forse prima della fine del primo trimestre.

Nonostante la possibilità che il petrolio raggiunga i 100 dollari, domenica i ministri dei paesi produttori di petrolio arabi hanno affermato che l’OPEC+ dovrebbe attenersi al suo attuale accordo di aggiungere 400.000 barili di petrolio al giorno ogni mese per la produzione, rifiutando le richieste di pompare di più per allentare la pressione sui prezzi. Per saperne di più

Per evitare un aumento dei prezzi, gli analisti di RBC Capital hanno affermato che la Casa Bianca dovrebbe preparare significative riserve di petrolio strategiche (SPR) coordinate attraverso l’Agenzia internazionale per l’energia.

“Ci aspettiamo che il rilascio della Strategic Petroleum Reserve degli Stati Uniti sia più grande del rilascio di novembre e questa volta potrebbero essere consegnati più bei barili attraverso la vendita diretta”, ha affermato RBC Capital in una nota.

I guadagni di prezzo sono stati limitati anche dal potenziale ritorno sul mercato di oltre 1 milione di barili al giorno di greggio iraniano.

READ  Petrolio in calo sui colloqui tra Russia e Ucraina, dati sulle scorte statunitensi

Un alto funzionario dell’Unione europea ha affermato venerdì che un accordo per rilanciare l’accordo nucleare iraniano del 2015 è “molto vicino”.

Gli analisti hanno affermato che il mercato rimane teso e qualsiasi aggiunta di petrolio aiuterà, ma i prezzi rimarranno volatili nel breve termine poiché è probabile che il greggio iraniano ritorni entro la fine dell’anno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Sonali Paul e Florence Tan) Montaggio di Sam Holmes, Shivani Singh e Muralikumar Anantharaman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.