Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PIL cinese e altri dati economici chiave sono in ritardo tra il Congresso del Partito Comunista del 2022


Hong Kong
Affari CNN

Cina Il Partito Comunista al potere ha ritardato bruscamente il rilascio di dati economici chiave, un giorno prima di un rilascio programmato, mentre raccoglie. Un importante raduno politico Sullo sfondo Un’economia vacillante.

Lunedì l’Ufficio nazionale di statistica del paese ha aggiornato il suo programma, con le date di una serie di indicatori economici – inclusa la crescita del PIL attentamente monitorata – contrassegnati come “ritardati”. Gli indicatori previsti per il rilascio martedì includono le vendite al dettaglio trimestrali, la produzione industriale e il tasso di disoccupazione mensile.

L’ufficio di presidenza non ha fornito una ragione per il ritardo né ha fissato una nuova data di rilascio.

Separatamente, l’autorità doganale del paese ha anche posticipato il rilascio dei dati commerciali mensili, inizialmente previsti per venerdì.

Il ritardo nei dati attesissimi coincide con la settimana del 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista. PechinoLeader cinese lì Xi Jinping Ci si aspetta che infranga le regole e vinca un terzo mandato. Le priorità presentate all’incontro definiranno il percorso della Cina per almeno i prossimi cinque anni.

“Il ritardo suggerisce che il governo ritiene che il 20° Congresso del Partito in Cina sia la cosa più importante in questo momento e vuole evitare altri flussi di informazioni che potrebbero creare messaggi contrastanti”, ha affermato Iris Pang, capo economista per la Grande Cina presso ING Group. , in una nota di ricerca di martedì.

Altri ricercatori ritengono che potrebbe essere perché i set di dati non sono belli.

“La mia previsione è un ulteriore calo dell’1,2%. [on a quarterly basis for China’s GDP]. Ciò potrebbe significare che la Cina si sta unendo agli Stati Uniti in una recessione tecnologica”, ha affermato Clifford Bennett, capo economista di ACY Securities.

READ  La direzione di Biden cerca di ristabilire la regola di vaccinazione del governo sul posto di lavoro

Ha detto che il ritardo avrebbe senso da un “punto di vista della gestione dell’immagine”. Alcuni economisti chiamano due trimestri consecutivi una contrazione Stagnazione tecnologica.

Il PIL cinese è sceso del 2,6% nel secondo trimestre rispetto al trimestre precedente, sostituendo la crescita dell’1,4% nel periodo gennaio-marzo. Su base annualizzata, l’economia è cresciuta dello 0,4% nel secondo trimestre.

Gli analisti si aspettano ampiamente che la crescita del terzo trimestre sarà debole poiché le restrizioni Covid più rigide, l’intensificarsi della crisi nel settore immobiliare e il rallentamento della domanda globale continuano a pesare sull’economia.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che il prodotto interno lordo cinese crescerà del 3,4% nel terzo trimestre rispetto all’anno precedente. Questo sarebbe ben al di sotto dell’obiettivo di crescita per l’intero anno del governo del 5,5%.

Diverse organizzazioni internazionali, tra cui il FMI e la Banca mondiale, hanno recentemente abbassato le previsioni di crescita del PIL cinese per quest’anno.

Bennett prevedeva la pubblicazione dei dati sul PIL del terzo trimestre dopo il congresso del partito.

“Ogni volta che si verifica l’emissione, se le due maggiori economie mondiali sono in recessione quest’anno, dovremmo essere tutti preparati per una reazione del mercato finanziario globale”, ha affermato.

L’economia cinese deve affrontare sfide crescenti. La crescita è stagnante, la disoccupazione giovanile è ai massimi storici e il mercato immobiliare è allo sfascio. I continui blocchi covid non solo hanno devastato l’economia, ma hanno anche alimentato il malcontento sociale.

Nel rapporto del 20° Congresso del Partito pubblicato domenica, Xi ha rinnovato la sua promessa di trasformare la Cina in un “paese a medio sviluppo” entro il 2035.

READ  I ritardi di spedizione globali sono superiori a quelli dei rivenditori durante le vacanze

Ciò significa che la Cina dovrebbe crescere a un tasso di crescita medio annuo del 4,7% dal 2021 al 2035, ha affermato Larry Hu, capo economista cinese di Macquarie Group.

Hu ha aggiunto che poiché l’economia deve affrontare diversi venti contrari strutturali come il calo degli asset, l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle tensioni USA-Cina, l’obiettivo potrebbe essere difficile da raggiungere.