Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Regno Unito si unisce agli sforzi internazionali per rivelare i primi momenti nell’universo | Scienze

I ricercatori del Regno Unito si stanno unendo a uno sforzo internazionale per rivelare come appariva l’universo una frazione di secondo dopo che è esploso nella sua esistenza e come l’ordine cosmico che vediamo oggi è emerso dal caos primordiale.

Sei università britanniche analizzeranno i dati e costruiranno nuovi strumenti per il Simmons Observatory, un gruppo di telescopi che esaminano il cielo da una posizione privilegiata a Cerro Toco, 5.300 metri sopra il deserto di Atacama in Cile.

L’osservatorio comprende un telescopio da 20 piedi e tre strumenti più piccoli da 16 pollici che misurano sfondo cosmico a microonde (CMB) – calore residuo dalla nascita dell’universo. Scienziati britannici costruiranno due telescopi aggiuntivi per migliorare la sensibilità della struttura.

Il dottor Colin Vincent, direttore associato dell’astronomia presso il Science and Technology Facilities Council, ha affermato che i finanziamenti per i ricercatori nel Regno Unito consentirebbero loro di “guidare le scoperte” insieme a team di altri paesi e scoprire “segreti dall’alba della storia”.

I radioastronomi negli Stati Uniti si sono imbattuti nell’esistenza del CMB negli anni ’60 quando hanno ricercato le origini di uno sconcertante “ronzio” che proveniva da tutto il cielo. Le misteriose microonde sono state debitamente ricondotte al calore dall’inizio dell’universo, che si è raffreddato mentre si espandeva.

Attraverso misurazioni dettagliate della radiazione CMB, gli astronomi sperano di sapere che aspetto avrà l’universo un trilionesimo di trilionesimo di trilionesimo di secondo dopo l’inizio dell’universo. Molti scienziati ritengono che minuscole fluttuazioni di energia nell’universo primordiale siano diventate i semi di galassie e ammassi di galassie mentre l’universo ha attraversato un periodo di profonda espansione noto come inflazione cosmica.

L’Osservatorio Simmons mira a misurare con precisione la precisa radiazione cosmica di fondo in modo che i ricercatori possano determinare quale dei molti modelli proposti per l’inflazione sembra aver seguito l’universo. L’Osservatorio mira anche a fare luce sulla materia oscura, la misteriosa materia oscura aggrappata alle galassie e sulla materia oscura proposta. energia oscura Si crede che stia guidando l’espansione dell’universo, alla ricerca di onde gravitazionali primordiali – brevi contrazioni nello spazio-tempo che potrebbero aver attraversato l’universo dal momento in cui ha avuto origine.

Il progetto guidato dagli Stati Uniti comprende 85 istituti di 13 paesi, con l’Imperial College London e le università di Cambridge, Cardiff, Manchester, Oxford e Sussex che cominceranno nuovi progetti all’osservatorio a partire dal prossimo mese.

Professoressa Ermenia Calabrese nella Facoltà di Fisica e astronomia A Cardiff, l’osservatorio ha affermato che l’osservatorio mapperà il cielo a microonde con una sensibilità senza precedenti nel prossimo decennio. “Piccole fluttuazioni nella radiazione CMB ci parlano delle origini, del contenuto e dell’evoluzione dell’universo e di come sono iniziate tutte le strutture che vediamo oggi nel cielo notturno”, ha detto.

“Cardiff è membro dell’Osservatorio Simmons sin dal suo inizio, ma questo nuovo investimento nel Regno Unito amplierà notevolmente la sua partecipazione e consentirà nuovi contributi alla strumentazione e all’elaborazione dei dati utilizzando tecnologie uniche nel Regno Unito”.

Il professor Mark Devlin, portavoce dell’Osservatorio Simons presso l’Università della Pennsylvania, si è detto “estremamente entusiasta” dell’adesione dei team britannici al progetto. “L’aggiunta di nuovi telescopi e ricercatori sarà un’importante aggiunta al nostro programma e contribuirà a garantire che l’Osservatorio Simmons riporti una scienza straordinaria negli anni a venire”, ha affermato.

READ  I pannelli solari ricoperti di polvere significano la fine della missione della sonda Marte della NASA