Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rover Curiosity della NASA rivela i segreti dell'antica acqua su Marte

Il rover Curiosity della NASA rivela i segreti dell'antica acqua su Marte

L'esplorazione di Curiosity del Canale Gediz Vallis su Marte offre nuove intuizioni sul passato del pianeta, rivelando una possibile storia di flussi d'acqua e cambiamenti climatici che sfida le precedenti convinzioni sull'aridità di Marte. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il rover ha raggiunto un'area dove potrebbero esserci tracce di flusso di acqua liquida Marte Per molto più tempo di quanto si pensasse.

NASAIl rover Curiosity ha iniziato ad esplorare una nuova regione su Marte, che potrebbe rivelare di più su quando l'acqua liquida scomparve una volta per tutte dalla superficie del Pianeta Rosso. Miliardi di anni fa Marte era più umido e forse più caldo di quanto lo sia oggi. Curiosity dà uno sguardo nuovo a quel passato simile alla Terra mentre attraversa, e alla fine attraversa, il Canale Gedes Valles, una caratteristica sinuosa, simile a un serpente che, almeno dallo spazio, sembra essere stata scavata da un antico fiume.

Questa possibilità ha suscitato l’interesse degli scienziati. Il team del rover sta cercando prove di come il canale sia stato scavato nella roccia. I lati della formazione sono abbastanza ripidi da far sì che la squadra non creda che il canale sia stato formato dal vento. Tuttavia, le colate detritiche (frane umide veloci) o un fiume che trasporta rocce e sedimenti possono avere energia sufficiente per scavare nella roccia. Dopo che il canale si formò, fu riempito di rocce e altri detriti. Gli scienziati stanno anche cercando di scoprire se questi materiali sono stati trasportati da colate detritiche o da valanghe secche.

La curiosità arriva a Gediz Valles

Dopo essere arrivato a Gediz Valles, il rover su Marte Curiosity della NASA ha catturato questa immagine panoramica a 360 gradi utilizzando una delle sue telecamere di navigazione in bianco e nero il 3 febbraio. Questa formazione ha stuzzicato la curiosità degli scienziati per ciò che potrebbe dire loro sulla storia dell'acqua sulla Terra. Pianeta rosso. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech

Dal 2014, Curiosity sta risalendo le pendici del Monte Sharp, che si trova a 3 miglia (5 chilometri) sopra il fondo del cratere Gale. Gli strati in questa parte inferiore della montagna si sono formati nel corso di milioni di anni nel contesto dei cambiamenti del clima marziano, fornendo agli scienziati un modo per studiare come è cambiata nel tempo la presenza dell’acqua e dei componenti chimici necessari alla vita.

READ  L'IA prevede la forma di quasi tutte le proteine ​​conosciute nella scienza

Ad esempio, la parte inferiore di questi pendii aveva uno strato ricco Minerali argillosi Dove molta acqua interagiva con le rocce. Il rover sta ora esplorando uno strato ricco di solfati, minerali salati che spesso si formano quando l’acqua evapora.


Esplora questo video a 360 gradi per vedere il canale Gediz Vallis dal punto di vista del rover Curiosity Mars della NASA. Credito: NASA/Laboratorio di propulsione a reazione-Istituto di tecnologia della California

Rivedi il programma di Mount Sharp

Ci vorranno mesi per esplorare completamente il canale e ciò che apprendono gli scienziati potrebbe alterare la sequenza temporale della formazione della montagna.

Una volta che gli strati sedimentari della parte inferiore del Monte Sharp furono depositati dal vento e dall'acqua, l'erosione li ridusse per rivelare gli strati visibili oggi. Solo dopo questi lunghi processi – nonché periodi di grave siccità durante i quali la superficie del Monte Sharp era un deserto sabbioso – fu possibile scavare il Canale Gedes Valles.

Gli scienziati ritengono che le rocce e gli altri detriti che poi riempirono il canale provenissero dalla montagna, dove Curiosity non sarebbe mai arrivato, dando al team un'idea dei tipi di materiali che potrebbero esserci.

Percorso del Rover su Marte Curiosity della NASA verso il canale di Gedes Valles

Il ripido percorso intrapreso dal rover Curiosity Mars della NASA per raggiungere il canale Gediz Vallis è evidenziato in giallo in questa visualizzazione realizzata a partire dai dati orbitali. In basso a destra c'è il punto in cui il rover ha sterzato per dare un'occhiata più da vicino a una cresta formata molto tempo fa da colate detritiche dalla cima del Monte Sharp. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/UC Berkeley

“Se il canale o il mucchio di detriti fosse formato da acqua liquida, sarebbe davvero interessante. Ciò significa che è molto tardi nella storia del Monte Sharp”, ha detto lo scienziato del progetto Curiosity Ashwin Vasavada, del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Dopo una lunga siccità – l'acqua è tornata, e in grande stile.”

READ  Il razzo Artemis 1 della NASA potrebbe subire venti dannosi mentre si avvicina la tempesta

Questa spiegazione sarebbe coerente con una delle scoperte più sorprendenti fatte da Curiosity durante la sua ascesa al Monte Sharp: l'acqua sembra andare e venire in più fasi, anziché scomparire gradualmente man mano che il pianeta si secca. Questi cicli possono essere visti come prova di fessure dell'argilla. Laghi poco profondi e salati. Appena sotto il canale, i catastrofici flussi di detriti si sono accumulati fino a formare la vasta catena montuosa di Gedes Valles.

L'anno scorso, Curiosity ha effettuato un'impegnativa missione di ascesa per studiare la cresta, che attraversa le pendici del Monte Sharp e sembra svilupparsi dall'estremità del canale, suggerendo che entrambi facciano parte di un unico sistema geologico.

Guarda attentamente il canale

Curiosity ha documentato il canale con un panorama in bianco e nero a 360 gradi dalla telecamera di navigazione sinistra del rover. L'immagine, scattata il 3 febbraio (4086esimo sol della missione), mostra sabbia scura che riempie un lato del canale e un mucchio di detriti che si innalza appena oltre la sabbia. Nella direzione opposta c'è il ripido pendio che Curiosity ha scalato per raggiungere questa zona.

Il rover scatta questo tipo di panorami con le sue telecamere di navigazione alla fine di ogni viaggio. Il team scientifico ora si affida maggiormente alle telecamere di navigazione mentre gli ingegneri cercano di risolvere un problema che limita l’uso di un singolo dispositivo di imaging appartenente alla Mast Camera a colori, o Mastcam.