Aprile 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Senato argentino ha respinto la proposta di deregolamentazione di Javier Miley

Il Senato argentino ha respinto la proposta di deregolamentazione di Javier Miley

Apri Editor's Digest gratuitamente

Il Senato argentino ha respinto il radicale decreto d'emergenza del presidente Javier Miley volto a liberalizzare l'economia, infliggendo un duro colpo al leader liberale e al suo tentativo di introdurre riforme nel paese colpito dalla crisi.

I senatori hanno votato con 42 voti favorevoli, 25 contrari e 4 astensioni. Pubblicato a dicembre, modifica o elimina più di 300 regolamenti che riguardano il mercato degli alloggi in affitto, la vendita al dettaglio di prodotti alimentari, i viaggi aerei, la proprietà fondiaria e altro ancora.

Miley, un'outsider politica eletta a novembre, sta lottando per superare un Congresso ostile e mettere in atto il suo programma di cambiamento radicale. La sua coalizione La Libertad Avanza (LLA) controlla meno del 10% dei seggi al Senato e non è riuscita a conquistare i parlamentari dell’opposizione centrista, la maggior parte dei quali giovedì ha votato con il movimento di opposizione peronista di sinistra, che controlla il 45% dei voti. Seggi del Senato. .

Diversi legislatori centristi hanno affermato che la misura non soddisfa i requisiti per un decreto di emergenza ai sensi della Costituzione e che Miley dovrebbe presentare le sue riforme di deregolamentazione come progetti di legge.

Il decreto resterà in vigore finché non sarà respinto anche dalla Camera dei Rappresentanti, dove Miley detiene il 15% dei seggi. La sua sopravvivenza dipende dai negoziati con i rappresentanti dell’opposizione lì.

Amilcar Colante, professore di economia presso l'Università Nazionale di La Plata, ha affermato che il risultato minaccerebbe la fiducia degli investitori nel governo di Miley e potrebbe esercitare pressioni al ribasso sui prezzi dei titoli sovrani argentini e sul peso.

READ  La Cina espande le esercitazioni militari, intensifica le minacce contro Taiwan

“Questa è una preoccupazione per il mercato perché il presidente è sul punto di perdere… l'unico insieme di riforme economiche sostanziali che è stato in grado di realizzare finora”, ha detto.

Miley in realtà ha scelto di ritirare l’altro punto della sua agenda legislativa – un disegno di legge ampio e articolato volto a riformare lo stato argentino – dall’aula della Camera il mese scorso dopo che i legislatori hanno respinto diversi articoli chiave.

Il presidente e il suo governo hanno lanciato questo mese un nuovo sforzo per approvare una versione ridotta della legge omnibus, avviando intensi negoziati con i 23 potenti governatori provinciali dell'Argentina, che controllano i legislatori.

Il testo del nuovo disegno di legge, condiviso giovedì con i legislatori, contiene 269 articoli volti a privatizzare le aziende statali, espandere i poteri del presidente e sostituire il sistema di calcolo degli aumenti delle pensioni, tra le altre cose.

Juan Negri, professore di politica all'Università Torcuato de Tella di Buenos Aires, ha detto che la sconfitta mette Miley in una “posizione molto più debole”, mentre i governatori, nessuno dei quali appartiene alla LLA, “si sentono più responsabilizzati” mentre attraversano il processo. quei negoziati…

Miley finora è riuscita a distogliere l'attenzione dalla sua debolezza politica, ma ora è fortemente smascherata. . . Altri politici cercheranno di ammassarsi”.

Tuttavia, Negri ha osservato che il successo delle riforme di Miley dipenderà in ultima analisi dalla sua capacità di ridurre rapidamente l'inflazione in Argentina, che ha un tasso annuo del 276%. Ha aggiunto: “Se riuscirà a farlo, sarà in grado di consolidare il sostegno popolare e cercare di ottenere nuovamente il sostegno politico”. “L’economia determinerà la sua identità”.

READ  Incontro con Lukashenko Xi: l'alleato di Putin incontra il leader cinese Xi Jinping a Pechino