Settembre 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il telescopio spaziale James Webb e una ricerca condivisa da ogni essere umano

In caso di fallimento, credo che tutto potrebbe essere ancora in palio, tranne la decisione di costruire un telescopio del genere nel primo caso. Costruirlo ha richiesto il meglio degli esseri umani: cooperazione e dedizione alla conoscenza, audacia e umiltà, rispetto per la natura e la nostra stessa ignoranza, e la grinta per continuare a raccogliere i pezzi del fallimento e ricominciare. E di nuovo.

“Questo è incredibile. Siamo a circa 600.000 miglia dalla Terra e in realtà abbiamo un telescopio “, ha detto Bill Ochs, project manager di Webb presso il Goddard Space Flight Center, quando il telescopio ha finalmente spiegato le sue ali dorate all’inizio di questo mese.

Barcollamo verso l’alto sotto il peso della nostra conoscenza della nostra mortalità. Di fronte all’abisso ultimo che è il destino, possiamo trovare onore e dignità nel fatto che abbiamo giocato il gioco cosmico per vincere, cercando di conoscere e sentire quanto più possibile nei brevi secoli che ci sono stati assegnati.

Una volta, tanto tempo fa in un’altra vita, mi è capitato di sedermi accanto Riccardo Giacconi, uno dei grandi capitani di Big Science e in seguito a ricevere il Premio Nobel per la Fisica, in volo per una conferenza a cui stavamo entrambi partecipando a San Diego. A quel tempo era con l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e attendeva con impazienza il lancio del suo progetto onirico, un satellite – in seguito chiamato Einstein Observatory – che registrava immagini di raggi X da oggetti violenti come i buchi neri.

Dott. Giacconi, tuttavia, aveva proposto di chiamare il suo satellite Pequod, dal nome della nave condannata che Achab aveva comandato all’inseguimento di Moby Dick, con grande divertimento e sconcerto dei suoi colleghi.

READ  Facebook darà lavoro a 10.000 persone nell'UE.

Quindi gli ho chiesto perché volesse dare il nome alla creazione dei suoi sogni dopo una baleniera condannata.

Dott. Giacconi ha risposto che gli piaceva il collegamento della storia della caccia alle balene con il New England. Poi iniziò una disquisizione su Dante, di tutte le persone. Durante il giro dell’inferno del poeta nella sezione Inferno della “Divina Commedia”, trova Ulisse consumato dalle fiamme, come punizione per i suoi peccati, schemi e truffe durante la guerra di Troia e il successivo viaggio di ritorno a casa.

Ulisse racconta la storia della sua vita e dei suoi viaggi, di come tornò a Itaca ma poi si annoiò e partì con i suoi uomini per un viaggio attraverso le Colonne d’Ercole nel grande e sconosciuto mare occidentale. Quando il suo equipaggio si è innervosito e ha voluto tornare indietro, ha detto loro di alzarsi.