Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il telescopio spaziale Webb rileva la più antica galassia “morta”.

Il telescopio spaziale Webb rileva la più antica galassia “morta”.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Gli astronomi hanno scoperto la più antica galassia “morta” mai osservata mentre studiavano l'universo con il telescopio spaziale James Webb, una delle vedute più profonde dell'universo lontano realizzate fino ad oggi con l'osservatorio.

La galassia esisteva quando l'universo aveva solo circa 700 milioni di anni rispetto alla sua età attuale di circa 13,8 miliardi di anni. Ma qualcosa ha fatto sì che la galassia smettesse improvvisamente di formare stelle con la stessa rapidità con cui iniziò più di 13 miliardi di anni fa, e i ricercatori devono ancora scoprirne il motivo.

Un rapporto che descrive la scoperta è apparso mercoledì sulla rivista natura. Secondo gli autori, lo studio della galassia potrebbe rivelare nuove conoscenze sull’universo primordiale e sui fattori che influenzano la formazione stellare all’interno delle galassie.

“Le prime centinaia di milioni di anni dell'universo furono una fase molto attiva, in cui molte nubi di gas collassarono per formare nuove stelle”, ha detto l'autore principale dello studio Tobias Loeser, uno studente di dottorato in astrofisica extragalattica presso il Kavli Institute of Cosmology di New York. l'Università di Cambridge. Nella situazione attuale. “Le galassie hanno bisogno di una ricca fornitura di gas per formare nuove stelle, e l’universo primordiale era un buffet a volontà”.

Il gruppo di ricerca è stato sorpreso di trovare una cosiddetta galassia morta che visse rapidamente e morì giovane poco dopo il Big Bang che creò l'universo.

“(In genere) solo più tardi nell'universo iniziamo a vedere le galassie smettere di formare stelle, che sia a causa di un buco nero o qualcos'altro”, ha detto il coautore dello studio, il dottor Francesco DiEugenio, astrofisico e ricercatore post-dottorato a Kavli. . Istituto di Cosmologia in un comunicato.

READ  Queste non sono le aurore boreali. Questo è Steve

La formazione stellare si ferma quando fattori ambientali privano una galassia del gas necessario per far nascere nuove stelle.

I buchi neri supermassicci o le violente interazioni tra le stelle potrebbero essere la causa dell’espulsione di gas dalle galassie, portando a un rapido arresto della formazione stellare. Oppure il processo di nascita stellare potrebbe consumare così tanto gas che non c’è abbastanza tempo per ricostituirlo per garantire che il processo continui nel futuro.

“Non siamo sicuri che qualcuno di questi scenari possa spiegare ciò che abbiamo visto con Webb”, ha detto il coautore dello studio Roberto Maiolino, professore di astrofisica sperimentale al Cavendish Laboratory e al Kavli Institute of Cosmology dell’Università di Cambridge. un permesso.

“Fino ad ora, per comprendere l’universo primordiale, abbiamo utilizzato modelli basati sull’universo moderno”, ha aggiunto Maiolino, “ma ora che possiamo guardare più indietro nel tempo, e notare che la formazione stellare si è esaurita molto rapidamente in questa galassia, potrebbe essere necessario riconsiderare i modelli basati sull’universo moderno.

Le osservazioni di Webb hanno rivelato che la galassia appena scoperta, denominata JADES-GS-z7-01-QU, ha sperimentato una breve e attiva esplosione di formazione stellare che è durata tra 30 e 90 milioni di anni prima che la nascita delle stelle si fermasse improvvisamente.

“Tutto sembra accadere più velocemente e in modo più drammatico nell'universo primordiale, e questo potrebbe includere la transizione delle galassie dalla formazione stellare alla dormienza”, ha detto Loeser.

La galassia morta rivelata dallo studio non è la prima che gli astronomi hanno incontrato, ma è la più antica osservata finora.

Inoltre, la galassia aveva anche una massa piccola, simile a una galassia nana vicino alla Via Lattea conosciuta come la Piccola Nube di Magellano – che sta ancora formando nuove stelle. Le galassie morte osservate in precedenza erano molto più grandi, aggiungendo un altro vantaggio alla scoperta di Webb.

READ  Cygnus non riesce a distribuire pannelli solari subito dopo il lancio

La galassia appena scoperta si trova a miliardi di anni luce dalla Terra e un anno luce è la distanza percorsa da un raggio di luce in un anno, ovvero più di 5,88 trilioni di miglia (9,46 trilioni di km). Quindi Webb sta essenzialmente osservando la galassia com'era in passato, e gli astronomi non hanno escluso la possibilità che possa essere resuscitata e aver iniziato a formare nuovamente stelle.

“Stiamo cercando altre galassie come questa nell’universo primordiale, che ci aiuteranno a porre alcuni vincoli su come e perché le galassie smettono di formare nuove stelle”, ha detto DiEugenio. “Potrebbe darsi che le galassie nell’universo primordiale ‘muoiano’ e tornino alla vita, e avremo bisogno di più osservazioni per aiutarci a capirlo”.