Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il terzo periodo elimina i Rangers e li rimanda in Carolina

Il terzo periodo elimina i Rangers e li rimanda in Carolina

NEW YORK – Si scopre che i Rangers dovranno sudare questo.

Le visioni di una seconda vittoria consecutiva nei playoff sono state cancellate quando hanno perso Gara 4 in Carolina sabato, ma Gara 5 al Madison Square Garden sembrava il luogo adatto per porre fine ai fastidiosi Hurricanes.

Solo che non è andata così.

Lunedì i Rangers si sono portati in vantaggio di un gol nel terzo periodo, ma è stato allora che la squadra di Kane si è avventata. Hanno segnato quattro gol senza risposta nel frame finale, di cui tre in un arco di 6:23, cancellando il loro deficit e consegnando alle magliette blu una schiacciante sconfitta per 4-1.

E ora abbiamo una catena.

“Non era la serata che aspettavamo”, ha detto un allenatore visibilmente turbato, Peter Laviolette. “Era più un terzo periodo.”

Mescolamento in avanti: Filip Chytil ritorna dalla malattia ma difficilmente potrà giocare

Secondo Laviolette, da Gara 5 sono emerse alcune tendenze preoccupanti.

Il gioco di potere dei Rangers, che hanno iniziato i playoff come una delle unità più calde della NHL, è andato a zero nelle ultime tre partite, andando 0 su 8 in quel periodo. Lunedì anche il loro attacco cinque contro cinque non è riuscito a segnare, sparando solo 15 tiri, e la loro difesa ha fallito nei momenti inopportuni.

I Tornado sono noti per il loro comportamento sciamante e distruttivo, che è aumentato man mano che la serie continua. Hanno trasformato molti dei tentativi di breakout delle Blueshirts in sessioni di disco scoordinate, hanno trasformato le palle perse in tiri veloci e hanno approfittato del crollo della zona difensiva, soprattutto quando gli attaccanti di New York sono rimasti in svantaggio.

“I dettagli non erano lì per noi, erano pensati per loro”, ha detto il veterano Chris Kreider. “Fanno le cose semplici. Col tempo, queste cose alla fine porteranno a opportunità e risultati.”

I Rangers sono ancora in testa alla serie 3-2, ma il ritorno alla PNC Arena – dove i Canes hanno vinto 16 delle ultime 21 partite di playoff – per Gara 6 giovedì alle 19 è il prossimo con un programma sempre più difficile.

READ  'Vorrei essere un uomo', dice Cheng Qinwen mentre i crampi allo stomaco finiscono con il France Open

Se lo slancio è qualcosa su cui basarsi nei playoff, è andato decisamente a favore di Carolina.

“Puoi guardare allo slancio o alla disperazione”, ha detto il capitano dei Rangers Jacob Trouba. “Si potrebbe dire che abbiamo avuto lo slancio andando 3-0, ma la disperazione era dalla loro parte. È una specie di arma a doppio taglio. Non vedo molto lo slancio da una partita all’altra. È una tabula rasa. Ho ho avuto una possibilità.” “Un nuovo crack in una partita 0-0 in due giorni.”

Un momento fugace per il Partito dei Lavoratori del Kurdistan

Il primo periodo senza reti è stato caratterizzato da buone occasioni in entrambe le direzioni, ma la squadra di Kane ha fatto un ottimo sforzo nel secondo tempo quando un rigore per Jack Roslovic li ha mandati in power play.

Il timore era che Carolina potesse fare affidamento sul gol vincente di Brady Skjei sabato, che ha fatto scattare una scivolata 0 su 16 per PP per iniziare questa serie. Ma il decantato rigore dei Rangers, probabilmente la loro più grande forza in questi playoff, è tornato a dominare.

La giocata chiave è arrivata da Trouba, che era sul ghiaccio per tutti e quattro i gol di Kane in gara 4 ma lunedì ha risposto con una prestazione di rimbalzo. (Anche l’imperfezione di fine partita di cui parleremo tra poco.) Ha bloccato un tiro di Sebastian Aho, ha raccolto la palla vagante e l’ha portata da costa a costa per il quarto gol shorthanded di New York dei playoff.

Ciò ha portato all’1-0 al 6:23, con i Rangers che continuavano a condurre in un periodo finale che ha preso una brusca svolta a favore degli Hurricanes.

“Sapevamo che dovevamo vivere la nostra migliore stagione”, ha detto il capitano della Carolina Jordan Staal. “E lo abbiamo fatto.”

READ  Carte Tommy Fleetwood Una coppia di Aquile scala la classifica nel round finale

Scivolando via

I Canes non riescono ad avere la meglio su Igor Shesterkin nei primi 40 minuti, ma fanno pagare ai Blueshirts un approccio passivo in avvio di terzo periodo.

I padroni di casa sono alle calcagna fin dall’inizio del periodo, con Staal che segna il pareggio dopo che il passaggio di Kreider è stato intercettato da Dmitry Orlov. Ha inviato un passaggio sul ghiaccio a Staal, che è stato colpito dal difensore Braden Schneider prima di arrivare a Shesterkin per un finale di rovescio.

“Questo era il vecchio Jordan Staal”, ha detto l’allenatore del Canes Rod Brind’Amour.

Questo ha portato all’1-1 con 16:27 da giocare, con Carolina che continua a premere da lì.

Evgeny Kuznetsov ha poi segnato il suo secondo gol in altrettante partite, battendo Artemi Panarin sul secondo palo e seppellendo un rimbalzo di Skii che si è rivelato decisivo.

Jordan Martinuk ha poi segnato per il 3-1 con 10:04 da giocare, finendo dallo slot dopo che Jack Drury Trouba ha costretto un turnover dietro la rete per mettere a tacere il pubblico del MSG.

Un gol a porta vuota di Martin Necas ha segnato il destino dei Rangers, mentre la pressione ora si sposta sulle loro spalle per la prima volta in queste qualificazioni.

“È un brutto momento”, ha detto Trouba. “Non penso che ci siederemo qui e romperemo le cose 100 volte e proveremo a sistemare un sacco di cose. Abbiamo avuto un brutto allungamento. Abbiamo giocato una buona partita in modo coerente durante i playoff, e questo è il tipo di gioco che vogliamo voglio tornare a Raleigh.”

“Un ottimo posto dove stare”

Per raggiungere questo obiettivo, i Rangers avranno bisogno che alcuni giocatori si facciano avanti.

Panarin è in cima a quella lista dopo uscite consecutive senza senso che includevano alcuni evidenti passi falsi difensivi, con Adam Fox proprio al suo fianco. Il miglior difensore dei Blueshirts non è apparso in nove partite di playoff – in effetti, appare accasciato dopo una collisione con il difensore dei Washington Capitals Nick Jensen in Gara 4 della serie precedente – e non è riuscito a registrare un punto in tre gare consecutive.

READ  L'ex allenatore della NFL Rex Ryan strappa Dolphin con l'infortunio di Tua Tagoviloa: "Questo è un fallimento epico"

L’elenco potrebbe continuare, inclusa una serie irregolare per la coppia difensiva Erik Gustafsson Trouba e una notte difficile per gli ultimi sei attaccanti dei Rangers, che sono stati battuti 7-1 in gara 5.

Nel complesso, secondo Natural Stat Trick, New York è riuscita a realizzare solo un’occasione da gol ad alto rischio in 5 contro 5 negli ultimi due periodi. Ci vorrà uno sforzo notevolmente maggiore per eliminare i tornado che crescono improvvisamente.

“Non rifletteva dove eravamo per la maggior parte dell’anno”, ha detto Laviolette. “Ogni volta che non usi le tue abilità, ti preoccupi. Ma so anche che questo gruppo ha già partecipato a partite come questa e ha risposto. C’è responsabilità da parte loro.”

Quella ferma determinazione ha aiutato le Camicie Blu a conquistare il quarto Trofeo dei Presidenti nella storia della franchigia, stabilendo nuovi record di squadra per punti (114), vittorie (55) e rimonte (28).

Ora dovranno affrontare la prova più importante, con la possibilità di dimostrare se hanno davvero il DNA del campionato.

“Se mi avessi detto che avremmo finito 3-2 contro la seconda migliore squadra del campionato con la possibilità di chiudere la partita, sarebbe un bel posto dove stare”, ha detto Kreider. “Quindi, vai là fuori e sii migliore, sii più dettagliato, lavora insieme e trova un modo per vincere la partita.”

Vincent Mercogliano è il reporter della squadra dei New York Rangers per USA TODAY Network. Leggi di più sul suo lavoro su lohud.com/sports/rangers/ e seguilo su Twitter @vzmercogliano.