Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il tremore petrolifero colma il divario di offerta della Russia mentre l’OPEC pesa sul mercato

Gli impianti industriali della raffineria di petrolio PCK Raffinerie sono stati girati l’8 marzo 2022 a Schwedt / Oder, in Germania. La società riceve petrolio greggio dalla Russia tramite un gasdotto “amico”. REUTERS / Annibale Hanschke

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Brent, WTI scambia $ 4 a $ 5
  • I funzionari degli Emirati Arabi Uniti hanno opinioni diverse sui piani di rilascio
  • Le scorte di greggio e combustibili statunitensi sono diminuite la scorsa settimana, con l’SPR in calo nel 2002

MELBOURNE, 10 marzo (Reuters) – Giovedì i prezzi del petrolio sono aumentati a causa della volatilità degli scambi, dopo un forte calo nella sessione precedente poiché il mercato pensava che i grandi produttori avrebbero aumentato l’offerta per aiutare a ridurre il divario produttivo a causa delle sanzioni contro l’invasione della Russia. Ucraina.

I future sul greggio Brent sono aumentati di $ 2,53 o del 2,28% a $ 113,67 al barile alle 0651 GMT dopo essere stati scambiati nella fascia di $ 5. Il contratto benchmark è sceso del 13% nella sessione precedente, il più grande calo di un giorno in quasi due anni.

I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono aumentati di $ 1,64 o dell’1,51% a $ 110,34 al barile dopo essere stati scambiati nella fascia di $ 4. Il contratto è sceso del 12,5% nella sessione precedente, il calo giornaliero più grande da novembre.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’incertezza su dove e quando fornire petrolio greggio dalla Russia, il secondo esportatore mondiale in un mercato ristretto, ha portato a stime diffuse dei prezzi del petrolio che vanno da $ 100 a $ 200 al barile.

READ  La Casa Bianca trolla i critici del GOP del piano di prestito studentesco su Twitter - Scadenza

“Quindi sarebbe un errore suggerire che il mercato petrolifero è in subbuglio perché ci troviamo in una situazione senza precedenti”, ha affermato Stephen Innes, managing partner di SPI Asset Management.

I commenti del ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti e dell’ambasciatore di quel Paese a Washington hanno inviato segnali contrastanti.

Il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, Suhail al-Masroue, ha dichiarato mercoledì su Twitter che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati, inclusa la Russia, si sono impegnati a rispettare l’accordo esistente per aumentare la fornitura mensile di petrolio di 400.000 barili al giorno, noto come OPEC +. Tagli netti nel 2020. Per saperne di più

Poche ore fa, dopo che l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti a Washington ha invaso l’Ucraina, i prezzi sono scesi per i commenti secondo cui il suo Paese stava incoraggiando l’OPEC a considerare una maggiore produzione per colmare il gap di offerta dovuto alle sanzioni contro la Russia. La Russia definisce la sua incursione una “operazione speciale” per disarmare i suoi vicini. Per saperne di più

I commenti dei funzionari degli Emirati Arabi Uniti tengono conto delle mosse degli Stati Uniti per allentare le sanzioni sul petrolio venezuelano e degli sforzi per concludere un accordo nucleare con Teheran, che potrebbe portare a più forniture di petrolio dall’Iran entro la fine dell’anno. Per saperne di più

Anche i colloqui di giovedì tra la Russia e i ministri degli Esteri ucraini in Turchia hanno fornito un motivo di mercato per la sospensione.

Sebbene gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita abbiano capacità inutilizzata, a causa dei bassi investimenti in infrastrutture negli ultimi anni, alcuni altri produttori OPEC+ hanno difficoltà a raggiungere i propri obiettivi di produzione, il che potrebbe ridurre il potenziale produttivo.

READ  Le azioni statunitensi fluttuano dopo il rapporto sull'occupazione

“Riteniamo che aumentare la produzione in questo ambiente sarà una sfida per l’OPEC +”, ha affermato Vivek Dhar, analista dell’inventario della Commonwealth Bank.

Nel frattempo, le riserve di petrolio greggio e carburante degli Stati Uniti sono crollate la scorsa settimana, aggiungendosi alle preoccupazioni per una fornitura globale già ridotta.

Secondo un sondaggio Reuters, le scorte di greggio sono scese di 1,9 milioni di barili a 411,6 milioni di barili nella settimana fino al 4 marzo, dalle aspettative degli analisti di un calo di 657.000 barili.

Le disponibilità di petrolio greggio degli Stati Uniti nelle riserve petrolifere strategiche sono scese a 577,5 milioni di barili, il livello più basso dal luglio 2002.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Sonali Paul Report; Montaggio di Sri Navaratnam, Shivani Singh e Tom Hoke

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.