Maggio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il tribunale russo condanna il critico del Cremlino Navalny per frode

Il tribunale russo condanna il critico del Cremlino Navalny per frode
  • I pubblici ministeri cercano di aggiungere più pena detentiva a Navalny
  • La sua rete di opposizione è già stata bandita in Russia
  • I pubblici ministeri chiedono altri 13 anni
  • Navalny ha esortato i russi a protestare contro la campagna in Ucraina

(Reuters) – Un tribunale russo ha condannato martedì il critico del Cremlino, Alexei Navalny, per frode diffusa, con una mossa che potrebbe prolungare per anni la pena detentiva dei più importanti critici del presidente Vladimir Putin.

Navalny sta già scontando una condanna a due anni e mezzo in un campo di concentramento a est di Mosca per violazioni della libertà vigilata relative ad accuse che secondo lui sono state inventate per contrastare le sue ambizioni politiche.

Nell’ultimo procedimento penale a suo carico, che ha anche respinto come motivato politicamente, a quella sentenza si potevano aggiungere fino a 13 anni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’emaciato Navalny era in piedi accanto al suo avvocato in una stanza piena di agenti di sicurezza della prigione mentre il giudice leggeva le accuse contro di lui. Il 45enne sembrava imperturbabile, guardando in basso mentre sfogliava le carte del tribunale.

I pubblici ministeri avevano chiesto alla corte di mandarlo in una colonia penale di massima sicurezza per 13 anni per frode e oltraggio alla corte. Il verdetto è atteso entro martedì.

Navalny è stato imprigionato l’anno scorso quando è tornato in Russia dopo aver ricevuto cure mediche in Germania a seguito di un attacco di agenti nervini tossici dell’era sovietica durante una visita in Siberia nel 2020. Navalny ha incolpato Putin per l’attacco.

READ  Milionari si uniscono alle proteste di Davos per chiedere "tassaci ora" | Davos

Il Cremlino ha affermato di non aver visto alcuna prova dell’avvelenamento di Navalny e ha negato qualsiasi ruolo alla Russia se lo fosse stato.

Dopo l’ultima udienza in tribunale nel suo caso il 15 marzo, Navalny ha assunto un tipico tono di sfida, scrivendo su Instagram: “Se la pena detentiva è il prezzo del mio diritto umano di dire cose che devono essere dette… allora possono mettere in discussione 113 anni e non rinuncerò alle mie parole o alle mie azioni.” “. Per saperne di più

Le autorità russe consideravano Navalny ei suoi sostenitori come spoiler decisi a destabilizzare la Russia con il sostegno dell’Occidente. Molti degli alleati di Navalny sono fuggiti dalla Russia piuttosto che affrontare restrizioni o reclusione in casa.

Il movimento di opposizione di Navalny è stato descritto come “estremista” ed è stato chiuso, sebbene i suoi sostenitori continuino a esprimere le loro posizioni politiche, inclusa la loro opposizione all’intervento militare di Mosca in Ucraina, sui social media.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scritto da Kevin Levy/reuters giornalista. Montaggio a cura di Reuters Editor

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.