Maggio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Colonna: Il divieto australiano all’allumina metterà sotto pressione Rusal e l’alluminio: Andy Home

Colonna: Il divieto australiano all'allumina metterà sotto pressione Rusal e l'alluminio: Andy Home

LONDRA (Reuters) – La decisione dell’Australia di vietare le esportazioni di allumina verso la Russia ha aumentato la pressione sulle materie prime sul colosso russo dell’alluminio Rusal. Per saperne di più

La capacità di fusione di quattro milioni di tonnellate all’anno dell’azienda gestisce otto milioni di tonnellate di allumina, che si trova tra la bauxite e il metallo raffinato nella catena di produzione dell’alluminio.

Gli impianti domestici di allumina a Rusal hanno rappresentato solo il 37% del fabbisogno della sua fonderia l’anno scorso. Il saldo è stato importato. I due maggiori fornitori erano l’Ucraina, dove l’invasione russa portò alla chiusura della raffineria Nikolaev di Rosal, e l’Australia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La società ha affermato di “valutare attualmente” la perdita del secondo fornitore di materie prime, ma il mercato ha già risposto alla potenziale perdita del metallo russo.

L’alluminio del London Metal Exchange (LME) a ​​tre mesi è balzato di oltre il 5% quando ha aperto a $ 3.554 la tonnellata lunedì mattina e recentemente è stato scambiato intorno a $ 3.545.

Le importazioni russe di allumina nel 2021

Volume della materia prima

Finora Rusal è sfuggito alle sanzioni dirette occidentali grazie all’accordo raggiunto per revocare le sanzioni statunitensi nel 2019. Oleg Deripaska, il proprietario di Rusal, è rimasto nella lista nera, ma Rusal è stato escluso dopo aver ridotto la sua partecipazione di controllo in EN + holding.

Questo potrebbe essere cambiato, però.

Il divieto del governo australiano, accelerato per impedire la partenza di una spedizione di allumina diretta in Russia questa settimana, non si riferisce esplicitamente a Rusal ma è una punizione de facto per l’azienda che domina la produzione russa di alluminio.

READ  Le esplosioni hanno distrutto due torri radio nella regione separatista della Transnistria in Moldova

Il collocamento della quota del 20% di Rusal nella raffineria QAL del Queensland è oggetto di molto dibattito dato che ora non può esportare la sua quota di acquisto e il partner Rio Tinto. (RIO.L) Impegnato a ritirarsi da tutti i progetti congiunti russi. Per saperne di più

Rio ha già sospeso un accordo tariffario con la raffineria di allumina Ogench di Rosal in Irlanda, costringendo il produttore russo a reindirizzare le spedizioni di bauxite dalle miniere della Guinea.

Questa autopunizione limita lo spazio di manovra di Rusall in termini di sostituzione del foraggio australiano perduto.

Rio Tinto, il produttore americano di Alcoa, domina il mercato dell’allumina marittima (AA.N) e la norvegese Hydro. Tutti e tre hanno affermato che avrebbero ridotto l’esposizione alla Russia o, nel caso di Hydro, non avrebbero firmato nuovi contratti con entità russe.

Il più grande punto interrogativo incombe sulla raffineria irlandese, il più grande impianto di allumina offshore di Rusal, con una produzione l’anno scorso di 1,9 milioni di tonnellate.

Solo un quarto della sua produzione è fluito in Russia nel 2021, il che significa che c’è molto potenziale per reindirizzare le spedizioni dall’Europa alla Russia.

Comprensibilmente, il governo irlandese desidera che il lavoro di Ogench continui, ma l’Unione Europea sta già estendendo le sanzioni nel campo dei minerali con un divieto alle importazioni di acciaio russo, senza dubbio notando la revoca delle sanzioni da parte dell’Australia prima di allora.

Con o senza Irish Lifeline, tuttavia, Rusal sta affrontando pressioni sulle materie prime.

La Cina potrebbe essere la risposta, ma negli ultimi anni la Cina stessa ha importato grandi quantità di allumina per stare al passo con la domanda.

READ  Gli Stati Uniti impongono sanzioni dopo che Putin ha riconosciuto le regioni separatiste dell'Ucraina

Anche supponendo la volontà politica di fornire allumina a Rusal, l’incentivo del mercato potrebbe non essere presente, date le aspettative di un aumento della domanda interna di allumina poiché le fonderie cinesi aumenteranno la produzione in seguito all’allentamento dei controlli energetici.

scatola di alluminio

La reazione del prezzo dell’alluminio alla notizia del divieto australiano ti dice quanto sia preoccupato per la potenziale perdita della produzione di metallo in Russia.

Come ha utilmente osservato il Dipartimento degli Affari Esteri australiano nella sua dichiarazione, “L’alluminio è un input globale nei settori automobilistico, aerospaziale, degli imballaggi, dei macchinari e delle costruzioni”.

E questo è un vero problema se l’Occidente perde l’accesso alla produzione annua di Rusal di quattro milioni di tonnellate.

La filiera dell’alluminio stava già vacillando. Le restrizioni all’efficienza energetica hanno trasformato la Cina, il più grande produttore mondiale, in un importatore netto di alluminio greggio per alimentare il suo enorme settore di prodotti a valle.

La produzione delle fonderie affamate di energia in Europa è diminuita a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, un fenomeno che è solo peggiorato da quando la Russia ha lanciato il 24 febbraio quella che definisce una “operazione militare speciale” per disarmare e “screditare” l’Ucraina.

Le scorte di alluminio visibili sono in costante calo da oltre un anno per colmare le lacune della catena di approvvigionamento. Le scorte totali del LME sono 704850 tonnellate, il livello più basso dal 2007.

Il mercato globale dell’alluminio è teso, in particolare il mercato dell’Europa occidentale, a causa dei recenti tagli alle fonderie e della sua dipendenza dall’offerta russa.

L’Europa ha rappresentato il 41% delle vendite di Rusal l’anno scorso e l’interruzione delle spedizioni russe non farà che aumentare l’attuale deficit di approvvigionamento della regione.

READ  Il sogno di Orbán di due decenni al potere è in bilico nel voto ungherese

Inoltre, Rusal è un importante fornitore di alluminio “verde” – a basse emissioni di carbonio – proveniente dalle fonderie idroelettriche siberiane.

Mentre i flussi commerciali globali dell’alluminio potrebbero eventualmente adeguarsi sulla scia della crisi ucraina, le case automobilistiche desiderose di utilizzare solo il metallo più ecologico nei loro veicoli elettrici di prossima generazione potrebbero trovare un panorama di approvvigionamento più impegnativo.

Stringere la vite di penalità

La complessità della rete di approvvigionamento di materie prime di Rusal è stata svelata nel 2018 quando le sanzioni statunitensi hanno innescato una reazione a catena che si è estesa a Irlanda, Guinea e Australia e si è conclusa con le case automobilistiche europee che hanno fatto pressioni sulla Commissione europea affinché mediasse con gli Stati Uniti.

Quelle sanzioni statunitensi sono state un fulmine a ciel sereno.

Questa volta l’effetto è stato più graduale nella misura in cui le vie di approvvigionamento, logistica e finanza sono diminuite a causa dell’autopunizione.

La mossa del governo australiano di aggiungere l’allumina all’elenco delle sanzioni rappresenta una significativa escalation di questo processo.

Fondamentale sia per il mercato Rusal che per quello dell’alluminio è se altri paesi seguano l’esempio.

Le opinioni qui espresse sono quelle dell’editorialista Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Emilia Sithole Mataris

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Le opinioni espresse sono quelle dell’autore. Non riflettono le opinioni dell’agenzia di stampa Reuters, che si impegna secondo i principi della fiducia all’imparzialità, all’indipendenza e all’assenza di pregiudizi.