Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo l’industria dei giochi per computer sta abbracciando l’intelligenza artificiale?

In che modo l’industria dei giochi per computer sta abbracciando l’intelligenza artificiale?
  • Scritto da Jane Wakefield
  • Reporter di tecnologia

Fonte immagine, Sviluppatori Promethean

Commenta la foto, Promethean sta integrando l'intelligenza artificiale nei suoi strumenti di sviluppo di giochi

Andrew Maximoff lavora nel settore dei giochi per computer da 12 anni, ma nonostante tutta questa esperienza si meraviglia ancora della quantità di denaro speso per creare i giochi più grandi.

“Lavoravo alla PlayStation e l'ultimo gioco su cui ho lavorato, la sola produzione ci è costata 220 dollari [£176m]”Quindi raddoppialo per il marketing e otterrai mezzo miliardo di dollari per ogni gioco che pubblichi, il che è abbastanza insostenibile per la maggior parte delle aziende.”

È convinto che l'intelligenza artificiale (AI) svolgerà un ruolo cruciale nel ridurre gli elevati costi di produzione dei giochi, facendo risparmiare tempo vitale ai progettisti di videogiochi automatizzando le attività ripetitive.

La sua azienda Promethean AI offre agli sviluppatori una suite di strumenti per creare i loro mondi virtuali. Maximov spera di cambiare il modo in cui i giochi vengono attualmente prodotti.

“Quello che stiamo cercando di fare è sostituirlo con un sistema che possa imparare direttamente dagli artisti, in modo che gli artisti possano essere gli autori della propria automazione.”

L’uomo continuerà a svolgere un ruolo importante nel processo di produzione. L’intelligenza artificiale lavorerà a fianco degli esseri umani e consentirà loro di essere più creativi.

A volte l’intelligenza artificiale propone idee sorprendenti.

“Ricordo che una volta stavamo cercando di costruire una stazione di polizia e abbiamo chiesto all’intelligenza artificiale di riempirla, e il risultato è stato una ciambella su ogni scrivania.

“Un'altra volta, stavamo costruendo un appartamento e lui continuava a mettere un calzino sotto il tavolino. Ci chiedevamo se fosse un errore, ma alla fine lo abbiamo descritto come un appartamento da scapolo, quindi immagino che avesse un senso,” dice .

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, La produzione di giochi per computer su larga scala è diventata complessa e costosa

Anche la società di software californiana Inworld utilizza l'intelligenza artificiale per creare elementi di giochi per computer.

Ha creato un motore che consente agli sviluppatori di aggiungere realismo ai mondi di gioco e profondità emotiva ai personaggi. L'azienda sta anche lavorando su quello che chiama un grafico narrativo, sviluppato in collaborazione con Xbox, che utilizzerà l'intelligenza artificiale per creare storie.

Il CEO Kellan Gibbs ha dichiarato alla BBC che crede che l'intelligenza artificiale consentirà agli sviluppatori di “sognare più in grande che mai”.

“Il motore consente agli sviluppatori di aggiungere agenti IA in grado di vedere, percepire e percepire il mondo che li circonda, interagendo anche con i giocatori ed effettuando azioni nel gioco. Quando puoi infondere ai personaggi virtuali capacità cognitive avanzate, si apre un mondo nuovo mondo di narrazione e gameplay”, afferma “.

Nick Walton è l'amministratore delegato della società di giochi Latitude.io e crede che l'intelligenza artificiale abbia il potere di personalizzare l'esperienza di gioco.

“Puoi giocare a un gioco in cui trovi una città di cui nessun altro si preoccupa e in cui nessun altro giocatore ha trascorso del tempo, e puoi davvero investire in essa e sviluppare relazioni con tutti i personaggi al suo interno”, ha detto alla BBC. .

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, L’intelligenza artificiale può fornire mondi più ricchi da esplorare per gli appassionati di videogiochi

La sua azienda ha sviluppato AI Dungeon, un gioco che consente ai giocatori di scegliere tra una varietà di mondi e creare le proprie storie al loro interno.

“È un po' come quelle vecchie avventure testuali in cui scrivi un'azione e poi il gioco determina cosa succede dopo.

“Ma la differenza fondamentale è che invece di essere uno sviluppatore a pre-immaginare tutto ciò che potrebbe fare, l'intelligenza artificiale può decidere dinamicamente cosa accadrà dopo. Quindi qualsiasi azione è possibile.”

Ha detto di essere rimasto sorpreso dal successo del gioco Dungeon, la cui prima versione è stata lanciata nel 2019.

“È iniziato come un progetto parallelo che ho appena messo online e nel giro di una settimana 100.000 persone ci hanno giocato”, afferma.

“Penso che ci sia molta rigiocabilità perché la storia è diversa ogni volta e puoi portarla in qualsiasi direzione. E c'è questa capacità di scelta reale che è sempre stata l'obiettivo di molti giochi.”

Una maggiore dipendenza dall’intelligenza artificiale potrebbe avere un effetto a catena sugli esseri umani che lavorano nell’industria.

Maximov non vede necessariamente l'intelligenza artificiale sostituire gli esseri umani, ma piuttosto consentire agli esseri umani una maggiore “dignità creativa”, qualcosa che è andato perso presso alcuni grandi editori di giochi in cui agli sviluppatori vengono affidati compiti molto ripetitivi da svolgere.

“Ci sono molti sviluppatori che hanno guardato Harry Potter e il Signore degli Anelli e sono stati ispirati a fare qualcosa di grandioso, ma ora passano le loro giornate a mettere rocce fuori dal castello per un anno”, ha detto.

“C'è molto da dire a favore del ripristino del vero scopo e del valore di questi lavori e del dare a ogni artista l'opportunità di dire 'ora posso creare il mio gioco'.

Il signor Gibb è d'accordo. “Abbiamo sentito da designer e sviluppatori narrativi che la nostra piattaforma aggiunge maggiore interattività e coinvolgimento ai giochi, ma richiede un input profondo e ponderato da parte degli esseri umani. Per creare l'illusione dell'intelligenza, i personaggi di Inworld devono ricevere ricchi retroscena, ricordi, conoscenze, ecc. e artefatti e obiettivi: tutti progettati dallo scrittore, riguardano l'aumento della creatività umana.