Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele prende il controllo del valico di Rafah mentre i colloqui per il cessate il fuoco affrontano l’incertezza: aggiornamenti in tempo reale

Israele prende il controllo del valico di Rafah mentre i colloqui per il cessate il fuoco affrontano l’incertezza: aggiornamenti in tempo reale

Prendendo martedì il controllo del lato di Gaza del valico di frontiera di Rafah con l’Egitto, Israele ha ora chiuso due valichi principali per facilitare l’accesso a Gaza, scatenando forti avvertimenti da parte di agenzie e funzionari internazionali che affermano che le misure potrebbero esacerbare una già grave crisi umanitaria nel paese. Striscia. tasca.

Dall’inizio della guerra, Israele ha limitato gli aiuti per entrare nella Striscia di Gaza ai due valichi di frontiera strettamente controllati: Kerem Shalom e Rafah, che raggiungono il sud della Striscia.

Ma Israele ha chiuso il valico di Kerem Shalom dopo un attacco di Hamas domenica, che ha portato alla morte di quattro soldati nella zona, e poi ha lanciato martedì un’incursione che ha portato alla chiusura del valico di Rafah lungo il confine con l’Egitto.

Jens Laerke, portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ha dichiarato in una conferenza stampa che Israele ha “chiuso” le due arterie principali per fornire aiuti a Gaza. Ha aggiunto che se il carburante non dovesse entrare nelle tasche per qualche tempo, “sarebbe un modo molto efficace per seppellire l’operazione umanitaria”.

La principale agenzia delle Nazioni Unite che aiuta i palestinesi a Gaza ha affermato martedì che “la fame catastrofica che le persone stanno affrontando, soprattutto nel nord di Gaza, peggiorerà” se le spedizioni di aiuti attraverso il valico di frontiera di Rafah verranno interrotte.

Il Ministero degli Esteri egiziano ha condannato l’operazione di Rafah “nei termini più forti”, affermando martedì pomeriggio che il controllo israeliano del valico mette a repentaglio la consegna di aiuti umanitari e la capacità degli abitanti di Gaza di lasciare la Striscia per ricevere cure mediche.

READ  Il messaggio della Cina alla Francia "apre nuovi orizzonti" dopo la visita di Macron in India | notizie dal mondo

Ha detto in una dichiarazione: “Questa pericolosa escalation minaccia la vita di più di un milione di palestinesi che dipendono principalmente da questo passaggio come principale ancora di salvezza della Striscia di Gaza”.

Israele ha aperto il valico di Kerem Shalom al confine con Gaza a dicembre, dopo le pressioni degli Stati Uniti per accelerare il flusso di aiuti umanitari. Tuttavia, i manifestanti israeliani si radunano regolarmente al valico, cercando di impedire ai convogli umanitari di entrare nella Striscia e sperando di aumentare la pressione su Hamas affinché rilasci gli ostaggi.

Sotto la pressione dell’amministrazione Biden dopo che un attacco aereo israeliano aveva ucciso sette operatori umanitari, Israele ha dichiarato il mese scorso che avrebbe riaperto il valico di frontiera di Erez nel nord di Gaza e che le spedizioni dirette alla Striscia sarebbero state accettate nel porto israeliano di Ashdod. Il 1° maggio, quando il valico di Erez è stato aperto per la prima volta, Israele ha detto che 30 camion di aiuti umanitari lo hanno attraversato.

I dati delle Nazioni Unite mostrano che domenica, l’ultimo giorno per cui sono disponibili dati, 128 camion umanitari sono entrati a Gaza attraverso il valico di Kerem Shalom, e nessuno di loro è entrato attraverso Rafah. Con la chiusura di questi due valichi, non è stato immediatamente chiaro quanti aiuti avrebbero raggiunto Gaza martedì attraverso altre rotte. COGAT, l’agenzia israeliana che supervisiona la consegna degli aiuti a Gaza, Egli ha detto Martedì, 60 camion hanno attraversato il valico di Erez.

Israele impone severi controlli sugli aiuti in arrivo per prevenire qualsiasi cosa possa aiutare Hamas, che si è impegnato a eliminare. Dall’inizio della guerra, la maggior parte degli aiuti a Gaza sono passati attraverso il valico di Rafah con l’Egitto.

READ  Le Nazioni Unite fanno pressioni sui generali in guerra del Sudan dopo il saccheggio degli aiuti

Gruppi umanitari e diplomatici stranieri hanno affermato che le ispezioni stanno creando colli di bottiglia e hanno accusato Israele di rifiutare arbitrariamente gli aiuti e di limitare sistematicamente le consegne di aiuti. Israele ha negato queste affermazioni, imputando la carenza ai fallimenti logistici delle organizzazioni umanitarie, e recentemente ha aumentato il numero di camion che entrano nella Striscia.

Nick Cumming Bros, Viviana Yee E Matthew Mbok Grande Contributo ai rapporti.