Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele riduce la presenza delle truppe a Gaza: aggiornamenti in tempo reale

Israele riduce la presenza delle truppe a Gaza: aggiornamenti in tempo reale

Il Nicaragua, sostenitore di lunga data della causa palestinese, sta espandendo la battaglia legale sul conflitto di Gaza presso la Corte internazionale di giustizia presentando una causa contro la Germania, uno dei principali fornitori di armi a Israele.

Il Nicaragua afferma nel suo dossier che “la Germania facilita la commissione del genocidio” a Gaza e viola la Convenzione sul genocidio fornendo a Israele aiuti militari e finanziari. Chiede misure di emergenza che ordinino a Berlino di interrompere il suo sostegno a Israele durante la guerra.

Nelle udienze che si apriranno lunedì presso il tribunale dell'Aja, il Nicaragua dovrebbe inoltre confermare che la Germania permette a Israele di commettere gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra, in particolare dell'obbligo di proteggere i civili durante i conflitti armati.

La portavoce della cancelliera tedesca Christine Hoffmann ha dichiarato la scorsa settimana ai giornalisti che il governo respinge le accuse del Nicaragua. La Germania dovrebbe rispondere alla questione martedì mattina.

Il caso intentato dal Nicaragua solleva nuovi interrogativi sulla responsabilità dei paesi che hanno fornito armi a Israele nella guerra contro Gaza.

Gli avvocati sostengono che la Germania – il secondo fornitore di armi di Israele, dopo gli Stati Uniti – è un bersaglio più facile per la causa rispetto agli Stati Uniti. La Germania ha concesso la piena giurisdizione alla Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite. Ma gli Stati Uniti negano la giurisdizione, tranne nei casi in cui Washington dà espressamente la sua approvazione.

Il caso del Nicaragua è il terzo portato quest'anno davanti alla corte che si occupa del conflitto israelo-palestinese.

READ  La variegata corsa alla carica di Primo Ministro del Regno Unito, con Rishi Sunak, Soyla Braverman, Kimi Badenouche

Il Sudafrica ha inizialmente richiesto misure di emergenza alla corte, sostenendo che Israele correva il rischio di commettere un genocidio, un’affermazione che la corte ha ritenuto plausibile ma che Israele ha negato con veemenza. La corte ha ordinato a Israele di garantire che i suoi cittadini e soldati non violino la Convenzione sul genocidio, firmata da Israele. La Convenzione vieta gli atti volti alla distruzione totale o parziale di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso.

Il Sudafrica ha anche presentato una petizione alla Corte internazionale di giustizia per la fame a Gaza e ha ottenuto una nuova sentenza che ordinava a Israele di consentire la consegna di cibo, acqua e altri beni vitali “senza indugio”. Nonostante l'autorità della Corte, questa non ha modo di costringere Israele a rispettare i suoi ordini. Israele ha fermamente negato le accuse di fame deliberata a Gaza.

A febbraio, la corte ha anche esaminato un caso richiesto dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite riguardante la legalità dell'occupazione israeliana dei territori palestinesi. A queste udienze, pianificate molto prima della guerra, hanno partecipato più di 50 paesi, la maggior parte dei quali ha espresso la propria rabbia e frustrazione per gli attacchi israeliani a Gaza e per il peggioramento del bilancio delle vittime civili.

Il caso del Nicaragua è molto più ampio di quello del Sudafrica, poiché invoca violazioni delle Convenzioni di Ginevra e della Convenzione sul genocidio e richiede la protezione dei civili. Accusa inoltre Israele di aver commesso altri comportamenti “illegali” nei territori occupati.

Il tribunale non ha ancora accolto il caso, ma è obbligato a rispondere rapidamente alle richieste di misure di emergenza, come è avvenuto in questo caso.

READ  L'India lancia missili contro il Pakistan dopo 'guasto tecnico' | India

Israele, che non è parte del conflitto tra Nicaragua e Germania, non comparirà in tribunale alle udienze di questa settimana, che dovrebbero durare due giorni.

Sostenere Israele è considerato un dovere storico in Germania alla luce dell’Olocausto, ma le crescenti perdite a Gaza hanno portato alcuni funzionari tedeschi a chiedersi se questo sostegno sia andato troppo oltre.

La recente intensa attività a corte l'ha messa sotto i riflettori. Gli avvocati sostengono che i paesi si sono rivolti alla corte perché gli sforzi delle Nazioni Unite e di altri negoziatori finora non sono riusciti a fermare la guerra a Gaza.

“La Corte internazionale di giustizia non metterà fine alla guerra a Gaza, ma è uno strumento diplomatico utilizzato dalla politica estera per esercitare ulteriore pressione su Israele”, ha affermato Brian Finucane, consigliere senior dell’International Crisis Group, un think tank sulla risoluzione dei conflitti. . . “Nel caso del Nicaragua, ciò esercita maggiore pressione sulla Germania”.

Lo stesso governo nicaraguense si trova ad affrontare sanzioni a causa delle sue politiche repressive in patria. Un rapporto speciale delle Nazioni Unite del mese scorso ha affermato che i numerosi abusi del governo, tra cui l’incarcerazione e la deportazione di esponenti dell’opposizione e del clero cattolico, sono “equivalenti a crimini contro l’umanità”.