Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jann Wenner di Rolling Stone fuori dal consiglio di amministrazione del Rock Hall tra polemiche

Jann Wenner di Rolling Stone fuori dal consiglio di amministrazione del Rock Hall tra polemiche

Lui gioca

NEW YORK – Jann Wenner, co-fondatore della rivista Rolling Stone e co-fondatore della Rock and Roll Hall of Fame, è stato rimosso dal consiglio di amministrazione della sala dopo aver fatto commenti ritenuti offensivi nei confronti dei musicisti neri e donne.

“Jan Wenner è stato rimosso dal consiglio di amministrazione della Rock & Roll Hall of Fame Foundation”, ha detto la sala sabato, un giorno dopo che i commenti di Wenner sono stati pubblicati su un giornale. Intervista al New York Times.

Un rappresentante di Weiner, 77 anni, non ha risposto immediatamente all’Associated Press per un commento.

Weiner ha generato una tempesta di pubblicità per il suo nuovo libro, “The Masters”, che include interviste ai musicisti Bob Dylan, Jerry Garcia, Mick Jagger, John Lennon, Bruce Springsteen, Pete Townshend e Bono degli U2, tutti bianchi e maschi. .

Quando gli è stato chiesto perché non intervistasse donne o musicisti neri, Weiner ha risposto: “Non è che siano poco appariscenti, però. Vai a fare una conversazione profonda con Grace Slick o Janis Joplin. Per favore, sii mio ospite. Sai, non era t Joni Mitchell è un filosofo del rock ‘n’ roll: “Secondo me non soddisfa questo test”, ha detto al Times.

“Tra gli artisti neri – sai, Stevie Wonder, un genio, giusto? Suppongo che quando usi una parola ampia come “maestri”, l’errore sta nell’uso di quella parola. Forse Marvin Gaye o Curtis Mayfield? “Voglio dire, non parlavano a quel livello”, ha detto Weiner.

READ  La star di "Scooby-Doo" conferma di essere gay nel nuovo film d'animazione

Sabato sera, Weiner Si è scusato “con tutto il cuore per quelle dichiarazioni”. Attraverso Little, Brown and Company, l’editore del suo libro. Ha descritto il libro come una raccolta di interviste che riflettevano le fasi più importanti della sua carriera.

“Ciò non riflette il mio apprezzamento e la mia ammirazione per gli innumerevoli artisti totem che stanno cambiando il mondo e di cui rispetto la musica e le idee, celebrerò e promuoverò finché vivrò”, ha detto Weiner in una dichiarazione fornita a USA TODAY. La natura provocatoria delle parole mal scelte, scusandosi copiosamente e accettandone le conseguenze.

La lista dei 200 più grandi cantanti stilata da Rolling Stone Ignora Celine Dion, Jennifer Hudson, Justin Bieber e altri

Weiner ha co-fondato Rolling Stone nel 1967 e ne è stato redattore o caporedattore fino al 2019. Ha anche co-fondato la Rock and Roll Hall of Fame, lanciata nel 1987.

Nell’intervista, Weiner sembrava riconoscere che avrebbe dovuto affrontare una reazione negativa. “Solo per motivi di pubbliche relazioni, probabilmente avrei dovuto andare a trovare un artista nero e un’artista donna da includere qui che non sia all’altezza dello stesso standard storico, solo per evitare quel tipo di critica.”

L’anno scorso, la rivista Rolling Stone ha pubblicato i 500 migliori album di tutti i tempi e ha classificato “What’s Going On” di Jay al numero 1, “Blue” di Mitchell al numero 3 e “Songs in the Key of Life” di Wonder al numero 4. . “Purple Rain” di Prince and the Revolution è arrivato all’ottavo posto, e “The Miseducation of Lauryn Hill” di Ms. Lauryn Hill è arrivato al decimo posto.

La statura di Rolling Stone nelle riviste era il risultato degli ampi interessi di Weiner, una combinazione di musica autorevole e copertura culturale con un rigoroso giornalismo investigativo.

READ  Roberto Cavalli: Lo stilista italiano muore all'età di 83 anni

Contribuisce: Kim Willis, USA TODAY

Da Jagger a Lennon, da Dylan a Bono: Il fondatore di Rolling Stone, Jann Wenner, racconta tutto nel suo libro di memorie