Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scioperi di Hollywood entrano in una nuova fase con l’emergere di spettacoli diurni come il ritorno di Drew Barrymore

Gli scioperi di Hollywood entrano in una nuova fase con l’emergere di spettacoli diurni come il ritorno di Drew Barrymore

Tempo di lettura stimato: 5-6 minuti

NEW YORK — “The Drew Barrymore Show” inizierà a trasmettere nuovi episodi lunedì, ma gran parte delle controversie off-air riguarderanno il suo conduttore abituale.

Barrymore, figlia di un’orgogliosa dinastia di attori, sta preparando nuovi set per il suo talk show nonostante i picchetti fuori dal suo studio, mentre la televisione diurna diventa l’ultimo campo di battaglia nella continua lotta sindacale di Hollywood.

“Sono passati quasi quattro mesi da questo sciopero, e non sorprende che ci siano dissidenti”, ha detto Michael H. Leroy, professore di lavoro e rapporti di lavoro presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign. “Non potevo prevedere che ciò sarebbe accaduto in televisione durante il giorno, ma tutti hanno un punto di rottura in una controversia di lavoro.”

“The Drew Barrymore Show”, che opera senza i suoi tre scrittori sindacali, non è l’unico spettacolo diurno a riprendere. “The View” è tornato per la sua 27a stagione su ABC, mentre “Tamron Hall” e “Live With Kelly and Ryan” – che non sono soggetti alle regole della Writers Guild – stanno producendo nuovi episodi. Lunedì riprenderanno anche “The Jennifer Hudson Show” e “The Talk”.

Finché i padroni di casa e gli ospiti non discutono o promuovono lavori coperti da contratti televisivi, teatrali o di trasmissione in diretta, tecnicamente non infrangono lo sciopero. Questo perché i talk show sono regolati da un contratto separato – il cosiddetto codice di rete – rispetto al contratto su cui attirano l’attenzione attori e sceneggiatori. Il codice di rete copre anche i reality, lo sport, i notiziari mattutini, le soap opera e i giochi a premi.

“So che non c’è nulla che io possa fare per renderlo accettabile per coloro che non sono d’accordo. Lo accetto totalmente”, ha detto Barrymore in un video pubblicato venerdì su Instagram che è stato successivamente cancellato. “Voglio solo che tutti sappiano che le mie intenzioni non sono mai state tali da turbarmi o ferirmi più. Non è quello che sono.”

READ  Vincitori dei Grammy Awards 2022: elenco di aggiornamento

Lo sciopero in corso contrappone la Writers Guild of America e la Screen Actors Guild-American Federation of Television and Radio Artists all’Alliance of Motion Picture and Television Producers, che rappresenta Disney, Netflix, Amazon e altri.

Il presidente della SAG-AFTRA Fran Drescher, al centro, parla durante una manifestazione fuori dallo studio della Paramount Pictures il 13 settembre a Los Angeles.  L'industria cinematografica e televisiva resta paralizzata dagli scioperi di attori e sceneggiatori di Hollywood.
Il presidente della SAG-AFTRA Fran Drescher, al centro, parla durante una manifestazione fuori dallo studio della Paramount Pictures il 13 settembre a Los Angeles. L’industria cinematografica e televisiva resta paralizzata dagli scioperi di attori e sceneggiatori di Hollywood. (Foto: Richard Shotwell, Invision)

Zedd Ayers Dorn aveva previsto che il ritorno dei conduttori diurni, dei produttori e della troupe dello studio avrebbe portato ad alcuni scambi imbarazzanti., Scrittore, professore e direttore del MFA in Scrittura per lo schermo e il palcoscenico presso la Northwestern University.

“È sorprendente che tornino a lavorare con i loro scrittori che picchettano fuori dalle porte degli studi”, ha detto Dorn, membro della Writers Guild. “Stanno letteralmente camminando accanto al picchetto dei lavoratori che dicono di sostenere”.

La decisione di Barrymore di tornare in onda è stata accolta con disapprovazione sui social media. “Hai il cuore e la mente per soddisfare maggiormente le esigenze di questa comunità”, ha scritto uno spettatore su Instagram. Un altro è stato più schietto: “Non puoi interpretare un personaggio generoso e connesso quando ha senso dal punto di vista finanziario e poi perdere quando il tuo portafoglio è a rischio”.

Anche l’attrice e attivista Alyssa Milano, amica di Barrymore da molti anni, ha criticato il ritorno. Lo ha descritto come “non una grande mossa”.

“La amo moltissimo – sono cresciuto con lei – ma non sono sicuro che questa sia stata la mossa giusta da fare. Sono sicuro che ai suoi occhi sia la mossa giusta per lei e per lo spettacolo, ma potente quanto la WGA e il SAG e il sindacato lo sono… non è una grande mossa.”

La posizione della Barrymore è stata accolta con una certa confusione anche dopo il suo ritiro dall’hosting degli MTV Movie and TV Awards a maggio., Durante lo sciopero vengono trasmessi i primi grandi premi. “Ho ascoltato gli scrittori e, per rispettarli veramente, smetterò di ospitare gli MTV Movie & TV Awards in solidarietà con lo sciopero”, scrisse all’epoca.

Da allora ha perso un altro concerto di hosting: i National Book Awards a novembre. L’organizzazione ha annullato l’invito “alla luce dell’annuncio della ripresa della produzione di The Drew Barrymore Show”.

Leroy, che ha studiato i conflitti tra lavoratori e datori di lavoro per 30 anni, ha avvertito che programmi televisivi come la serie di Barrymore potrebbero pensare di poter sopravvivere senza scrittori sindacali, ma potrebbero riscontrare costi a lungo termine.

“Nessun membro della Writers Guild lavorerà più con questo spettacolo”, ha detto. “È un momento di benessere o un momento di sollievo a breve termine per Drew Barrymore e forse altri, ma a lungo termine, a mio avviso, si sono sostanzialmente concessi un pensionamento anticipato.”

Ha sottolineato altri scioperi del passato che hanno lasciato sentimenti amari per decenni, come quando gli arbitri della Major League Baseball hanno scioperato nel 1999. Nuovi arbitri sono stati assunti e combinati con arbitri veterani, ma le tensioni persistono.

“Per i prossimi 25 anni, questi arbitri non si parlerebbero tra loro se avessero il compito di arbitrare le partite insieme”, ha detto Leroy. “Venticinque anni di intoccabilità. La gente non lo dimentica.”

Gli spettatori che si sintonizzano sui nuovi episodi dei talk show diurni in questi giorni troveranno un panorama in evoluzione. Gli ospiti non sono sempre celebrità che ospitano programmi TV o film di successo da promuovere. Da quando è iniziato lo sciopero, autori, musicisti e comici hanno cominciato a riempire i vuoti.

Questa settimana, Neil deGrasse Tyson era in “Live With Kelly and Ryan” parlando della scienza dietro Hulk mentre Cedric the Entertainer raccontava a Hall del suo primo romanzo. Matthew McConaughey era presente a “The View” per promuovere il suo libro “Just Why”.

Gli host come Barrymore potrebbero trovarsi in una situazione perdente: sono contrattualmente obbligati a tornare al lavoro ma sono sicuri di incorrere nell’ira dei loro colleghi quando lo fanno. “Questo è più grande di me”, ha osservato la scorsa settimana.

Bill Maher, che ha anche annunciato che sarebbe tornato al suo talk show notturno, ha spiegato le sue ragioni come il desiderio di aiutare tutti i suoi dipendenti, dicendo che gli scrittori “non sono le uniche persone con problemi, problemi e preoccupazioni”.

Dorn non poteva crederci: “Parlano di voler sostenere le persone che se la cavano. Ma Bill Maher e Drew Barrymore e i conduttori di ‘The View’ non si limitano a farlo. Possono altrettanto facilmente stare al fianco dei loro colleghi .” “I lavoratori sono nel settore e dicono: ‘Non alimenteremo il canale dello studio finché non faranno un’offerta giusta’”, ha detto.

“Decidono, per una serie di ragioni complesse, di tornare al lavoro e alla fine provare a porre fine allo sciopero”.

le immagini

Storie correlate

Ultime storie di affari

Altre storie che potrebbero interessarti