Ottobre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Joe Di Francesco, re dello strumento jazz, è morto all’età di 51 anni

Joe Di Francesco, re dello strumento jazz, è morto all'età di 51 anni

Joe Di Francesco, che è ampiamente accreditato per aver riportato l’organo in voga nei circoli jazz negli ultimi decenni, è morto. Aveva 51 anni.

Sua moglie Gloria ha postato la notizia della sua morte su Facebook venerdì. Non ha detto dove e quando è morto né ha menzionato il motivo.

Il signor DeFrancesco aveva dei geni musicali: suo padre, John de Francesco, suonava jazz dagli anni ’50. Ha abbagliato gli ascoltatori quando era un adolescente.

“DeFrancesco, le cui espressioni contagiose e spiritose lo rendono tanto divertente da guardare quanto da ascoltare, può calpestare, appiattire quinte e combinare citazioni di Bird, Diz, Monk e Miles con l’acrobazia raffinata di The Eight”, ha scritto Jane Seymour di il Philadelphia Daily News nel 1986 Dopo aver osservato una band jazz alla Settlement Music School di Philadelphia, dove il giovane Mr. DeFrancesco era uno studente all’epoca.

E il signor Seymour ha aggiunto: “E tutto il tempo che lo guardi e lo ascolti, trovi una piccola voce dentro di te che canta: “Lui ha 15 anni!”

Nel giro di due anni, il signor DeFrancesco è stato in tour con Miles Davis e ha aperto per Bobby McFerrin e Grover Washington Jr. Nel 1989, all’età di 17 anni, ha suonato alla Duke University con musicisti famosi come il trombettista Clark Terry in un concerto che ha annunciato l’imminente spettacolo Thelonious Monk Jazz Conservatory, che sarebbe stato inaugurato subito dopo.

“Mentre il signor Di Francesco suonava ‘The Sophisticated Lady’ di Doc Ellington, i musicisti più anziani sorridevano e sussurravano incoraggiamento,” Libri di Jonathan Propper Da quella presentazione sul New York Times. “La netta impressione è che il signor DeFrancesco sia stato un esempio di speranze sulla strada della realizzazione”.

READ  Jan Smart riceve una stella sulla Hollywood Walk of Fame

Sicuramente era sulla buona strada per una carriera imponente, che includeva oltre 30 registrazioni come bandleader, molte altre come elemento collaterale e innumerevoli concerti. Lungo la strada ha riportato di moda l’organo nel jazz.

L’organo Hammond B3 divenne uno dei preferiti nei circoli jazz negli anni ’50, con Jimmy Smith, che aveva diversi album di successo per l’etichetta Blue Note, come protagonista. Ma nel 1975 la Hammond Company smise di produrre questo strumento e la tendenza della triangolazione basata sull’organo nei jazz club svanì.

Il Sig. DeFrancesco era un polistrumentista. Suona anche la tromba, il sassofono, il pianoforte e il sintetizzatore. Ma ha costruito la sua carriera suonando una B3 vecchia scuola.

Disse all’Associated Press nel 1991: “Adoro i sintetizzatori e suono tutta quella roba, ma non puoi battere il suono del B3. Lo strumento ha un tono molto caldo. Ha contrasti. Ha tutte quelle sensazioni dentro. Ha poco pezzi di ogni strumento all’interno. È come avere un’intera orchestra a portata di mano.

L’album di debutto del Sig. Di Francesco, “All of Me”, è stato pubblicato nel 1989, e ne sono seguite dozzine, con i suoi interessi musicali che spaziano ampiamente. Registra la sua musica originale. L’album del 2004 si chiamava “Joey DeFrancesco suona Sinatra a modo suo”. Il suo film del 2010 “Never Can Say Goodbye” ha reinventato la musica di Michael Jackson. Ha collaborato ad album con Van Morrison, il chitarrista Danny Gatton e altri.

Il chitarrista Christian McBride conosceva il signor DeFrancesco da quando erano studenti della Settlements School.

“Joey Di Francesco è stato l’organista più creativo e influente dai tempi di Jimmy Smith”, ha detto in una nota. “In termini di portare il membro al livello successivo e renderlo di nuovo famoso per le nuove generazioni, nessuno l’ha fatto come Joey”.

READ  Farah Khan e Zoya Akhtar sono sorelle felici perché Farhan ha scelto di sposare Sheibani Dandikar. foto

Il signor Seymour, che ha scritto decenni fa sull’adolescente signor DeFrancesco a Filadelfia e in seguito è diventato un critico di Newsday, ha ricordato il signor DeFrancesco in un post su Facebook venerdì.

Ha scritto: “La sua fulminea ascesa alla fama non mi ha affatto sorpreso”. “Quello che ha fatto, nel tempo, è quanto profondo e perfetto abbia padroneggiato la tradizione del jazz d’organo a tutte le estremità dello spettro musicale, dal blues e funk agli incantesimi post-pop e avant-garde. Ha adempiuto ai suoi impegni di chiamata stando fermi, intransigentemente altruista”.

Il Sig. Di Francesco è nato il 10 aprile 1971 a Springfield, vicino a Philadelphia. Non ha aspettato molto per scegliere il suo percorso professionale.

Ha detto al Boston Herald nel 1994: “Quando avevo quattro anni, mio ​​padre ha portato questa cosa terribile, la B3, e l’ha accesa. Ha un motore e un generatore. Lo accendo e il suono mi commuove. Avere quattro anni e fare decidi cosa vuoi essere Fai per il resto della tua vita – sono stato molto fortunato.

Ovviamente ha accreditato suo padre come la sua prima influenza.

“Non puoi essere migliore di avere un padre che suona il tuo stesso strumento”, ha detto. “La musica che ho sentito da quando sono nato è stata il jazz”.

Ha pubblicato un flusso costante di album, cinque dei quali hanno ricevuto nomination ai Grammy, tra cui, più recentemente, “In the Key of the Universe” (2019). Nel suo ultimo album “More Music” (2021), che contiene 10 tracce originali, ha suonato sei strumenti diversi e ha fornito delle voci piuttosto buone.

Un elenco completo dei sopravvissuti non era immediatamente disponibile.

Il signor DeFrancesco era un po’ come uno showman, anche quando era un ragazzo laterale. Nel 2010, ad esempio, ha suonato con un trio guidato dal sassofonista David Sanborn. Il signor Sanborn era il leader, ma come Nate Chennin Libri nei tempi Dei tre concerti, “spesso lo spettacolo del signor DeFrancesco, a volte di più”.

Se è più brillante di alcuni dei suoi coetanei, allora è intenzionale, ha detto il signor Di Francesco a The Buffalo News nel 2004.

“Penso che questi nuovi giocatori siano molto seri”, ha detto. “La gioia e il divertimento sono qualcosa che il jazz ha perso. Voglio dire, siamo artisti, dopo tutto. Se non sembri che ti stai divertendo sul palco, come sta qualcuno tra il pubblico dovrebbe fare?”