Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johnson spinge per il voto sugli aiuti a Israele e Ucraina

Johnson spinge per il voto sugli aiuti a Israele e Ucraina

WASHINGTON (AP) – Questa settimana il presidente della Camera Mike Johnson sta cercando di agire sugli aiuti a Israele, Ucraina e Taiwan, svelando lunedì un piano dettagliato per dividere il pacchetto in votazioni separate per colmare le divisioni politiche della Camera sulla politica estera.

Affronta la ribellione totale Secondo i conservatori che si oppongono fermamente agli aiuti all'Ucraina, la mossa del presidente della Camera repubblicana sul pacchetto di aiuti esteri è stata un potenziale momento di svolta, la prima azione significativa sul disegno di legge dopo… Più di due mesi Di ritardo. Ma l’intenzione di Johnson di tenere quattro votazioni separate su parti del pacchetto ha anche lasciato la possibilità di modificarlo in modo significativo rispetto al pacchetto di aiuti da 95 miliardi di dollari approvato dal Senato a febbraio.

Non è chiaro se la Camera potrebbe finire con un pacchetto simile al disegno di legge del Senato o qualcosa di completamente diverso, il che potrebbe complicare gli sforzi durati mesi per convincere il Congresso ad approvare i finanziamenti militari per l’Ucraina.

“Lasceremo che la Camera dei Rappresentanti esegua la sua volontà”, ha detto Johnson ai giornalisti.

Ma mentre la Camera faticava ad agire, i conflitti si intensificarono in tutto il mondo. Lo ha detto lunedì il capo di stato maggiore israeliano Il suo Paese risponderà all’attacco missilistico iraniano alla fine della settimana. E Il capo di stato maggiore dell'esercito ucraino ha lanciato l'allarme nel fine settimana La situazione sul campo di battaglia nell'est del Paese “è peggiorata in modo significativo negli ultimi giorni”, poiché il clima caldo ha permesso alle forze russe di lanciare una nuova offensiva.

READ  I talebani ordinano alle Ong di impedire alle lavoratrici di venire al lavoro

“Ci sono eventi in accelerazione in tutto il mondo che stiamo tutti osservando con molta attenzione e sappiamo che il mondo sta guardando per vedere come reagiamo”, ha detto Johnson.

Il presidente Joe BidenIl Venezuela, che ospita il primo ministro ceco Petr Fiala alla Casa Bianca, ha invitato la Camera dei Rappresentanti ad adottare immediatamente il pacchetto di finanziamenti del Senato. “Devono farlo adesso”, ha aggiunto.

Johnson e Biden hanno parlato lunedì, secondo una persona a conoscenza della chiamata che ha voluto restare identificata per discuterne.

I democratici alla Camera potrebbero essere disponibili ad aiutare Johnson a distribuire gli aiuti in parte, e magari accettare alcune misure aggiuntive che i repubblicani stanno discutendo, come la fornitura di aiuti economici all’Ucraina sotto forma di prestiti.

Ma Johnson perderà il sostegno democratico di cui ha bisogno se si discosta troppo dalle priorità esclusivamente repubblicane. Qualsiasi revisione globale di questo pacchetto rischia anche di battute d’arresto al Senato, dove la maggior parte dei repubblicani si oppone agli aiuti all’Ucraina, e i democratici sono sempre più preoccupati per la campagna israeliana a Gaza.

Il presidente della Camera Mike Johnson, R-Los Angeles, a sinistra, arriva per un incontro a porte chiuse con i colleghi repubblicani al Campidoglio di Washington, lunedì 15 aprile 2024. (AP Photo/J. Scott Applewhite)

Mentre i membri della Camera tornavano in Campidoglio lunedì sera, Johnson ha incontrato i colleghi legislatori del GOP per delineare la sua strategia per ottenere l'approvazione del pacchetto di finanziamenti dalla Camera. Ha detto che cercherà di portare il pacchetto alla Camera con un'unica regola di dibattito che consentirebbe voti separati sugli aiuti a Ucraina, Israele, Taiwan e altre proposte di politica estera.

READ  Rishi Sunak deve affrontare pressioni per la vendita di armi del Regno Unito a Israele

Johnson ha affermato che queste proposte organizzerebbero alcuni finanziamenti per Kiev sotto forma di prestiti e consentirebbero agli Stati Uniti di sequestrare i beni congelati della Banca centrale russa e di imporre altre sanzioni all’Iran.

Il caucus del GOP era pieno di legislatori che differivano nel loro approccio al conflitto con la Russia: i falchi della difesa repubblicana, compresi i principali parlamentari dei comitati di sicurezza nazionale, si sono contrapposti ai conservatori populisti che si oppongono fermamente al continuo sostegno alla battaglia per Kiev.

Come spesso accade, l’incontro si è trasformato in un libero forum di idee mentre i repubblicani hanno cercato di mettere il proprio timbro sul pacchetto, ma raramente hanno trovato unità. Tuttavia, il piano di Johnson ha avuto un significativo sostegno repubblicano, ha detto il deputato Greg Steube, R-Fla., mentre lasciava la riunione.

“Non mi piace”, ha detto. “Ma chiaramente sono in minoranza.”

Tuttavia, il sostegno di Johnson agli aiuti all’Ucraina potrebbe incitare ulteriormente i conservatori populisti già arrabbiati per il suo approccio come presidente.

La deputata Marjorie Taylor Greene, repubblicana della Georgia, sta già minacciando di estrometterlo dalla carica di portavoce. Lunedì, entrando nella riunione a porte chiuse del GOP, ha affermato che il suo messaggio all’oratore era semplice: “Non finanziare l’Ucraina”.

Ma Greene non ha chiarito se si muoverà per votare rapidamente sulla sua mozione per rimuovere il relatore se gli aiuti all'Ucraina saranno approvati.

“Ci sto pensando”, ha detto.

Un’altra incognita è come Donald Trump, il candidato presidenziale repubblicano che si è opposto agli aiuti esteri, risponderà alla proposta. Johnson ha incontrato Trump venerdì nel suo club in Florida.

“Non passo il mio tempo a preoccuparmi delle mozioni di sfratto”, ha detto Johnson lunedì. “Dobbiamo governare qui e faremo il nostro lavoro”.

I democratici avevano fatto pressioni su Johnson affinché accettasse semplicemente il disegno di legge approvato dal Senato, che fornirebbe un totale di 100.000 benefici pensionistici. 95 miliardi di dollari agli alleati degli Stati UnitiOltre al sostegno umanitario ai civili a Gaza e in Ucraina.

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha dichiarato: “La Camera deve affrettarsi ad aiutare Israele il più rapidamente possibile, e l’unico modo per farlo è approvare il disegno di legge supplementare del Senato il più rapidamente possibile”.

Il leader democratico della Camera Hakeem Jeffries si è impegnato in una lettera ai legislatori a fare “tutto ciò che è in nostro potere legislativo per affrontare l’aggressione” in tutto il mondo, descrivendo la situazione come simile a quella precedente la Seconda Guerra Mondiale.

Jeffries ha dichiarato: “Gli eventi molto gravi accaduti lo scorso fine settimana in Medio Oriente e in Europa orientale sottolineano la necessità che il Congresso agisca immediatamente”. “Dobbiamo adottare immediatamente il disegno di legge globale sulla sicurezza nazionale approvato dal Senato”.

I democratici hanno anche fatto circolare un'opzione dell'ultimo minuto, nota come petizione di richiamo, che potrebbe forzare un voto sugli aiuti senza l'approvazione del presidente della Camera. La petizione ha ricevuto le firme di 195 legislatori, mancando quindi di circa dieci voti alla maggioranza di cui ha bisogno.

Ma i sostenitori repubblicani del pacchetto del Senato sull’Ucraina sembrano incoraggiati dal piano di Johnson, anche se devono ancora vederne i dettagli.

Il senatore del South Dakota Mike Rounds ha affermato che la proposta della Camera potrebbe “ritardare in modo significativo” gli aiuti perché si tratta di quattro misure diverse che devono essere rinviate al Senato, e non è chiaro se il Senato potrà combinarle in un'unica misura. Tuttavia, ha detto: “Va bene perché possiamo ancora rispondere”.

Lunedì pomeriggio, il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha esortato la Camera dei Rappresentanti ad approvare il disegno di legge del Senato.

“Non possiamo sperare di scoraggiare il conflitto senza mostrare risolutezza e investire seriamente nel potere americano”, ha detto in un discorso.

___

Hanno contribuito gli scrittori dell'Associated Press Kevin Freking, Farnoush Amiri e Mary Clare Jalonick.