Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Julian Assange ottiene il diritto di ricorrere in appello contro la sua estradizione negli Stati Uniti

Julian Assange ottiene il diritto di ricorrere in appello contro la sua estradizione negli Stati Uniti

Fonte immagine, Immagini Getty

  • autore, Domenico Casciani
  • Ruolo, Corrispondente per gli affari interni
  • Twitter,

La Corte Suprema ha stabilito che il fondatore di WikiLeaks Julian Assange può presentare un nuovo ricorso contro la sua estradizione negli Stati Uniti.

Gli è stato concesso il permesso di ricorrere in appello contro l’ordinanza che lo manda negli Stati Uniti per essere processato con l’accusa di aver divulgato segreti militari, cosa che secondo i pubblici ministeri mette in pericolo la vita delle persone.

La decisione significa che Assange sarà in grado di contestare le garanzie degli Stati Uniti su come sarà condotto il suo prossimo processo e se il suo diritto alla libertà di espressione sarà violato.

Gli avvocati di Assange si sono abbracciati in tribunale dopo la sentenza.

Hanno detto che il caso contro di lui era politicamente motivato.

In una breve sentenza di questa mattina, due giudici senior gli hanno concesso il permesso di ricorrere in appello contro un’ordinanza precedente, stabilendo che era necessario presentare un appello completo nel Regno Unito.

Il signor Assange, attualmente nel carcere di Belmarsh, avrà diversi mesi per preparare il suo appello che riguarderà se i tribunali statunitensi proteggeranno il suo diritto alla libertà di espressione come cittadino australiano.

Dice che le sue rivelazioni nel 2010 hanno rivelato crimini di guerra commessi dagli Stati Uniti.

I sostenitori di Assange hanno esultato quando la notizia della decisione è emersa dall’aula.

Se la corte si fosse pronunciata a favore degli Stati Uniti, il signor Assange avrebbe esaurito tutte le vie legali nel Regno Unito.

Ha combattuto l’estradizione dal Regno Unito per più di un decennio dopo che il suo sito web WikiLeaks ha pubblicato migliaia di documenti segreti statunitensi nel 2010 e nel 2011.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha descritto le fughe di notizie come “una delle più grandi violazioni di informazioni riservate nella storia degli Stati Uniti”.

I documenti indicano che l’esercito americano ha ucciso civili in incidenti non denunciati durante la guerra in Afghanistan.

Le autorità statunitensi affermano che Assange ha messo a rischio la vita delle persone non censurando i nomi degli agenti dell’intelligence nei documenti, ma i suoi avvocati hanno affermato che il caso è una forma di “ritorsione statale” motivata politicamente.