Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Udienza d’appello per l’estradizione di Julian Assange: cosa potrebbe succedere?

Udienza d’appello per l’estradizione di Julian Assange: cosa potrebbe succedere?

Lunedì un tribunale britannico prenderà una decisione definitiva sulla possibilità che Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, avrà il diritto di presentare ricorso contro il suo ordine di estradizione negli Stati Uniti, dove è accusato ai sensi della legge sullo spionaggio.

Il signor Assange è detenuto in una prigione di Londra dal 2019 e gli Stati Uniti lo accusano di violazioni in relazione all’ottenimento di documenti governativi segreti su WikiLeaks e alla loro pubblicazione nel 2010.

Il suo caso si è spostato lentamente nei tribunali da quando un tribunale di Londra ha ordinato la sua estradizione nell’aprile 2022. Priti Patel, all’epoca ministro degli Interni britannico, ha approvato l’estradizione due mesi dopo.

A febbraio, la Corte Suprema ha esaminato l’ultimo appello di Assange e, a marzo, i giudici hanno chiesto alle autorità statunitensi di fornire garanzie specifiche sul suo trattamento in caso di estradizione.

Lunedì, durante l’udienza, la corte deciderà se tali garanzie sono soddisfacenti: che il signor Assange non affronterà la pena di morte o sarà perseguitato a causa della sua nazionalità e che potrà richiedere le stesse protezioni del Primo Emendamento di un cittadino americano. Se il signor Assange può presentare ricorso contro la sua estradizione.

Sebbene i tempi della sentenza non siano chiari, potrebbe essere emessa lunedì pomeriggio, al termine dell’udienza. Ecco i possibili risultati:

In una conferenza stampa la scorsa settimana, i membri del team legale del signor Assange e sua moglie hanno detto che potrebbe essere messo su un aereo diretto negli Stati Uniti entro 24 ore se un tribunale decidesse che non può appellarsi, ponendo potenzialmente fine alla sua battaglia durata anni.

READ  Israele sta subendo le peggiori perdite in combattimento da ottobre e l’isolamento diplomatico

Ma il team legale del signor Assange ha promesso di contestare la sua estradizione attraverso un appello alla Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo, in Francia. La Gran Bretagna è obbligata a rispettare la sentenza della Corte in quanto membro della Corte e firmataria della stessa Convenzione europea sui diritti dell’uomo. Un ricorso in tribunale probabilmente fermerà la sua estradizione fino a quando il caso non sarà discusso a Strasburgo.

Se la Corte europea dei diritti dell’uomo non interviene, il signor Assange potrebbe essere estradato per affrontare le accuse negli Stati Uniti, tra cui 17 capi d’accusa di violazione dell’Espionage Act, per il suo ruolo nell’ottenimento e pubblicazione di documenti militari e diplomatici segreti, e un’accusa federale accusato di aver cospirato per hackerare la rete informatica del Pentagono.

Se condannato per queste accuse, potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere, secondo i suoi avvocati, che hanno descritto le accuse come motivate politicamente. Ma gli avvocati del governo statunitense, che hanno affermato che le fughe di notizie mettono a rischio la vita delle persone, hanno affermato che Assange probabilmente riceverebbe una condanna più breve da quattro a sei anni.

Nella sua sentenza di marzo, la corte ha respinto le richieste di appello di Assange su sei dei nove motivi sollevati, affermando che non avevano alcun merito. Ma hanno detto che Assange aveva un “caso difendibile” basato sui tre restanti motivi di appello: che negli Stati Uniti avrebbe potuto affrontare la pena di morte, essere perseguitato a causa della sua nazionalità o non avere accesso alla protezione del Primo Emendamento.

READ  Kiev nega le accuse della Russia di respingere il contrattacco ucraino - Politico

Se la corte decidesse che le garanzie ricevute dagli Stati Uniti su questi tre casi non sono sufficienti, potrebbe essere presentato un ricorso, che potrebbe aprire la porta a una nuova decisione sulla sua estradizione.

Ciò significa che questo caso legale, che ha catturato l’attenzione del mondo e galvanizzato i sostenitori della libertà di stampa, rimarrà contestato, e che l’estradizione del signor Assange negli Stati Uniti sarà almeno ritardata.

Il team legale del signor Assange ha dichiarato la scorsa settimana che continuerà a premere per una soluzione politica alla sua estradizione, nella speranza che alla fine gli venga permesso di tornare in Australia, il suo paese di origine.

L’avvocato per i diritti umani Jennifer Robinson ha detto che la squadra sta lavorando a stretto contatto con il primo ministro australiano e il procuratore generale “per cercare di raggiungere una soluzione a questo caso”.

“Questa questione potrebbe essere risolta in qualsiasi momento quando gli Stati Uniti prenderanno la decisione, che secondo noi è la decisione giusta, di archiviare questo caso e ritirare l’accusa che è stata condannata a livello globale dai gruppi di libera espressione”, ha aggiunto.

Il mese scorso, il presidente Biden ha detto che l’amministrazione stava valutando una richiesta da parte dell’Australia per consentire al signor Assange di tornare lì, scatenando la speculazione che gli Stati Uniti potrebbero riconsiderare il suo caso. Il Dipartimento di Giustizia al momento ha rifiutato di commentare.

La squadra del signor Assange ha suggerito che i giudici potrebbero anche esercitare la loro discrezionalità giudiziaria e decidere di archiviare completamente il caso di estradizione, ma non vi è alcuna indicazione che questo sia sul tavolo.

READ  L'India ha aumentato la spesa nell'ultimo bilancio prima delle elezioni

“Ho la sensazione che a questo punto potrebbe succedere di tutto”, ha detto la moglie di Assange, Stella Assange.