Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kim Mulkey della LSU non ha voluto leggere il profilo appena pubblicato del Washington Post sulla sua carriera

Kim Mulkey della LSU non ha voluto leggere il profilo appena pubblicato del Washington Post sulla sua carriera

Un articolo molto atteso sull'allenatore di basket femminile della LSU Kim Mulkey Pubblicato sabato Tramite il Washington Post. Piuttosto che il film di successo che Mulkey aveva sperato, il lungometraggio di Kent Popp è un profilo che racconta gli eventi e le persone che hanno influenzato un allenatore di grande successo che ha vinto quattro campionati nazionali.

Il leggendario allenatore del Tennessee Pat Summitt, ad esempio, gli ha dimostrato che era possibile eccellere nel basket pur crescendo una famiglia e ha incorporato i suoi figli nella sua carriera da allenatore.

Mulki ha avuto fiducia nella vetta, da sempre la sua Stella Polare, e l'ha conquistata [daughter] Mackenzie era in viaggio di reclutamento quando aveva due settimane. Ha allattato il figlio neonato della coppia, Kramer, prima e dopo gli allenamenti e le partite.

Tuttavia, Mulkey insiste che non leggerà il servizio, indipendentemente dal fatto che contenga o meno qualcosa che ritiene discutibile.

“Sei davvero sorpreso del momento in cui è successo?” Mulkey ha detto a Holly Rowe di ESPN prima dell'incontro Sweet 16 dei Tigers con l'UCLA sabato. “Posso dirti che non l'ho letto, non sono sicuro che lo farò. Lascerò la decisione ai miei avvocati.”

Prima della pubblicazione dell'articolo del Washington Post, Mulki ha attirato l'attenzione dicendo che avrebbe fatto causa al giornale se avesse pubblicato false informazioni sul suo conto. L'istruttore si aspettava che il pezzo fosse sarcastico, dicendo che Bob aveva parlato con ex giocatori scontenti che avevano cose negative da dire su di lui.

READ  Guerra in Ucraina: l'attacco di Kramatorsk uccide 11 persone, di cui tre giovani

Emily Nieman, che ha giocato per il Mulkey al Baylor dal 2003 al 2005, dice che voleva trasferirsi perché non si sentiva a suo agio come donna gay nel campus e perché l'allenatore si sentiva più necessario. Nieman lasciò il Baylor dopo la sua seconda stagione, ma tornò per celebrare la squadra del campionato nazionale 2005 dei Bears. Ha ringraziato Mulkey per aver avuto un'influenza positiva e si è lamentato di come è finito il suo tempo al Baylor.

Kim Mulkey non è rimasto sorpreso dall'articolo, pubblicato poco prima della partita dell'UCLA di sabato.  (Foto di Scott Tatch/NCAA Photos tramite Getty Images)

Kim Mulkey non è rimasto sorpreso dall'articolo, pubblicato poco prima della partita dell'UCLA di sabato. (Foto di Scott Tatch/NCAA Photos tramite Getty Images)

Tuttavia, L'allenatore non ha risposto.

Niman trova Mulki e le si avvicina. Niemann dice di aver ringraziato il suo ex allenatore per l'impatto che ha avuto sulla sua vita e si rammarica di come sono finite le cose.

Niman ha detto che Mulki se n'è andato senza dire nulla.

Con l’articolo ora disponibile, la reazione sui social media è stata ampiamente positiva. Anche se alcune informazioni contenute nell'articolo potrebbero non essere viste favorevolmente, l'intero articolo è considerato giusto e offensivo. Tuttavia, alla luce delle obiezioni di Mulki, sicuramente più persone leggeranno l'articolo che se non lo avesse commentato.

Dopo la vittoria per 78-69 della LSU sull'UCLA, Mulkey ha finto di non sapere che fosse stato pubblicato quando gli è stato chiesto se voleva leggere il pezzo del Post.

“Quando è uscito?” ha detto prima di diventare sarcastica quando le è stato detto che l'articolo era stato pubblicato poco prima della partita di sabato.

“Immaginalo” lei ha aggiunto. “Dovete tutti aver pensato che l'avreste visto, che avreste fatto qualche clic o che vi sareste distratti.”

READ  Gigi Sohn, candidato alla FCC di Biden, si è ritirato a seguito di una feroce battaglia di lobbying

Mulki ha rivolto la sua rabbia verso un altro giornale durante la conferenza stampa post partita. Rubrica del Los Angeles Times Si riferiva alla LSU come ai “cattivi”.

“Non vi lascerò attaccare giovani uomini, ragazzi, c'erano cose che avrebbero dovuto offendere voi donne”, ha risposto Mulkey all'articolo del venerdì di Ben Bolch.

“Era così sessista che non lo sapevano. Questo è il bene e il male in quel gioco di oggi. Male? Ci hai chiamato sporche conoscenze? Come ti permetti?”

L'allenatore dell'UCLA Corey Close ha affrontato la storia del Times scusandosi dopo la partita sui social media. Close ha scritto che la ripubblicazione dell'articolo da parte del LA Times era “sbagliata” e che io “ho ripubblicato l'articolo solo dopo aver letto il titolo, non il contenuto della colonna”.

“Ho fatto un grosso errore ripubblicandolo senza prima leggerlo, e mi dispiace molto per questo,” ha scritto Close. “Non voglio mai promuovere qualcosa che abbatta una squadra nel suo miglior gioco.

“Non perdono commenti razzisti, sessisti o provocatori diretti a individui della nostra comunità. Le mie scuse a Kim Mulkey e all'intero programma di basket femminile della LSU.

Lunedì la LSU affronterà l'Iowa negli Elite Eight in una rivincita del campionato nazionale dello scorso anno.