Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Klaus Makela dirige la Chicago Symphony Orchestra

Klaus Makela dirige la Chicago Symphony Orchestra

La Chicago Symphony Orchestra, guidata per decenni da giganti della direzione tra cui Georg Solti, Daniel Barenboim e Riccardo Muti, ha annunciato martedì che il suo prossimo direttore musicale sarà Klaus Makela, il 28enne direttore d'orchestra finlandese il cui carisma e chiarezza hanno alimentato il fascino dell'orchestra . La sua rapida ascesa nella musica classica.

Quando inizierà un contratto quinquennale nel 2027 all'età di 31 anni, Makela sarà il più giovane direttore d'orchestra nei 133 anni di storia dell'ensemble e uno dei più giovani direttori d'orchestra che abbia mai diretto una grande orchestra negli Stati Uniti.

Makela, che diventerà subito direttore musicale, ha detto in un'intervista che non pensa che la sua età sia rilevante, sottolineando che ha diretto l'orchestra per più della metà della sua vita, a partire da quando aveva 12 anni.

“Non ci penso”, ha detto. “La musica in realtà non ha età.”

Makela, che assumerà anche la direzione della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam nel 2027, ha detto che si unirà alla Chicago Symphony perché ha “quell’intensità – lo stesso suono del passato”.

“Sentivo che qualsiasi cosa avessi chiesto, avrebbe potuto migliorare e fare di più”, ha detto, ricordando la sua recente apparizione come ospite lì. “Per un direttore d'orchestra, questa è una sensazione molto speciale perché vedi che non ci sono limiti a ciò che puoi ottenere.”

Makela sarà a Chicago questa settimana per dirigere l'orchestra. Doveva apparire con la pianista Yuja Wang, con la quale aveva una relazione fino a poco tempo fa. I due erano un duo potente nella musica classica e talvolta si esibivano insieme. Wang si è ritirato dai concerti la settimana scorsa senza fornire alcuna motivazione. Verrà sostituita dal violoncellista Sol Gabetta.

READ  La superstar della WWE Roxanne Perez sta attaccando la star 26enne di NXT dopo un'enorme perdita

Jeff Alexander, presidente della Chicago Symphony, ha dichiarato in un'intervista che il legame di Makela con i musicisti è stato evidente fin dai primi minuti in cui hanno provato insieme nel 2022, preparando un programma di Prokofiev, Stravinsky e Helleborg.

I direttori d'orchestra iniziarono presto a rintracciare Makela, assistendo segretamente alle sue esibizioni a New York, San Francisco, Tokyo e Oslo. Gli hanno offerto ufficialmente il lavoro nel febbraio 2023 quando è tornato per partecipare al programma di Mahler, Sibelius e López Bellido.

“Ogni esperienza ha iniziato a riaffermare la nostra sensazione iniziale che questa potesse essere una nuova relazione davvero speciale”, ha detto Alexander.

Makela, uno dei direttori d'orchestra più ricercati del settore, dirige già la Filarmonica di Oslo e la Filarmonica di Parigi. Ha detto che si dimetterà da quei gruppi quando i suoi contratti scadranno nel 2027 in modo da potersi concentrare sulle orchestre di Chicago e Amsterdam.

La nomina di McKella comporterà un cambio generazionale a Chicago: succede a Muti, 82 anni, un direttore d'orchestra veterano che ha guidato la Chicago Symphony dal 2010 al 2023 prima di diventarne il direttore musicale emerito a vita.

La Chicago Symphony, con una dotazione di 385 milioni di dollari, è una delle orchestre più ricche e popolari degli Stati Uniti. Ma deve affrontare sfide, tra cui le continue difficoltà finanziarie causate dalla pandemia, l’aumento dei costi e un lungo e graduale calo degli abbonamenti, che un tempo fornivano una lucrativa fonte di entrate. La partecipazione ai concerti rimane al di sotto dei livelli pre-pandemia – circa il 79% in questa stagione rispetto all’83% – sebbene sia in costante aumento.

READ  Coachella 2022 - LIVE: Tutti gli aggiornamenti dal California Music Festival all'inizio del secondo giorno

L'orchestra spera che Makela possa aiutare ad attirare nuovo pubblico verso la musica classica, compresi gli spettatori più giovani.

“Non c'è niente di sbagliato negli anziani”, ha detto Makela. “Ma ovviamente, idealmente, avremmo un pubblico molto ampio e diversificato”.

Durante il suo mandato, McKella ha detto che spera di affrontare un repertorio standard come la sinfonia della “Resurrezione” di Mahler e la Passione secondo Matteo di Bach, così come opere meno familiari come il “Vespro della pietà vergine” di Monteverdi e l'opera corale di William Walton “Belshazzar's Feast”. “

Ha anche detto che avrebbe dato priorità alla commissione di nuovi brani, nominando Unsuk Chin, Thomas Larcher, Andrew Norman e Anna Thorvaldsdottir come alcuni dei suoi compositori contemporanei preferiti.

“Sento che possiamo avere un capitolo completamente nuovo per l'orchestra in termini di repertorio, in termini di sviluppo dello stesso suono straordinario, ma rendendolo il più flessibile possibile”, ha detto.

La Chicago Symphony sta anche lavorando per portare più donne e persone di colore nel gruppo. L'orchestra comprende 59 uomini e 34 donne, con solo pochi membri neri e latini.

Poiché la pandemia ha ritardato le audizioni, l’orchestra ha un numero insolitamente alto di posti vacanti, 15, che Makela ha descritto come “un’opportunità di cambiamento”. L'orchestra ha detto che inizierà immediatamente a fornire feedback sulle audizioni.

Makela, che si è formato alla Sibelius Academy di Helsinki, ha detto che alcuni dei suoi modelli erano Esa-Pekka Salonen, un collega finlandese che ha recentemente annunciato che si sarebbe dimesso dalla San Francisco Symphony, citando i suoi esperimenti con la musica e la tecnologia. Ha espresso la sua ammirazione per Kirill Petrenko, direttore dell'Orchestra Filarmonica di Berlino, dicendo che ha mostrato coraggio nella programmazione.

READ  La terza stagione di "Picard" mostra TNG Sendoff, altre astronavi, il trucco di Worf e altri cameo di Star Trek - TrekMovie.com

I concerti di questa settimana saranno la terza visita di McKayla a Chicago. Ha detto che amava l'arte, l'architettura e il cibo della città e non aveva paura della massiccia stagione invernale.

“Non ho paura del tempo, essendo finlandese”, ha detto. “Sembra molto conveniente.”