Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Georgia approva una legge controversa che ha scatenato proteste di massa

La Georgia approva una legge controversa che ha scatenato proteste di massa
  • Scritto da Rehan Dimitri a Tbilisi e Emily Atkinson
  • notizie della BBC

Commenta la foto, Le proteste sono ormai uno spettacolo quotidiano a Tbilisi e mostrano pochi segni di fine

Il parlamento della Georgia ha votato una controversa legge sugli “agenti stranieri” che ha scatenato settimane di massicce proteste di piazza.

Tuttavia, il disegno di legge ora si trova di fronte a un potenziale veto da parte del presidente della Georgia, che il Parlamento può annullare con un voto aggiuntivo.

I critici sostengono che il disegno di legge – che chiamano “legge russa” – potrebbe essere utilizzato per minacciare le libertà civili.

Migliaia di persone si sono radunate vicino al Parlamento di Tbilisi per protestare contro la decisione.

Il primo ministro Irakli Kobakhidze ha avvertito lunedì che se le autorità facessero marcia indietro sulla terza lettura del disegno di legge, la Georgia perderebbe la sua sovranità e “condividerebbe facilmente il destino dell’Ucraina”, senza specificare cosa intendesse dire.

I manifestanti hanno molestato la polizia, vestita in tenuta antisommossa, che sorvegliava gli ingressi laterali dell’edificio. L’atmosfera era tesa anche all’interno del Parlamento, poiché si sono verificati scontri fisici e verbali tra parlamentari filogovernativi e dell’opposizione.

Appena entrata nel palazzo del parlamento, la presidente Salome Zurabishvili – oppositrice di Kobakhidze – ha detto alla BBC che avrebbe posto il veto alla legge.

Tuttavia, il partito Sogno Georgiano ha abbastanza numeri in parlamento per ribaltarlo, e non ci sono dubbi che la legislazione passerà.

Saranno inoltre monitorati dal Ministero della Giustizia e potrebbero dover condividere informazioni sensibili o affrontare pesanti multe fino a 25.000 lari georgiani (9.400 dollari; 7.500 sterline).

I manifestanti temono che il governo utilizzi questa legislazione per reprimere i suoi oppositori. Sono stati tracciati paralleli anche con un disegno di legge autoritario entrato in vigore in Russia nel 2012, che da allora il Cremlino ha utilizzato per reprimere i dissidenti.

I partiti di opposizione affermano che la legge potrebbe danneggiare il tentativo della Georgia di aderire all’Unione Europea, che le ha concesso lo status di candidato. L’Unione Europea ha avvertito che il progetto di legge potrebbe mettere a repentaglio ulteriori progressi all’interno del blocco.