Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La giornalista russa Oksana Paulina è stata uccisa in un attentato a Kiev

La giornalista russa Oksana Paulina è stata uccisa in un attentato a Kiev

Oksana Paulina stava filmando la devastazione provocata dalle forze russe nel distretto di Podilsky della capitale quando è caduta sotto il fuoco dei razzi. La dichiarazione di Insider ha affermato che un altro civile è morto con lei. Due persone accompagnate da lei sono rimaste ferite e portate in ospedale.

The Insider ha detto che Paulina è andata in Ucraina come giornalista e ha presentato “diversi rapporti” da Leopoli e Kiev.

“The Insider esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Oksana”, si legge nel comunicato. “Continueremo a coprire la guerra in Ucraina, compresi i crimini di guerra russi come il bombardamento indiscriminato di aree residenziali dove vengono uccisi civili e giornalisti”.

La dichiarazione dell’insider non ha detto quando Paulina è stata uccisa. Ma subito dopo il suo rilascio, i colleghi si sono rivolti a Twitter per piangere la sua morte.

Paulina era una “giornalista con un enorme senso di chiarezza morale”, un’ex collega Alessio Kovalev Lo ha detto in un post su Twitter.

Prima di entrare a far parte dell’outlet, Paulina ha lavorato come produttrice per la fondazione anticorruzione fondata dal leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, secondo la rivista Insider, che ha aggiunto che “dopo che l’organizzazione è stata elencata come organizzazione estremista, ha dovuto lasciare la Russia in per continuare a denunciare la corruzione del governo russo a The Insider”.

La portavoce di Navalny, Kira Yarmesh, ha descritto Paulina come una “giornalista coraggiosa, onesta ed eccellente”. “[S]Yarmesh ha detto: “È stato un fermo sostenitore di noi e ci aiuterà sempre. Non so nemmeno come parlare della sua morte e non riesco nemmeno a immaginare tutto questo”.

Cristo Grosevgiornalista investigativa di Bellingcat, l’ha descritta come una “giornalista russa straordinariamente coraggiosa” che è stata “uccisa dall’esercito del suo paese durante i bombardamenti di aree civili nel distretto di Podol a Kiev”.

“È stata uccisa mentre copriva i danni causati dall’attentato”, ha aggiunto Grosev su Twitter.

Paulina è la quinta giornalista a morire in Ucraina questo mese, secondo il quotidiano Comitato per la tutela dei giornalisti e altri attivisti per la libertà di stampa.

Gulnoza Said, coordinatore del programma per l’Europa e l’Asia centrale del comitato, ha affermato che la morte di Paulina è stata “un’ulteriore prova della crudeltà della guerra della Russia contro l’Ucraina”.

Diverse troupe giornalistiche sono state prese di mira mentre coprivano la guerra. direttore Brent Renault È stato ucciso fuori Kiev il 13 marzo. collega Juan Arridondo È stato gravemente ferito. “Cinque interventi chirurgici, ho una lunga strada da recuperare”, ha scritto Arredondo su Instagram all’inizio di questa settimana.
Il giorno successivo, due troupe di Fox News, Oleksandra Kovchinova E il Pierre Zakrzewski, stati uccisi. Reporter Benjamin Hall gravemente ferito.

All’inizio del mese, un cameraman ucraino, Yevni Sakon, è stato ucciso dall’esplosione di una torre televisiva a Kiev, secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti.

READ  Il premier israeliano incontra Putin per discutere dell'Ucraina

“Le autorità ucraine e russe devono fare tutto ciò che è in loro potere per garantire la sicurezza dei giornalisti e di tutti gli altri civili e per indagare a fondo sugli attacchi ai giornalisti”, ha affermato l’organizzazione.