Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La grande eruzione di una stella enorme – Splendida nuova visualizzazione astronomica

Il modello Violent Star Eta Carinae si basa su osservazioni a lunghezza d’onda multipla

Un tempo era una delle stelle più luminose del cielo, facilmente visibile ai marinai che navigavano nel cielo australe a metà degli anni Quaranta dell’Ottocento. Ma la star Eta Carinae è svanita rapidamente nell’oscurità dopo il suo breve sfogo. Ora, più di un secolo e mezzo dopo, Nasa gli osservatori spaziali (sondando dalla luce infrarossa attraverso i raggi X) hanno consentito ad astronomi e artisti di assemblare un modello tridimensionale della Nebulosa Homunculus e delle nubi di polvere e gas che avvolgono la stella petulante. Più che una semplice visualizzazione accattivante, la storia della Grande Eruzione del 1843 e la storia della nebulosa espulsa è progettata per arricchire l’apprendimento astronomico, un obiettivo chiave dell’Universo dell’apprendimento della NASA.

La visualizzazione esplora la grande eruzione di una stella massiccia

Una nuova visualizzazione astronomica dell’Universo dell’apprendimento della NASA mostra le emissioni multilunghezza d’onda (dalla luce infrarossa ai raggi X) e le strutture tridimensionali che circondano Eta Carinae, una delle stelle più massicce ed eruttive della nostra galassia. Il video, “Eta Carinae: The Great Eruption of a Massive Star”, è stato rilasciato oggi. (Vedi il video incorporato sopra.)

Eta Carinae, o Eta Car, è famosa per uno sfogo brillante e insolito, chiamato “Grande Eruzione”, osservato negli anni ’40 dell’Ottocento. Questo l’ha resa brevemente una delle stelle più luminose del cielo notturno, rilasciando quasi la stessa quantità di luce visibile di un’esplosione di supernova.

La stella è sopravvissuta allo sfogo e lentamente è svanita per i successivi cinque decenni. La causa principale di questo cambiamento di luminosità è una piccola nebulosa di gas e polvere, chiamata Homunculus Nebula, che è stata espulsa durante l’esplosione e ha bloccato la luce della stella.

READ  Carlo si autoproclamò re d'Inghilterra in una cerimonia storica

Osservazioni utilizzando la NASA Telescopio spaziale Hubble e l’Osservatorio a raggi X Chandra rivelano i dettagli nella luce visibile, ultravioletta e a raggi X. Astronomi e artisti dello Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, hanno sviluppato modelli tridimensionali per rappresentare la forma a clessidra dell’Homunculus e le nubi di gas incandescente che lo circondano. Il risultato è uno straordinario tour delle emissioni nidificate che riporta le immagini 2D alla vita 3D.

“Il team ha svolto un lavoro così straordinario rappresentando gli strati volumetrici che gli spettatori possono comprendere immediatamente e intuitivamente la complessa struttura attorno a Eta Car”, ha affermato Frank Summers, principale scienziato della visualizzazione presso STScI e responsabile del progetto. “Non possiamo solo raccontare la storia della Grande Eruzione, ma anche mostrare la nebulosa risultante in 3D”.

Inoltre, Eta Car è estremamente luminoso alle lunghezze d’onda dell’infrarosso e la sua radiazione colpisce la molto più grande Nebulosa Carina dove risiede. Lavorando con le osservazioni dello Spitzer Space Telescope della NASA, il team è stato in grado di collocare Eta Car nel contesto dell’abbagliante vista a infrarossi della regione di formazione stellare.

“L’immagine a infrarossi di Spitzer ci consente di scrutare attraverso la polvere che oscura la nostra vista nella luce visibile per rivelare i dettagli intricati e l’estensione della nebulosa Carina attorno a questa stella brillante”, ha commentato Robert Hurt, scienziato capo della visualizzazione presso Caltech/IPAC e membro del team.

Estendendo gli obiettivi dell’Universo dell’apprendimento della NASA, le risorse di visualizzazione promuovono l’apprendimento oltre la sequenza video. “Possiamo prendere questi modelli come quello per Eta Car e utilizzarli nella stampa 3D e nei programmi di realtà aumentata”, ha osservato Kim Arcand, scienziato capo della visualizzazione presso il Chandra X-ray Center di Cambridge, nel Massachusetts. “Ciò significa che più persone possono mettere le mani sui dati – letteralmente e virtualmente – e questo migliora l’apprendimento e il coinvolgimento”.

READ  AGGIORNAMENTI: la bara della regina lascia Balmoral, inizia la processione per Edimburgo

Eta Carinae è una delle stelle più massicce conosciute. Queste stelle eccezionali sono soggette a esplosioni durante la loro vita. Termineranno la loro vita crollando in a buco nero, probabilmente accompagnata da un’esplosione di supernova. Eta Car è uno degli esempi più vicini e meglio studiati per conoscere la vita energetica e la morte di stelle molto massicce.

Vuoi saperne di più? Il video di visualizzazione e le ampie risorse correlate, che includeranno un’imminente chat live online dell’Universo dell’apprendimento con Summers sulla visualizzazione, sono disponibili all’indirizzo https://universeunplugged.ipac.caltech.edu/video/astroviz-eta-car.

L’Universo dell’apprendimento della NASA fa parte del programma di attivazione scientifica della NASA. Il programma Science Activation collega esperti scientifici della NASA, contenuti ed esperienze reali e leader della comunità in un modo che attiva le menti e promuove una comprensione più profonda del nostro mondo e oltre. Utilizzando la sua connessione diretta con la scienza e gli esperti dietro la scienza, l’Universo dell’apprendimento della NASA fornisce risorse ed esperienze che consentono ai giovani, alle famiglie e agli studenti per tutta la vita di esplorare le questioni fondamentali della scienza, sperimentare come viene fatta la scienza e scoprire l’universo da soli .

I materiali dell’Universo dell’apprendimento della NASA si basano sul lavoro sostenuto dalla NASA nell’ambito dell’accordo di cooperazione numero NNX16AC65A allo Space Telescope Science Institute, in collaborazione con Caltech / IPAC, Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian e Jet Propulsion Laboratory.