Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La grande evoluzione di Micromouse

La grande evoluzione di Micromouse

Potresti pensare che ci siano solo tanti modi in cui un topo robotico può eseguire un labirinto, ma nei suoi quasi 50 anni di storia, i concorrenti negli eventi Micromouse hanno ripetutamente dimostrato che questa ipotesi era sbagliata. Nel video dopo la pausa, [Veritasium] Ci porta in un meraviglioso viaggio attraverso Sviluppo del microtopo robot da competizione.

L’obiettivo di Micromouse è semplice: raggiungere la casella di destinazione (al centro) del labirinto nel minor tempo possibile. I concorrenti non sono autorizzati ad aggiornare la programmazione delle loro auto una volta che la build è stata rivelata all’inizio dell’evento. Nel corso degli anni, ci sono state molte innovazioni che ora possono sembrare ovvie ma che all’epoca erano rivoluzionarie.

La prima sfida più ovvia è trovare il centro del labirinto. Il semplice muro nel primo evento del 1977 si è evoluto in variazioni dell’algoritmo di “riempimento”. All’inizio tutti i robot si sono fermati prima di girare fino a quando qualcuno si è reso conto che si potevano tagliare angoli di 45 gradi e muoversi in diagonale se il robot era abbastanza stretto. Il percorso più breve non è sempre il più veloce in quanto la curva perde molta velocità, quindi a volte è possibile migliorare il tempo scegliendo uno sterzo leggermente più lungo con meno angoli.

Una maggiore velocità è buona solo se riesci a mantenere il controllo, quindi molti robot ora includono eliche per risucchiarli, il che aumenta la trazione. Ciò ha portato a velocità fino a 7 m/s e forze in curva fino a 6 G. Anche i granelli di polvere possono causare la perdita di controllo, quindi tutti i concorrenti usano il nastro per pulire le ruote prima di correre. Molte corse vincenti ora durano meno di 10 secondi, il che richiede molte iterazioni del design per aumentare la velocità controllabile e ridurre il peso.

READ  Rinnovata preoccupazione per il remake di Star Wars: Knights of the Old Republic poiché trailer e tweet vengono cancellati

Tutte queste innovazioni sono nate come esperimenti e il bello di Microhouse è la loro accessibilità. Non ci vuole molto budget per iniziare e la barriera tecnica all’ingresso è più bassa che mai. Abbiamo già visto un altro progetto di Micromouse. Anche se non sono minuscoli, non ne abbiamo mai abbastanza di piccoli robot.