Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra tra Israele e Hamas: Israele diviso sul reclutamento degli ultraortodossi

La guerra tra Israele e Hamas: Israele diviso sul reclutamento degli ultraortodossi

Gerusalemme (AFP) – Mentre Israele combatte lunghe battaglie La guerra a Gazafurono riaperte ampie esenzioni dal servizio militare obbligatorio per gli uomini ultraortodossi Divisione profonda Nel paese e scosse la coalizione di governo Il primo ministro Benjamin Netanyahu I suoi colleghi membri del Gabinetto di Guerra si opposero fermamente alla nuova legge sulla coscrizione proposta.

Entro la fine del mese, Governo di Israele Dovrebbe introdurre una legislazione volta ad aumentare il reclutamento nella comunità religiosa. Con l’avvicinarsi della scadenza, il discorso pubblico è diventato sempre più tossico, allontanandosi dalle manifestazioni di unità all’inizio della guerra.

Il governo di Netanyahu è finora sopravvissuto alla rabbia popolare che ha scatenato Attacco di Hamas il 7 ottobre Chi ha scatenato la guerra, ma la bozza del caso lo ha messo di fronte a un dilemma. Il crollo del gabinetto di guerra composto da tre membri minerebbe la stabilità del paese in un momento delicato dei combattimenti. Ma una perdita per i partiti ultra-ortodossi farebbe crollare la sua più ampia coalizione di governo e trascinerebbe il paese verso nuove elezioni in cui lui e il suo partito Likud sono in svantaggio nei sondaggi d’opinione.

“Politicamente, questa è una delle minacce più tangibili al governo”, ha affermato Gilad Malach, esperto di questioni ultra-ortodosse presso l’Israel Democracy Institute, un think tank di Gerusalemme.

Uomini ebrei più ricercati Per servire Circa tre anni seguiti da anni di servizio di riserva. Le donne ebree servono due anni obbligatori. Ma gli ultra-ortodossi politicamente potenti, che costituiscono circa il 13% della società israeliana, tradizionalmente ricevono un’esenzione se studiano a tempo pieno nelle yeshivah. Le esenzioni – e gli stipendi governativi che molti studenti di seminario ricevono fino all’età di 26 anni – hanno fatto arrabbiare l’opinione pubblica.

READ  "Qui tutto è sul filo del rasoio": la CNN trasmette riprese aeree del vulcano islandese nel timore di un'eruzione

La Corte Suprema ha stabilito che l'attuale sistema è discriminatorio e ha concesso al governo tempo fino al 1° aprile per presentare un progetto di legge e fino al 30 giugno per approvarlo.

Yoav Galant e Benny Gantz – che insieme a Netanyahu formano il governo di guerra – affermano che la legge proposta dal primo ministro non è sufficiente ad aumentare il numero degli ultra-ortodossi che si uniranno all’esercito. I critici sostengono che alcuni aspetti, come l’innalzamento dell’età dell’esenzione, potrebbero portare a numeri più bassi.

Gantz, Netanyahu Principale rivale politicoHa detto che lascerà il governo se la legge sulla coscrizione fosse stata indebolita o non fosse stata approvata entro la scadenza. Il ministro della Difesa Gallant ha detto che sosterrà una nuova legge solo con il sostegno di Gantz e dei membri più centristi del governo di emergenza del paese in tempo di guerra.

Membri di Brothers and Sisters in Arms e Bonot Alternativa (Donne che costruiscono un'alternativa) protestano contro le esenzioni israeliane per gli ebrei ultra-ortodossi dal servizio militare obbligatorio, vicino all'ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme, martedì 26 marzo 2024. (AP Photo/Maya Alleruzzo ) )

Il governo è composto da partiti religiosi ultraortodossi e ultranazionalisti, ai quali si aggiunse nei primi giorni della guerra una fazione guidata da ex generali militari, tra cui Gantz. L'unione doveva essere una dimostrazione di unità sulla scia degli eventi del 7 ottobre, ma le due parti sono ampiamente in disaccordo sulla questione della coscrizione.

Dopo l'attacco di Hamas… Israele ha attivato 360.000 soldati di riservaSi tratta della loro più grande mobilitazione dalla guerra in Medio Oriente del 1973. Molti di loro sono stati rilasciati da allora, ma si prevede che torneranno in servizio attivo nei prossimi mesi. L’aumento del servizio di riserva e le discussioni sul prolungamento del servizio obbligatorio hanno aggravato la rabbia popolare.

READ  La scoperta di fossili rivela che i primi umani lasciarono l'Africa prima di quanto si pensasse

Tra la maggioranza ebraica di Israele, il servizio militare obbligatorio è in gran parte visto come un crogiolo e un rito di passaggio. Gli ebrei ultra-ortodossi affermano che l'integrazione nell'esercito minaccerebbe il loro stile di vita generazionale e che il loro stile di vita religioso e la dedizione all'osservanza dei comandamenti ebraici proteggono Israele tanto quanto un potente esercito.

“Preferiremmo morire piuttosto che prestare servizio nell'esercito israeliano”, ha detto Yona Kruskal, 42 anni, padre di 11 figli e studente di seminario a tempo pieno. Traffico bloccato A Gerusalemme con circa altri 200 la settimana scorsa in una delle proteste ricorrenti contro la legge sulla coscrizione. “Non è possibile costringerci ad arruolarci nell’esercito, perché siamo determinati a far sì che l’esercito e la religione siano in conflitto tra loro”.

Mentre gli ebrei ultra-ortodossi si scontravano con la polizia durante la protesta, altri israeliani li rimproveravano, gridando “Vergogna!” Vergogna!”

Uno degli uomini ha gridato: “I miei amici sono seduti a Gaza mentre tu sei qui seduto per terra”. Una donna ha gridato ai manifestanti che suo figlio prestava servizio a Gaza per proteggerli.

Oren Shevel, fondatore di Brothers in Arms, un gruppo di protesta che rappresenta i riservisti contrari a Netanyahu, ha affermato che gli ebrei ultraortodossi beneficiano della protezione dell'esercito senza parteciparvi. Ha aggiunto: “C'è una legge per tutti e deve essere applicata equamente”.

Gli economisti affermano che il sistema è insostenibile. Con un alto tasso di natalità, la comunità ultraortodossa è il segmento della popolazione in più rapida crescita, pari a circa il 4% annuo. Ogni anno, circa 13.000 maschi ultra-ortodossi raggiungono l’età di 18 anni per la leva, ma meno del 10% di loro si arruola, secondo il Comitato di controllo dello Stato del parlamento israeliano, che ha recentemente tenuto un’udienza sulla questione.

“Una delle cose discutibili in passato e che ora è diventata più chiara è che abbiamo bisogno di più soldati”, ha detto Yoaz Hendel, ex aiutante e ministro di Netanyahu che ha appena completato quattro mesi di servizio di riserva come comandante delle forze speciali. solitudine. Ha detto che l'onere del servizio dovrebbe essere condiviso equamente tra tutti i settori della popolazione.

Lo shock dell'attacco del 7 ottobre sembra aver acceso un certo entusiasmo tra gli ebrei ultra-ortodossi per il servizio, ma secondo i media israeliani non ha avuto luogo alcun processo di reclutamento significativo. L'esercito ha rifiutato di commentare il tasso di reclutamento degli ebrei ultraortodossi.

Questa controversia divide da tempo Israele e una serie di sentenze dei tribunali hanno ripetutamente ritenuto che il sistema fosse ingiusto. Ma i leader israeliani, sotto la pressione dei partiti ultra-ortodossi, hanno vacillato più volte. Non è chiaro se Netanyahu sarà in grado di farlo di nuovo.

La disputa sulle esenzioni è peggiorata lo scorso anno quando il governo di Netanyahu ha portato avanti la riforma del sistema legale sostenuto da partner di governo ultra-ortodossi che hanno cercato di ignorare le decisioni dei tribunali sulla coscrizione. Il governo ha congelato il processo di riforma dopo lo scoppio della guerra.

L’esercito ha tentato di assimilare gli ebrei ultraortodossi creando unità separate che consentano loro di mantenere le loro pratiche religiose, inclusa la riduzione dell’interazione con le donne.

Ephraim Loew, 65 anni, studente a tempo pieno in una scuola religiosa nella città ultraortodossa di Bnei Brak, ha respinto tali sforzi, affermando che gli uomini che si uniscono a queste unità non sono “veri haredim”, come vengono chiamati gli ultraortodossi. in ebraico.

“L’esercito è lo stadio finale dell’istruzione israeliana per trasformare le persone in israeliani laici e separarli dalla loro eredità ebraica”, ha detto Loew, che ha descritto come uno dei suoi otto figli “ha perso la strada” verso l’istruzione a tempo pieno e ha prestato servizio nelle esercito. Nell'esercito come camionista per un anno e mezzo.

Uno dei due rabbini più anziani del paese, Yitzhak Yosef, ha detto questo mese che gli ebrei ultra-ortodossi “si trasferirebbero tutti all'estero” se costretti ad arruolarsi. Malach dell'Israel Democracy Institute ha affermato che il commento ha suscitato condanna perché ha incoraggiato gli israeliani ad andarsene durante una crisi nazionale, e ridicolo perché molti israeliani laici non avrebbero alcun problema con gli ebrei ultra-ortodossi che se ne vanno in massa.

Al contrario, la riluttanza della leadership ultra-ortodossa a scendere a compromessi anche se altre parti della società israeliana stanno facendo grandi sacrifici, ha ulteriormente alienato l’opinione pubblica, ha detto Malach.

Ha detto: “In questo governo, non vedo una reale opportunità di cambiamento”. “Ma se si terranno le elezioni e ci sarà una coalizione senza gli haredim o con gli haredim deboli, è possibile che ci sia un cambiamento”.