Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA conferma il ritardo di molti anni nell’imminente competizione New Frontiers

La NASA conferma il ritardo di molti anni nell’imminente competizione New Frontiers

WASHINGTON – La NASA ha confermato che sta ritardando la pubblicazione dell’invito a presentare proposte per la missione scientifica planetaria New Frontiers, prevista per questo autunno, a non oltre il 2026 a causa di problemi di budget.

In Annuncio comunitario Pubblicato il 24 agosto, il Science Mission Directorate (SMD) della NASA ha affermato che l’annuncio delle opportunità (AO) per la quinta missione New Frontiers sarà ritardato e che l’elenco potenziale delle missioni idonee alla selezione potrebbe essere modificato.

“L’incertezza del budget nella Divisione di Scienze Planetarie (PSD) rende impegnativo il lancio di AO nel 2023 e la successiva selezione di una nuova missione”, ha affermato l’agenzia nell’annuncio. “Il nuovo obiettivo SMD della NASA non è anteriore al 2026 per il rilascio finale dell’AO”.

Fino a quest’estate, la NASA stava lavorando alla versione finale dell’AO per la missione New Frontiers di novembre. Ciò includeva il rilascio di una bozza dell’AO a gennaio per sollecitare il feedback sui suoi contenuti da parte della comunità scientifica.

Tuttavia, entro l’estate, la NASA aveva rallentato questi piani, citando l’incertezza associata a un accordo sul tetto del debito che mantiene i finanziamenti per le agenzie discrezionali non legate alla difesa, come la NASA, stabili nell’anno fiscale 2024 con un aumento dell’1% nel 2025. A giugno, l’accordo significava che difficilmente la NASA avrebbe ottenuto tutti i 27,2 miliardi di dollari richiesti per il 2024, creando “sfide” per i programmi dell’agenzia.

Durante una riunione aperta al SMD della NASA il 27 luglio, Lori Glaze, direttrice della Divisione di Scienze Planetarie della NASA, ha avvertito del potenziale ritardo prolungato nel rilascio di New Frontiers AO. “Se i livelli di finanziamento per la scienza planetaria attesi a causa di questo contesto di budget ristretto verranno effettivamente raggiunti entro i prossimi due anni circa, è improbabile che saremo in grado di toccare nuovi orizzonti, forse non prima del 2026”, ha affermato. Questo ritardo è diventato ufficiale con il rilascio dell’annuncio della community.

READ  Guarda un buco nero in fuga squarciare lo spazio in questo momento

Il progetto AO ha cercato proposte di missione su sei argomenti, come raccomandato dal Decadal Planetary Science Survey nel 2011: un ritorno di campioni sulla superficie di una cometa, una missione sulla luna vulcanica di Giove Io, una rete geofisica lunare e una missione di ritorno di campioni al polo sud lunare. Bacino di Aitken, una missione per caratterizzare la potenziale abitabilità della luna ghiacciata di Saturno Encelado e una sonda dell’atmosfera di Saturno.

Tuttavia, il lungo ritardo potrebbe spingere la NASA a modificare tale elenco, sulla base delle indicazioni del più recente Decadal Planetary Science Survey pubblicato nel 2022. Tale rapporto non raccomandava modifiche all’elenco delle potenziali missioni per New Frontiers V, ma offriva raccomandazioni per obiettivi per le due missioni, la sesta e la settima, che il contratto prevedeva venissero contestate nel prossimo decennio.

Il roster del 6° sondaggio decennale di New Frontiers ha mantenuto i concetti di ritorno del campione della superficie della cometa, rete geofisica lunare e sonda di Saturno, e ha aggiunto una missione Orbiter e Lander a un piccolo oggetto di tipo centauro nel sistema solare esterno, la missione di ritorno del campione di Cerere, un sorvolo multiplo Missione sulla luna di Saturno Encelado, un Orbiter sulla luna di Saturno, Titano, e Venere In-Situ Explorer.

Nell’annuncio della comunità, la NASA ha affermato che chiederà alle Accademie nazionali di rivedere i potenziali concetti di missione dai due elenchi che dovrebbero essere inclusi nell’AO ritardato. “Ciò fornisce anche l’opportunità di aggiornare gli obiettivi scientifici per i soggetti della missione sulla base del Decadal Planetary Survey recentemente pubblicato”, aggiunge l’annuncio.

READ  La navicella spaziale cinese ottiene immagini dell'intero pianeta Marte

Il ritardo arriva dopo che molti scienziati hanno già iniziato a pianificare le missioni proposte, compresa la creazione di partenariati e l’inizio del lavoro sulla progettazione dei veicoli spaziali e sugli obiettivi scientifici. La bozza dell’AO prevedeva una scadenza per la proposta nell’aprile 2024, cinque mesi dopo l’emissione dell’AO finale. La NASA ha pianificato di selezionare diverse proposte alla fine del 2024 per gli studi di Fase A che si svolgeranno fino all’inizio del 2026. La NASA prevede di selezionare uno di questi finalisti come prossima missione New Frontiers alla fine del 2026, che sarà lanciata tra il 2031 e il 2034.

La bozza dell’AO specificava un costo di 900 milioni di dollari per lo sviluppo della missione, più 300 milioni di dollari per le operazioni. Tuttavia, l’indagine decennale dello scorso anno raccomandava di aumentare il costo massimo di sviluppo e operazioni a 1,65 miliardi di dollari, più un’indennità di 30 milioni di dollari all’anno per operazioni di “crociera tranquilla” per missioni con tempi di transito lunghi. Nessuno dei limiti di costo includeva il lancio.

Finora la NASA ha selezionato quattro missioni New Frontiers. Tre di queste sono state lanciate: la missione New Horizons su Plutone e nella fascia di Kuiper, la missione Juno in orbita attorno a Giove e la missione OSIRIS-REx, che riporterà campioni dall’asteroide Bennu a settembre. Una quarta missione, la missione Dragonfly su Titano, è in fase di sviluppo per il lancio nel 2027.