Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Acido in fiamme è stato avvistato dietro le punture di formica intorno a due stelle

Acido in fiamme è stato avvistato dietro le punture di formica intorno a due stelle

ESA/WEP/NASA/CSA/W. Rocha et al./ESA/Web/ESA/Webb, NASA, CSA, W. Rocha et al

Lo strumento nel medio infrarosso del James Webb Space Telescope ha catturato un'immagine di una regione parallela alla massiccia protostella conosciuta come IRAS 23385. La protostella non è visibile in questa immagine.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Secondo lo studio, gli astronomi utilizzando il telescopio spaziale James Webb hanno scoperto componenti chimici comuni presenti nell'aceto, nelle punture di formiche e persino nei margarita attorno a due giovani stelle. NASA.

Le complesse molecole organiche che hanno osservato utilizzando lo strumento nel medio infrarosso dell'osservatorio spaziale includevano acido acetico, un componente dell'aceto, ed etanolo, comunemente noto come alcol.

Il team ha anche trovato tracce di acido formico, che provoca la sensazione di bruciore associata alle punture di formica, così come anidride solforosa, metano e formaldeide. Gli scienziati ritengono che i composti dello zolfo, come l’anidride solforosa, potrebbero aver avuto un ruolo chiave sulla Terra primordiale, aprendo infine la strada alla formazione della vita.

Le particelle appena scoperte sono state osservate come composti ghiacciati che circondano IRAS 2A e IRAS 23385, due protostelle, ovvero stelle così giovani da non aver ancora formato pianeti. stelle Si formano da nubi vorticose di gas e polvereIl materiale rimasto dalla formazione stellare dà origine ai pianeti.

Secondo le stime, la protostella IRAS 23385 si trova a 15.981 anni luce dalla Terra, nella Via Lattea. Ricerca precedente.

La nuova osservazione interessa gli astronomi perché le molecole scoperte attorno alle stelle potrebbero essere componenti cruciali di mondi potenzialmente abitabili, e questi componenti potrebbero essere incorporati in pianeti che probabilmente alla fine si formeranno attorno alle stelle.

READ  Il ghiaccio di silice avvolge l’atmosfera infuocata del caldo esopianeta Giove

Lo spazio è pieno di metalli pesanti, elementi e composti chimici creati e rilasciati nel tempo dalle esplosioni stellari. A loro volta, gli elementi chimici si fondono in nubi che formano la prossima generazione di stelle e pianeti.

Sulla Terra, la giusta combinazione di elementi ha permesso la formazione della vita, e come disse una volta il famoso astronomo Carl Sagan: “Siamo fatti di roba da star.Ma gli astronomi si chiedono da tempo quanto siano comuni nell’universo gli elementi necessari alla vita.

In precedenza, gli scienziati che utilizzavano il Web scoprivano specie di Ghiaccio composto da diversi elementi in una nube molecolare fredda e scuraUna massa interstellare di gas e polvere dove si possono formare molecole di idrogeno e monossido di carbonio. Gli ammassi densi all'interno di queste nubi possono collassare per formare protostelle.

Il rilevamento di molecole organiche complesse nello spazio aiuta gli astronomi a determinare le origini delle molecole così come le origini di altre molecole cosmiche più grandi.

NASA/ESA/CSA/L. Hostac

Le scoperte di Webb hanno rivelato molecole semplici e complesse che potrebbero essere utilizzate per creare mondi potenzialmente abitabili.

Gli scienziati ritengono che le molecole organiche complesse vengano create dalla sublimazione del ghiaccio nello spazio, ovvero dal processo in cui un solido si trasforma in un gas senza prima diventare un liquido, e la nuova scoperta di Webb fornisce la prova di questa teoria.

“Questa scoperta contribuisce a rispondere a una delle domande di vecchia data dell'astrochimica”, ha affermato in una nota Will Rocha, team leader del James Webb Small Protostar Observations Program e ricercatore post-dottorato presso l'Università di Leiden nei Paesi Bassi. “Qual è l'origine delle molecole organiche complesse, o COM, nello spazio? Sono prodotte in fase gassosa o nel ghiaccio? La scoperta di COM nel ghiaccio suggerisce che le reazioni chimiche in fase solida sulla superficie dei granelli di polvere fredda possono costruire complessi tipi di molecole.”

READ  La NASA sta testando missili nucleari che potrebbero portare gli astronauti su Marte a tempo di record | Marte

Uno studio che descrive in dettaglio le nuove scoperte sulla protostella è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista Astronomia e astrofisica.

Comprendere la forma che assumono le molecole organiche complesse può aiutare gli astronomi a comprendere meglio i modi in cui le molecole vengono incorporate nei pianeti. Le molecole organiche complesse intrappolate nel ghiaccio freddo potrebbero eventualmente diventare parte di comete o asteroidi, che si scontrano con i pianeti e forniscono essenzialmente gli ingredienti in grado di sostenere la vita.

Le sostanze chimiche trovate attorno alle protostelle potrebbero riflettere la storia antica del nostro sistema solare, consentendo agli astronomi di intravedere cosa c’era quando si formavano il Sole e i pianeti che orbitano attorno ad esso, inclusa la Terra.

“Tutte queste molecole potrebbero diventare parte di comete, asteroidi ed eventualmente nuovi sistemi planetari quando il materiale ghiacciato viene trasportato verso l'interno del disco di formazione del pianeta mentre il sistema stellare si evolve”, ha affermato Eoin van Dischhoek, professore di astrofisica molecolare all'Università di Leiden e co. -autore dello studio “Iniziale”. L'università, in un comunicato. “Non vediamo l’ora di seguire questo percorso astrochimico passo dopo passo con più dati Webb nei prossimi anni”.

Il team ha dedicato i risultati della ricerca allo studio del coautore Harold Lennartz, morto inaspettatamente a dicembre poco dopo che l’articolo era stato accettato per la pubblicazione.

Lennartz, che ha guidato il Laboratorio Astrofisico di Leida e ha coordinato le misurazioni utilizzate nello studio, era “un leader mondiale negli studi di laboratorio sulle particelle gassose e ghiacciate nello spazio interstellare”, secondo una dichiarazione del centro. Università di Leida.

READ  Infine, gli scienziati hanno escogitato un meccanismo molecolare chiave alla base dell'udito umano: ScienceAlert

Si dice che sia rimasto entusiasta dei dati che Webb è riuscito a catturare e di cosa potrebbero significare i risultati per la ricerca astrochimica.

“Harold è stato particolarmente lieto che il lavoro di laboratorio sulle missioni COM possa svolgere un ruolo importante poiché è passato molto tempo per arrivare qui”, ha detto Van Dyschock.