Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA pubblica immagini dell'ammasso stellare “Albero di Natale”.

Anche a migliaia di anni luce dalla Terra, ci sono ammassi di stelle che entrano nello spirito natalizio. Le immagini rilasciate dalla NASA questa settimana mostrano un ammasso di stelle dell'ammasso NGC 2264 che brilla di luci verdi, blu e bianche brillanti attraverso il cielo della Via Lattea.

Comunemente indicato come un “grappolo di alberi di Natale”, questa formazione ha una base leggermente triangolare e tronchi che si allargano ai lati, la sua struttura ricorda il popolare abete rosso norvegese, che è diventato un elemento base e una tradizione delle vacanze.

I ricercatori della NASA hanno raccolto dati da due telescopi – tra cui l’Osservatorio a raggi X Chandra dell’agenzia e l’Osservatorio Wisconsin-Indiana-Yale-NOAO (WIYN) della National Science Foundation – per mostrare l’ammasso verde pino. Utilizzando i dati a infrarossi del Two Micron All Sky Survey, un'indagine astronomica del cielo in luce infrarossa, hanno animato le stelle all'interno dell'ammasso con punti luminosi blu e bianchi. Per risaltare meglio come albero di Natale, l'immagine viene ruotata di 160 gradi rispetto al punto nord originale.

La nebulosa, una nube di polvere e gas nello spazio, si trova a circa 2.500 anni luce di distanza nella costellazione dell'Unicorno, una debole galassia sull'equatore celeste. Secondo una ricerca della NASA. Molte delle stelle nella formazione NGC 2264 sono più piccole e più massicce del Sole, alcune meno di un decimo della massa del Sole.

Guarda le “ossa” cosmiche di una stella morta catturate dalla NASA

La formazione fu scoperta nel 1780 dall'astronomo tedesco-britannico William Herschel ed è larga sette anni luce. Secondo la NASA, la regione circostante è dove si stanno formando nuove stelle, che hanno gradualmente eroso la nebulosa nel corso di milioni di anni.

READ  Il prossimo grande gioco di ruolo di Bethesda, Starfield, è stato ritardato al 2023, anche Redfall

Esistono innumerevoli nebulose che assomigliano a oggetti o animali, come meduse, gufi e la proboscide di un elefante. Conosciuta come formazione NGC 6302 nella costellazione dello Scorpione Nebulosa Farfalla Per le sue nuvole di gas svolazzanti che ricordano le ali.

Gli scienziati studiano spesso le nebulose e i loro campi magnetici, che possono essere creati da particelle all'interno di una stella, per analizzare il loro comportamento, in particolare cosa succede quando le stelle raggiungono la fine della loro vita e si evolvono in nebulose.

I campi magnetici generati dai telescopi a raggi X Chandra della NASA hanno contribuito a produrre immagini di un inquietante braccio viola e bianco proveniente dalla nebulosa di una stella supergigante a 16.000 anni luce dalla Terra che è collassata in una stella di neutroni. Un comunicato stampa della NASA.