Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La navicella spaziale SpaceX ha subito un duro colpo, ma è sopravvissuta al suo primo ritorno dallo spazio

La navicella spaziale SpaceX ha subito un duro colpo, ma è sopravvissuta al suo primo ritorno dallo spazio
Ingrandire / Non una simulazione. Il plasma scorre sulle superfici atmosferiche del veicolo Starship di SpaceX durante il rientro ad alta quota sull’Oceano Indiano.

SpaceX ha dimostrato giovedì che il suo booster Super Heavy e il razzo Starship potrebbero presto essere recuperati e riutilizzati nel modo immaginato da Elon Musk per il futuro dell’esplorazione spaziale.

Per la prima volta, entrambi i componenti del razzo da quasi 400 piedi (121 metri) non solo sono stati lanciati con successo dalla struttura Starbase di SpaceX vicino a Brownsville, in Texas, ma sono anche tornati sulla Terra per atterraggi controllati in mare. Questa dimostrazione è un precursore dei futuri voli di prova dei veicoli spaziali che riporteranno il booster, e infine lo stadio superiore, sulla Terra per essere riutilizzati ancora e ancora.

Il razzo a due stadi è decollato dalla base stellare alle 7:50 CST (12:50 UTC) e si è diretto verso est sopra il Golfo del Messico con oltre 15 milioni di libbre di spinta, il doppio di quella del razzo Apollo Saturn V della NASA. Il programma lunare negli anni ’60 e ’70.

Seleziona tutte le caselle

Il veicolo di lancio più grande e potente mai costruito, Starship è la chiave per il futuro di SpaceX. Anche la NASA ha un interesse nel successo del veicolo spaziale perché l’agenzia lo ha selezionato per ricoprire il ruolo di lander lunare designato dall’uomo per il programma Artemis per trasportare gli astronauti da e verso la superficie lunare.

Ci saranno dozzine di altri voli Starship prima che qualcuno entri effettivamente in un lander Starship, e probabilmente non accadrà prima dell’ultima parte di questo decennio. Ma alcuni degli altri obiettivi di Starship, come recuperare l’intero razzo e riutilizzarlo, sembrano a portata di mano.

READ  Rocket Lab posticipa a lunedì il lancio del booster di Electron e i test di recupero

“Il quarto volo della Starship ha fatto grandi passi avanti per avvicinarci a un futuro veloce e riutilizzabile”. Lo ha affermato SpaceX in un aggiornamento sul suo sito web. “I suoi risultati forniranno dati per favorire miglioramenti mentre continuiamo a sviluppare rapidamente il veicolo spaziale in un sistema di trasporto completamente riutilizzabile progettato per trasportare equipaggio e merci nell’orbita terrestre, sulla Luna, su Marte e oltre”.

Il volo di prova di giovedì è stato il quarto lancio di un razzo Starship a grandezza naturale, e il primo a concludersi con il booster e la nave che raggiungono la superficie terrestre come un unico pezzo. I risultati corrispondevano ai migliori scenari possibili prima del volo di giovedì.

È stato tutt’altro che perfetto, ma non puoi descrivere il viaggio se non come un successo. “Il carico utile per questo test erano i dati”, ha affermato SpaceX. “La navicella spaziale è stata consegnata.”

Il quarto volo di prova su larga scala del razzo Starship di SpaceX è decollato da Starbase, uno spazioporto di proprietà privata vicino a Brownsville, in Texas.
Ingrandire / Il quarto volo di prova su larga scala del razzo Starship di SpaceX è decollato da Starbase, uno spazioporto di proprietà privata vicino a Brownsville, in Texas.

Due dei 33 motori Raptor alimentati a metano del razzo Super Heavy si sono guastati durante il volo di prova di giovedì, uno durante la salita e l’altro durante l’ultima bruciatura dei freni prima che l’aereo precipitasse nel Golfo del Messico. Tuttavia, i restanti motori hanno guidato il booster verso un atterraggio relativamente dolce nell’oceano dopo un atterraggio verticale appena al largo della base stellare circa sette minuti e mezzo dopo il decollo. SpaceX si è avvicinata al raggiungimento dell’impresa sul terzo volo della Starship a marzo, ma ha perso il contatto quando la maggior parte dei motori di atterraggio non si è accesa.

READ  La materia oscura auto-interagente può finalmente rivelarsi

Gli ingegneri hanno attribuito la colpa del fallimento dell’atterraggio a marzo a un filtro intasato nelle linee che alimentano l’ossigeno liquido nei motori del Raptor. Giovedì non sembrava essere un grosso problema. SpaceX ha anche apportato un’altra modifica alla discesa del booster, eliminandolo durante la discesa del circuito di sosta caldo del razzo, dove lo stadio superiore dell’astronave si collega al Super Heavy per il lancio.

Nel frattempo, sei motori Raptor nello stadio superiore dell’astronave hanno bruciato qualche secondo in più del previsto per compensare la mancanza di prestazioni del booster. Ciò ha messo la nave sulla corretta traiettoria suborbitale per raggiungere un’altitudine massima di 132 miglia (213 km) prima che la gravità terrestre trascinasse nell’atmosfera il veicolo alto 165 piedi (50 m) circa 47 minuti dopo il lancio.

Il viaggio fino a questo punto è stato solo il preludio al gran finale.

Durante il terzo volo di prova della Starship di SpaceX a marzo, il caldo torrido del rientro ha distrutto il razzo mentre scendeva nell’atmosfera superiore sopra l’Oceano Indiano. SpaceX ha affermato che il blocco dei motori di propulsione ha fatto sì che la nave perdesse la capacità di controllare la propria direzione nello spazio. Ciò ha causato la caduta della navicella nell’atmosfera nella direzione sbagliata, esponendo le parti non protette della navicella a un calore intenso al momento del rientro.

Il razzo Super Heavy e il razzo Starship di SpaceX si arrampicano attraverso i cieli nebbiosi del sud del Texas.
Ingrandire / Il razzo Super Heavy e il razzo Starship di SpaceX si arrampicano attraverso i cieli nebbiosi del sud del Texas.

Stephen Clark/Ars Technica

Questa volta, la navicella spaziale ha mantenuto il controllo per tutta la durata del volo. Abbaglianti riprese in diretta dalle telecamere a bordo del razzo, trasmesse alla Terra attraverso la rete a banda larga Starlink di SpaceX, mostravano plasma viola e arancione che scorreva sul veicolo mentre si librava nell’atmosfera sopra l’Oceano Indiano.

READ  Una galassia quasi invisibile sfida il paradigma della materia oscura

Pochi istanti dopo, una telecamera ha mostrato pezzi del razzo, presumibilmente piastrelle di protezione termica in ceramica, che si staccavano. Sembra che ci siano danni alla cerniera che collega uno dei pannelli di controllo della nave al corpo principale. Tuttavia, il lembo danneggiato può ancora muoversi e aiutare a controllare la nave utilizzando le forze aerodinamiche mentre si tuffa a pancia in giù nell’atmosfera.

“Il veicolo spaziale ha eseguito un rientro controllato, ha superato con successo le fasi di picco di riscaldamento e di massima pressione aerodinamica e ha dimostrato la capacità di controllare il veicolo utilizzando i suoi flap mentre scendeva nell’atmosfera a velocità ipersoniche”, ha affermato SpaceX. Questi erano i principali obiettivi della missione che Musk si era prefissato prima del lancio.

Alla fine, tre dei motori Raptor della Starship si accesero e il razzo passò da un orientamento a pancia in giù a una posizione verticale a poche centinaia di piedi sopra il centro dell’Oceano Indiano, secondo SpaceX. Era difficile capire cosa stesse mostrando il filmato dal vivo perché la cascata è avvenuta di notte, dall’altra parte del mondo dal Texas.

Ma i dati telemetrici diretti hanno indicato che il missile ha rallentato fino a fermarsi quando ha raggiunto il mare, e poi le comunicazioni sono state interrotte circa un’ora e 6 minuti dopo l’inizio della missione.

“Nonostante fossero mancanti diverse piastrelle e una copertura danneggiata, la navicella spaziale è riuscita ad atterrare senza problemi nell’oceano!” Pubblica Musk su X, la sua piattaforma di social media. “Congratulazioni al team SpaceX per questo risultato epico.”