Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il segnale radio trovato ogni ora dallo spazio sconcerta gli scienziati

Il segnale radio trovato ogni ora dallo spazio sconcerta gli scienziati

Non esiste l’opzione *69 per questa chiamata interurbana.

Un segnale radio appena scoperto, ma ancora misterioso, proveniente dai lontani confini dello spazio, che si ripete ogni ora, ha sconcertato gli scienziati.

Il team che ha effettuato la scoperta ha affermato francamente che era “qualcosa che gli astronomi non avevano mai visto prima”. Secondo i ricercatori Manisha Kalb e Emil Link.

“Non riusciamo a spiegare cosa sta succedendo qui.”

Il tempo totale di trasmissione di questo segnale è stato registrato in 53,8 minuti. Questo è “di gran lunga il più lungo” mai registrato.

Un segnale radio molto misterioso sta sconcertando gli scienziati. Sarao
Il modello “flash” viene dai confini dello spazio. Emil Link, CC BY-NC

Proviene da una distanza di 4,85 kiloparsec, secondo i loro dati. Recentemente pubblicato su Nature Astronomy.

Dato che un’orbita normale è di 191,73,501,441,011 miglia, la sorgente è molto lontana dalla Terra.

La velocità insolitamente ripetitiva delle esplosioni di luce appare in uno schema “lampeggiante” in una serie di impulsi diversi su un orologio vicino. Vanno da 370 millisecondi fino a 50 secondi in tempo reale, alcuni lunghi e luminosi e altri veloci e deboli.

Sfortunatamente per i miei fan Il romanzo di successo è stato trasformato nello show Netflix “Il problema dei tre corpi” Laddove l’universo “strizza l’occhio” a un mondo soprannaturale attraverso un segnale notturno, questo scenario è più vicino alla Terra.

“Probabilmente è una stella di neutroni molto insolita”, hanno aggiunto Caleb e Link, e non possono escludere altre possibilità.

Esiste una misteriosa radiofrequenza che raggiunge la Terra da lontani angoli dello spazio. Osservatorio radioastronomico sudafricano

“Schemi simili sono stati osservati nelle stelle di neutroni, ma la nostra attuale comprensione delle stelle di neutroni suggerisce che non dovrebbero avere un periodo così lungo”.

Il segnale è stato trovato per la prima volta dal telescopio ASKAP J1935+2148 – i numeri riflettono la posizione che punta nello spazio – durante la ricerca di raggi gamma e impulsi provenienti da un lampo radio veloce.

READ  Un "piccolo" asteroide colpisce la Terra per testare il sistema di allerta precoce

“Non sappiamo da quanto tempo ASKAP J1935+2148 emette segnali radio, poiché le indagini radioastronomiche in genere non cercano oggetti con periodi di tempo lunghi”.

I ricercatori sperano che questo possa gettare nuova luce sul modo in cui esaminiamo i segnali spaziali. Osservatorio radioastronomico sudafricano (SARAO)

Se non si tratta di una stella di neutroni, i segnali indicano una nana bianca – “un tizzone di una stella bruciata delle dimensioni della Terra che ha esaurito il suo combustibile” – come la seconda fonte più probabile.

Potrebbe anche far parte di un sistema in cui una stella di neutroni o una stella di nube bianca orbita attorno a un’altra stella che non può essere vista.

“Questo oggetto potrebbe spingerci a riconsiderare la nostra comprensione decennale delle stelle di neutroni e delle nane bianche, in particolare il modo in cui emettono onde radio e come appaiono i loro ammassi all’interno della nostra galassia”.