Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nota segreta di Peel mette in ombra il funerale del cardinale

CITTA’ DEL VATICANO (Reuters) – Papa Francesco ha dato la benedizione del cardinale George Pell a un funerale sabato dopo che è stato rivelato che aveva scritto una nota anonima descrivendo l’attuale pontificato come un “disastro” sospeso nell’aria accanto all’incenso.

Circa 300 persone hanno partecipato al servizio funebre di Pell nella cappella secondaria della Basilica di San Pietro. Secondo la tradizione dei cardinali defunti, il decano italiano del Collegio cardinalizio Giovanni Battista Re ha celebrato la messa.

Francis è arrivato alla fine per offrire la sua ultima benedizione in latino sulla bara di legno marrone scuro sul pavimento. La bara era arrabbiata e cosparsa di acqua santa.

Le parole di Rey erano meno un’omelia che un’autobiografia per Bell, 81 anni, morto martedì notte in un ospedale di Roma per insufficienza cardiaca durante un intervento di sostituzione dell’anca.

Ri ha dichiarato che Pell ha trascorso più di un anno in prigione prima di essere scagionato dalle accuse di violenza sessuale nella sua nativa Australia nel 2020.

“Gli ultimi anni della sua vita sono stati segnati da una condanna ingiusta e dolorosa”, ha detto Ra.

SNAP, un gruppo di difesa delle vittime di abusi sessuali da parte del clero, ha chiesto nella dichiarazione al Vaticano di mostrare “moderazione” nell’organizzazione dei funerali “a meno che la chiesa gerarchica non voglia approfondire ferite già profonde”.

Ma a Peel fu dato il funerale di stato vaticano per un cardinale. Re ha iniziato il servizio leggendo il testo integrale di un messaggio che il papa ha diffuso mercoledì lodando Peel per la sua perseveranza nei momenti difficili.

READ  Il britannico muore in custodia nell'Ucraina orientale separatista

La breve conversazione dopo il funerale, soprattutto tra diplomatici e giornalisti, è stata incentrata sulla rivelazione della bomba.

L’anno scorso, il rispettato giornalista italiano Sandro Magister, che ha una lunga esperienza nella ricezione di documenti vaticani trapelati, ha pubblicato una nota anonima che circola in Vaticano condannando il papato di Papa Francesco come un “disastro”.

Il giorno dopo la morte di Bell, Magister ha rivelato sul suo blog Settimo Cielo (Seventh Heaven) che è stato Bell a scrivere la nota e gli ha dato il permesso di pubblicarla con lo pseudonimo di “Demos” – greco per il grande pubblico. Comprendeva quelle che secondo l’autore dovrebbero essere le qualità del prossimo papa.

Il memorandum inizia “I commentatori di ogni scuola, anche se per motivi diversi … concordano sul fatto che questo papato è per molti o per la maggior parte un disastro; un disastro”.

Affermava che “i primi compiti del nuovo papa saranno di ripristinare la normalità, ripristinare la chiarezza dottrinale nella fede e nella morale, ripristinare il giusto rispetto della legge e garantire che il primo criterio per la nomina dei vescovi sia l’accettazione di la tradizione apostolica». .

Padre Joseph Hamilton, segretario personale di Pell, ha rifiutato di commentare il rapporto MA e il portavoce vaticano Matteo Bruni ha detto di non avere commenti.

Hamilton ha detto a Reuters dopo il funerale che il corpo di Pell sarebbe stato trasportato in Australia all’inizio della prossima settimana per essere sepolto nella cripta della cattedrale di St Mary a Sydney, dove ha servito come arcivescovo.

(Segnalazione di Philip Pullella) Montaggio di Mark Potter

READ  Famose statue moai dell'Isola di Pasqua gravemente danneggiate dagli incendi: "irreparabili"

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.