Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La più grande protesta in Spagna contro la legge sull’amnistia catalana attira 170.000 persone

La più grande protesta in Spagna contro la legge sull’amnistia catalana attira 170.000 persone

MADRID (Reuters) – Circa 170.000 persone hanno marciato sabato per le strade di Madrid nella più grande protesta mai vista contro la legge di amnistia approvata dai socialisti spagnoli sulla spinta separatista della Catalogna del 2017 a formare un governo.

La manifestazione, l’ultima di una serie di proteste nelle città di tutto il paese contro l’amnistia, ha avuto luogo due giorni dopo che il primo ministro socialista spagnolo Pedro Sanchez aveva ottenuto un mandato di quattro anni con il sostegno dei partiti nazionalisti catalano e basco in cambio dell’approvazione del la legge.

I manifestanti, molti dei quali sventolavano bandiere spagnole e portavano striscioni con la scritta “Sanchez è un traditore” e “Non svendere la Spagna”, hanno manifestato contro la legge, che secondo quattro associazioni giudiziarie, partiti politici dell’opposizione e leader imprenditoriali minaccia il governo di diritto e separazione dei poteri. .

Le autorità hanno stimato a 170.000 il numero dei manifestanti.

Alberto Nunez Viejo, leader del Partito popolare conservatore dell’opposizione, e Santiago Abascal, leader del partito di estrema destra Vox, hanno partecipato alla marcia organizzata dai gruppi civici.

Dopo la manifestazione, centinaia di persone hanno protestato sull’autostrada vicino al Palazzo della Moncloa, la residenza del Primo Ministro a Madrid. La A6 è stata chiusa per circa un’ora durante la protesta ma successivamente riaperta dopo che la polizia ha sgomberato l’area.

Una piccola protesta si è svolta davanti all’ambasciata spagnola a Londra.

L’amnistia riguarderà circa 400 persone coinvolte nella campagna indipendentista culminata nel 2017, tra cui separatisti ma anche poliziotti coinvolti in scontri con attivisti.

I tribunali hanno dichiarato illegale il referendum sull’indipendenza e hanno portato alla peggiore crisi politica a cui la Spagna abbia assistito negli ultimi decenni.

Secondo il Consiglio di ricerca spagnolo CSIC, l’amnistia sarebbe la più grande in Spagna dall’amnistia generale del 1977 per i crimini commessi durante la dittatura di Francisco Franco, e la prima legge di amnistia approvata nell’Unione europea dal 1991.

Sanchez, che giovedì ha vinto un voto parlamentare per formare un nuovo governo con 179 voti a favore e 171 contrari, ha difeso la legge, affermando che l’amnistia aiuterebbe a disinnescare le tensioni in Catalogna.

I manifestanti, compresi gruppi neonazisti, hanno tenuto manifestazioni rumorose davanti alla sede socialista a Madrid per 15 notti consecutive da quando è stato annunciato l’accordo. Si sono verificati scontri con la polizia che hanno provocato il ferimento di agenti e manifestanti, ma le proteste sono state generalmente pacifiche.

In un sondaggio condotto da Metroscopia a metà settembre, circa il 70% degli intervistati – di cui il 59% erano socialisti – si è dichiarato contrario all’idea di un’amnistia.

Lo riferisce Graham Kelly. (Segnalazione aggiuntiva di Susana Vera, Raul Cadenas e Silvio Castellanos) Montaggio di Clelia Oziel e Mike Harrison

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda