Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La produzione cinematografica resterà elevata e gli asset televisivi verranno venduti

La produzione cinematografica resterà elevata e gli asset televisivi verranno venduti

Se Sony e Apollo attaccano Paramount Global, la loro strategia sarà quella di mantenere stabile la produzione delle sale cinematografiche tra i due studi – e non di ridurla – tagliando al contempo le parti più onerose del conglomerato, la lettura delle aste su CBS e canali lineari come MTV e il servizio di streaming Paramount Plus.

Notizie sulla produzione teatrale sono invece nella Deadline di stasera Il New York Times È stato riferito in precedenza che Sony e Apollo avevano in programma di diluire le attività della Paramount Television nella loro offerta da 26 miliardi di dollari per la società di intrattenimento. per ogni Il New York Times, Sony non ha condiviso il suo piano con Paramount e i suoi consulenti, che hanno deciso il 4 maggio di tenere colloqui separati con Sony/Apollo e di continuare le trattative con Skydance/Red Bird di David Ellison. Le trattative tra Paramount e Skydance si sono raffreddate, anche se quest’ultima resta interessata.

Molti hanno sottolineato che la fusione di Sony con Paramount metterebbe la prima sotto esame da parte della Federal Communications Commission (FCC) poiché ai conglomerati di proprietà straniera non è consentito possedere stazioni di trasmissione statunitensi.

Secondo le fonti di Deadline, gli esercenti di Hollywood temono la fusione Sony-Paramount, e molti soffrono di disturbo da stress post-traumatico a seguito della fusione Disney-Fox del 2019 e del conseguente calo della produzione cinematografica: tra 20th Century Studios, Searchlight e Disney, ci sono sono solo 12 film. Titoli per il 2024. Con un’ampia distribuzione (film in oltre 1.000 sale) di circa 83 titoli quest’anno per l’intero settore, lo spettacolo non può permettersi un’altra perdita per uno studio importante. Ciò significa che circa altri dieci grandi titoli scompariranno dal mercato. I circuiti sono già stati cancellati a causa dei successivi scioperi e del Covid.

READ  L’inflazione nel Regno Unito è pari al 4%, inferiore alle attese

La grande Sony distribuirà 15 film quest’anno e la Paramount ne distribuirà altri dieci. Fonti hanno detto a Deadline che il piano non sarebbe quello di ridimensionare la fusione Sony-Paramount, ma piuttosto di competere con le società di streaming; Questa visione prevede circa 20 grandi uscite all’anno. Non seguiranno le orme delle pratiche di Disney Fox. Almeno questo è il piano adesso. Questo è il motivo principale per cui Sony si è rivolta alla Paramount per creare un’equazione da studio di 1 + 1 = 4. L’anno scorso, Paramount e Sony hanno incassato rispettivamente 2 miliardi di dollari al botteghino globale. Se combinati, la loro produzione equivarrebbe a 4 miliardi di dollari con i risultati globali di Universal (4,9 miliardi di dollari) e Disney (4,8 miliardi di dollari in tutto il mondo).

Nel frattempo, secondo il New York Times, né Sony né Paramount hanno firmato accordi formali di non divulgazione o avviato alcuna violazione dei libri, una formalità che potrebbe richiedere settimane. Sony Paramount vedrà l’ex gruppo di Culver City gestire l’entità combinata come una joint venture con Apollo che prenderà una quota di minoranza che potrebbe essere venduta in futuro a Sony o ad un altro acquirente. Le operazioni di marketing e distribuzione saranno integrate.

Alcune persone vicine alla Paramount credono che ci sia una terza opzione, ovvero che Shari Redstone faccia da sola e non faccia un accordo con Sony/Apollo o SkyDance. Quanto durerà tutto questo rimane la domanda.

Sony è nota come trafficante d’armi e concede in licenza film e programmi TV a Netflix e Disney. Lo studio ha un ricco accordo a pagamento unico con Netflix. Questa strategia rimarrà invariata con l’aggiunta di Paramount, ovvero l’idea che il servizio OTT di Melrose Ave verrà scaricato su Peacock di Comcast o Max di Warner Bros Discovery.

READ  L'S&P 500 è salito al massimo di cinque mesi giovedì mentre il Meta guida un ritorno tecnologico

L’accordo Sony Apollo richiede l’approvazione della Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia, della Federal Trade Commission (FTC) e della Federal Communications Commission (FCC). L’attuale amministrazione del presidente Biden è nota per essere contraria alle fusioni, soprattutto a quelle orizzontali, in cui si potrebbero perdere posti di lavoro.