Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia pone il veto su una risoluzione delle Nazioni Unite che monitora le sanzioni contro la Corea del Nord

La Russia pone il veto su una risoluzione delle Nazioni Unite che monitora le sanzioni contro la Corea del Nord

NAZIONI UNITE (AP) – Giovedì la Russia ha posto il veto a una risoluzione delle Nazioni Unite con una mossa che elimina di fatto il monitoraggio da parte degli esperti delle Nazioni Unite sulle sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran. La Corea del Nord punta a frenare il suo programma nucleareAnche se restano in vigore le stesse sanzioni.

Il voto in Russia ha scatenato le accuse occidentali Mosca sta lavorando per proteggere i suoi acquisti di armi dalla Corea del Nord da utilizzare nella guerra contro l’Ucraina, che viola le sanzioni delle Nazioni Unite.

Sono aumentate le tensioni nella penisola coreana Il leader nordcoreano Kim Jong Un minaccia un conflitto nucleare e l’intensificazione dei test di missili con capacità nucleare progettati per colpire la Corea del Sud, gli Stati Uniti e il Giappone. I tre paesi hanno risposto rafforzando le esercitazioni militari congiunte e aggiornando i propri piani di deterrenza.

Il voto del Consiglio composto da 15 membri è arrivato con una maggioranza di 13 voti, con la Russia contraria e la Cina astensione dal voto. La risoluzione del Consiglio di Sicurezza avrebbe prolungato di un anno il mandato del gruppo di esperti, ma il veto della Russia ne fermerà i lavori alla scadenza dell'attuale mandato, a fine aprile.

Prima del voto, l'ambasciatore russo all'ONU Vasily Nebenzia ha dichiarato al Consiglio che i paesi occidentali stanno cercando di “soffocare” la Corea del Nord e che le sanzioni stanno perdendo la loro “rilevanza” e sono “distaccate dalla realtà” nel prevenire la diffusione delle armi nucleari nel paese.

Ha accusato il comitato di esperti di “diventare sempre più un giocattolo nelle mani degli approcci occidentali, ristampando informazioni distorte e analizzando titoli di giornali e foto di scarsa qualità”. Pertanto, ha detto, “ammette fondamentalmente la sua incapacità di raggiungere valutazioni sobrie sullo stato del regime delle sanzioni”.

READ  Türkiye sta votando in un'elezione cruciale che potrebbe porre fine al governo ventennale di Erdogan

Ma il vice-ambasciatore statunitense Robert Wood ha descritto il lavoro del comitato come necessario e ha accusato la Russia di cercare di mettere a tacere le sue “indagini indipendenti e obiettive” perché “ha iniziato l’anno scorso a riferire su palesi violazioni russe delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

Ha avvertito che un veto russo incoraggerebbe la Corea del Nord a continuare a mettere in pericolo la sicurezza globale attraverso lo sviluppo di “missili balistici a lungo raggio e gli sforzi per eludere le sanzioni”.

Il portavoce della Casa Bianca per la Sicurezza Nazionale, John Kirby, ha condannato il veto russo come un “atto sconsiderato” che mina le sanzioni imposte alla Corea del Nord, mettendo in guardia contro l’approfondimento della cooperazione tra Corea del Nord e Russia, soprattutto da quando La Corea del Nord continua a fornire armi alla Russia Mentre combatteva la guerra in Ucraina.

“La comunità internazionale deve sostenere fermamente il regime globale di non proliferazione e sostenere il popolo ucraino mentre difende la propria libertà e indipendenza dalla brutale aggressione russa”, ha detto Kirby ai giornalisti.

L’ambasciatrice britannica alle Nazioni Unite Barbara Woodward ha affermato che il veto russo arriva sulla scia degli accordi sugli armamenti tra Russia e Corea del Nord in violazione delle sanzioni ONU, compreso “il trasferimento di missili balistici, che la Russia ha poi utilizzato nella sua invasione illegale dell’Ucraina dal all'inizio di quest'anno.” .

Ha aggiunto: “Questo veto non dimostra preoccupazione per il popolo nordcoreano o l’efficacia delle sanzioni”. Ha aggiunto: “Si tratta della libertà della Russia di eludere e violare le sanzioni al fine di ottenere armi da utilizzare contro l'Ucraina”.

READ  Nove lavoratori sono dispersi dopo che una frana ha colpito una miniera d'oro in Türkiye

“Questo comitato, con la sua parola di denunciare il mancato rispetto delle sanzioni, è stato un fastidio per la Russia”, ha detto Woodward.

L’ambasciatore francese alle Nazioni Unite Nicolas de Rivière ha aggiunto: “La Corea del Nord sta fornendo alla Russia materiale militare per sostenere la sua aggressione contro l’Ucraina, in violazione di molte delle risoluzioni per le quali la Russia ha votato”.

Il Consiglio di Sicurezza ha imposto sanzioni dopo la prima esplosione nucleare della Corea del Nord nel 2006 e le ha inasprite nel corso degli anni con un totale di 10 risoluzioni che cercano, finora senza successo, di ridurre i fondi e frenare i suoi programmi nucleari e missilistici.

L’ultima volta che il Consiglio ha adottato una risoluzione sulle sanzioni è stato nel dicembre 2017. Cina e Russia hanno posto il veto a una risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti nel maggio 2022 che avrebbe imposto nuove sanzioni su una serie di lanci di missili balistici intercontinentali.

Il Consiglio di Sicurezza ha formato un comitato per monitorare le sanzioni e il mandato del suo gruppo di esperti per indagare sulle violazioni è stato rinnovato per 14 anni fino a giovedì.

Nel suo ultimo rapporto, distribuito il mese scorso, si legge: Un gruppo di esperti ha affermato che sta indagando su 58 sospetti attacchi informatici in Corea del Nord Si stima che tra il 2017 e il 2023 valga 3 miliardi di dollari, denaro che secondo quanto riferito verrà utilizzato per contribuire a finanziare lo sviluppo di armi di distruzione di massa.

Gli esperti hanno affermato che la Corea del Nord continua a violare le sanzioni, anche continuando a sviluppare le sue armi nucleari e a produrre materiale fissile nucleare, i principali componenti delle armi. Continua inoltre a importare prodotti petroliferi raffinati in violazione delle decisioni del Consiglio.

READ  Funzionari ucraini rilasciano un nuovo video dall'interno del reattore nucleare di Zaporizhzhya dopo l'attacco