Settembre 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rivolte in Francia: alimentate dalla discriminazione quotidiana

Rivolte in Francia: alimentate dalla discriminazione quotidiana

fonte dell’immagine, Immagini Getty

Nella nostra serie di lettere di giornalisti africani, Maher Mezahi, residente in Francia, scrive di come il razzismo e l’islamofobia siano alla base della rabbia vista nelle strade del paese la scorsa settimana.

I disordini che si sono diffusi nel Paese dopo l’uccisione da parte della polizia di Nahl M, un ragazzo di 17 anni di origine algerina, hanno scosso nel profondo la società francese. I disturbi sono stati descritti come senza precedenti per portata e gravità.

A Marsiglia, la città che ho chiamato casa nell’ultimo anno, si è stabilita una routine assurda.

I pomeriggi erano dedicati alla fretta di finire le commissioni prima che negozi e trasporti pubblici chiudessero prematuramente prima del caos imminente.

Le serate sono state caratterizzate da un gioco del gatto e del topo ad alto rischio tra polizia e rivoltosi, con la colonna sonora pulsante delle sirene di auto ed elicotteri e fuochi d’artificio.

La mattinata è stata dedicata ai talk show francesi e all’analisi unilaterale che è stata spesso licenziata.

Lo stesso dipartimento dei portavoce del sindacato di polizia, analisti legali e politici hanno cercato ripetutamente di spiegare chi, cosa e, soprattutto, perché si sono verificati i disordini.

Mentre c’era una condanna quasi unanime per l’uccisione di Nahal da parte della polizia, dopo i disordini molti si sono affrettati a porre la stessa vecchia domanda sull’emigrazione in Francia.

C’era un presente costante: “In che modo la terza e la quarta generazione di cittadini francesi con origini immigrate non sono riuscite a integrarsi nella società francese?”

Il fatto che a tali domande non sia stata data risposta decenni dopo che sono state sollevate per la prima volta mi fa chiedere se coloro che le pongono stiano davvero cercando risposte.

didascalia foto,

È stata lanciata una campagna di crowdfunding per l’ufficiale di polizia che ha ucciso Nael

Nel suo famoso discorso inaugurale al Kenyon College negli Stati Uniti nel 2005, il compianto romanziere americano David Foster Wallace ha citato la storia di due giovani pesci che nuotano davanti a un pesce più grande, a cui ha detto: “Buongiorno, ragazzi. Come va il acqua?”

I due continuano per la loro strada e poi uno chiede all’altro: “Che diavolo è quest’acqua?”

Wallace ha osservato: “Il punto di The Fish Story è che i fatti più ovvi e importanti sono spesso quelli di cui è più difficile vedere e parlare”.

Da giovane musulmano algerino cresciuto in Canada, la mia osservazione della vita quotidiana in Francia negli ultimi mesi è che l’acqua puzza di velato e volgare razzismo e islamofobia.

Nelle settimane che hanno preceduto la sparatoria, ci sono stati numerosi esempi di importanti media ed élite politiche che hanno rilasciato dichiarazioni altamente provocatorie su musulmani e algerini in Francia.

All’inizio di giugno, l’ex primo ministro Edouard Philippe ha rilasciato un’ampia intervista chiedendo una riforma dell’immigrazione. Ha detto che alcuni francesi non considerano gli immigrati di seconda o terza generazione francesi ai fini di “integrazione, istruzione e mentalità civica” – e che queste opinioni dovrebbero essere ascoltate.

“È un argomento centrale, un argomento inquietante e un argomento doloroso”, ha detto.

Infine, ha chiesto la cancellazione di un trattato bilaterale che faciliterebbe l’immigrazione degli algerini in Francia.

Più tardi, a giugno, il canale di notizie più visto in Francia, BFM TV, ha filmato l’ingresso di una scuola elementare a Lione in modo da poter contare il numero di studenti che sono entrati indossando l’abaya, una veste ampia indossata da molte donne musulmane.

Lo scopo del rapporto era di dire al pubblico francese che l’esposizione pubblica della religione si stava infiltrando nelle scuole ed era contraria al dogma della religione secolarismo Il concetto francese di stretta laicità nella sfera pubblica.

Le ragazze si sono avvicinate alla porta con aria di sfida nei loro abiti e si sono tolte il velo, come richiesto dalla legge francese, costringendo l’establishment ad ammettere che le stava attivamente spogliando.

Le scene ricordano il saggio di Frantz Fanon su Algeria Unveiled, in cui analizza la visione ossessiva dell’apparato coloniale nei confronti delle donne algerine che si coprono il corpo.

La polemica sul mantello è stata seguita dalla storia secondo cui una manciata di bambini musulmani di Nizza, di età compresa tra i 9 e gli 11 anni, ha osato pregare nel cortile della scuola.

Il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, il capo di un partito politico di destra, Eric Ciotti, e il ministro dell’Istruzione, Pape Ndiaye, hanno criticato pubblicamente i bambini.

Mentre l’ufficiale che ha ucciso Nahl era detenuto, figure di destra hanno organizzato per lui una campagna di crowdfunding, che ha ricevuto 1,6 milioni di euro (1,4 milioni di sterline, 1,7 milioni di dollari) in donazioni prima che fosse chiusa.

Alcuni politici di sinistra hanno condannato la campagna, ma altri di destra l’hanno usata per esprimere sostegno alla polizia ed è diventata una questione molto controversa.

Tutto ciò alimenta il sentimento di non essere accettati dallo stato e dalla società per molti musulmani e nordafricani che vivono in Francia, e spiega perché così tante persone hanno reagito con tanta rabbia all’omicidio di Nael.

Martin Luther King Jr. una volta disse che “Riot è il linguaggio degli inauditi”.

La scorsa settimana, forse per la prima volta nella loro vita, i giovani francesi irrequieti hanno fatto sentire la loro voce.

Altre lettere dall’Africa: