Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scoperta di fossili giurassici porta a una nuova teoria sui mammiferi

La scoperta di fossili giurassici porta a una nuova teoria sui mammiferi

Sono state scoperte due nuove specie di primi mammiferi del periodo Giurassico, rivelando i segreti di come abbiamo ottenuto le nostre orecchie.

due Nuove foglie Nel rivista natura Ciò indica che i due esemplari fossilizzati assomigliano a una donnola moderna e sono antiche specie di mammiferi.

Si spera che queste nuove specie forniscano ai paleontologi una visione di come l'orecchio medio dei mammiferi si è evoluto dalle articolazioni della mascella, milioni di anni fa.

Una delle nuove specie è un tipo di antico mammifero chiamato Shuthrid, che è stato scoperto in un sito fossile del Giurassico medio in Mongolia, ed è stato chiamato Viridocodon choy. E altri nuovi tipi Dyanoconodon jungiÈ stato trovato nel Giurassico inferiore Lufeng Biota in Cina e ricorda da vicino una specie di antico mammifero chiamato Morganocodon.

Ricostruzione ecologica di Phrycodon choi (a destra) e Deanocodon yungii (a sinistra). Questa nuova specie rivela come i mammiferi hanno evoluto le nostre orecchie.

IVPP

Entrambe queste nuove specie avevano caratteristiche speciali nelle mascelle e nelle orecchie, suggerendo che servissero come punti di passaggio nell'evoluzione mentre l'articolazione della mascella si stava lentamente evolvendo verso la specializzazione per l'uso nell'udito. Il Giurassico medio si estese da circa 174 a 163,5 milioni di anni fa, mentre il Giurassico inferiore fu più lungo, tra 174 milioni di anni fa e circa 201 milioni di anni fa.

L'autrice dello studio Patricia Vickers-Rich, della School of Earth, Atmosphere and Environment della Monash University, ha dichiarato: “L'importanza di questa scoperta è che entrambe le specie hanno orecchie mesiali mandibolari (MdME), e le specie simili ai Morganocodonti hanno nuovi scheletri dopo la crescita. ” Nella situazione attuale. “Questa specie perde la funzione portante della sua articolazione articolare quadrata, mentre le specie shuotheriidi mostrano caratteristiche adatte ad una funzione puramente uditiva.”

READ  Il telescopio Webb fa un'altra scoperta su un lontano esopianeta

IL Dyanoconodon jungi Le articolazioni della mascella del fossile sembrano aver perso la capacità di sopportare carichi, mentre l'orecchio interno mascellare sembra essere più adatto all'udito. ossa Viridocodon choy Gli esemplari viventi successivi sembrano essere più specializzati nell'udito.

Pertanto, questa nuova specie rappresenta il periodo intermedio tra l'articolazione della mascella utilizzata per mangiare e l'udito, consentendo ai paleontologi di comprendere meglio come le nostre orecchie siano arrivate dove sono oggi.

“Studiare le transizioni nella storia evolutiva è fondamentale”, ha affermato Vickers-Rich. “I fossili mostrano modifiche graduali che illustrano il complesso processo di adattamento che ha dato origine ai sistemi uditivi avanzati presenti negli animali moderni”.

IL Viridocodon choy Il fossile fa luce anche sui segreti dei denti degli antichi Chauthyrid, aiutando i paleontologi a scoprire l'antico albero genealogico dei mammiferi. Questi animali avevano una speciale struttura simile a una pelvi nei loro molari non vista nei mammiferi moderni, il che li ha portati a essere classificati filogeneticamente con un gruppo di animali chiamati Australosphenidans, che comprende monotremi moderni come echidna e ornitorinchi.

Tuttavia, i paleontologi hanno a lungo contestato questa classificazione.

“Questo modello unico dei denti ha ostacolato la nostra comprensione delle relazioni chowdial e dei primi passi nell'evoluzione delle specie di mammiferi”, ha affermato Vickers-Rich.

antichi mammiferi
Un antico mammifero. Fossili sono stati scoperti in Mongolia e Cina.

ChuangZhao

Ora, le nuove specie di Chauthrididae, Viridocodon choyRivela che questi animali hanno denti che sono molto simili al modello molare di un gruppo di animali diversi: i docodontidi.

“Il nostro studio mette in discussione le teorie attuali e fornisce una nuova prospettiva sulla storia evolutiva delle forme dei mammiferi”, ha affermato Vickers-Rich. “Forniamo informazioni vitali sulle relazioni evolutive e sulle traiettorie evolutive dei chowtirididi, che erano sconosciuti fino alle recenti scoperte in Cina, spiegando le loro complesse forme dei denti e i modelli occlusali”.

READ  I telescopi Huygens non sono stati molto buoni e ora pensiamo di sapere perché

Pertanto, i chautherididi sono evolutivamente separati dagli ausktribosfenidi e dovrebbero essere raggruppati più strettamente ai docodontani.

“Lo studio conferma la presenza di una grande varietà di morfologia dei denti nelle prime forme di mammiferi, suggerendo adattamenti ambientali unici durante lo sviluppo evolutivo all'interno dei mammiferi”, ha affermato Vickers-Rich.

“Le modifiche dentali come l’allargamento trasversale dei denti posteriori, il riarrangiamento delle cuspidi e persino la rotazione indicano diverse nicchie ecologiche abitate dai primi mammiferi”.

Hai un consiglio su una storia scientifica che Newsweek Dovrebbe coprire? Hai una domanda sugli antichi mammiferi? Fatecelo sapere a science@newsweek.com.