Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sfida di Biden all’ordine dei confini è stata attaccata dai repubblicani

La sfida di Biden all’ordine dei confini è stata attaccata dai repubblicani

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine, Ieri è stato arrestato un gruppo di migranti che cercavano di attraversare il confine statunitense dal Messico

I rivali repubblicani del presidente americano Joe Biden e alcuni dei suoi alleati democratici hanno criticato il suo nuovo ordine esecutivo volto a limitare l’arrivo di immigrati registrati al confine tra Stati Uniti e Messico.

Secondo l’ordinanza, entrata in vigore a mezzanotte, i funzionari possono rimuovere rapidamente gli immigrati che entrano illegalmente negli Stati Uniti senza elaborare le loro richieste di asilo.

Democratici di sinistra, attivisti e ONU hanno espresso preoccupazione, mentre i repubblicani hanno criticato il piano definendolo uno stratagemma elettorale e hanno sostenuto un’azione più dura.

Ma Biden afferma che i suoi oppositori repubblicani hanno ostacolato un accordo bipartisan sulla sicurezza delle frontiere fallito al Congresso all’inizio di quest’anno.

Titolo del video, Biden ha annunciato il divieto agli immigrati di attraversare illegalmente il confine

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, candidato repubblicano alle elezioni di novembre, martedì ha criticato duramente l’azione esecutiva di Biden.

Trump ha scritto sui social media che Biden ha “ceduto il nostro confine meridionale” e ora “finalmente finge di fare qualcosa”. Gli hanno fatto eco altri, tra cui il senatore del Texas Ted Cruz.

Il presidente ha risposto al fuoco, accusando la campagna di Trump di “una mossa politica molto cinica”, facendo pressioni sui legislatori repubblicani affinché blocchino un piano di confine proposto al Congresso all’inizio di quest’anno.

Martedì, il presidente ha promesso che il suo ordine esecutivo “ci aiuterà a ottenere il controllo del nostro confine”.

Ha chiesto pazienza ai critici di sinistra. “Non fare nulla non è un’opzione”, ha detto.

Martedì circa una dozzina di sostenitori e parlamentari democratici hanno tenuto una conferenza stampa fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti, criticando la decisione di Biden.

Pramila Jayapal, presidente del Congress Progressive Group, si è detta “profondamente delusa” e ha detto che l’ordine è “un passo nella direzione sbagliata”.

Titolo del video, Gli immigrati reagiscono all’ordine esecutivo di Biden sull’immigrazione

A più di 6,4 milioni di immigrati è stato impedito di entrare illegalmente negli Stati Uniti durante l’amministrazione Biden. Quest’anno il numero delle presenze è diminuito, anche se gli esperti ritengono improbabile che la tendenza continui.

La Casa Bianca afferma che il nuovo ordine “rimarrà in vigore quando gli scontri ad alto volume lungo il confine meridionale supereranno la nostra capacità di fornire risultati tempestivi, come avviene oggi”.

Le restrizioni entrano in vigore quando il confine è “alto”, come lo definisce la Casa Bianca, quando la media su sette giorni di attraversamenti giornalieri raggiunge i 2.500.

“Renderanno più semplice per le autorità di immigrazione allontanare rapidamente le persone che non hanno base legale”, hanno spiegato i funzionari.

Il confine riaprirà ai richiedenti asilo solo quando il numero medio raggiungerà 1.500 in sette giorni – e poi riaprirà ai migranti due settimane dopo.

Altre misure mirano ad accelerare la risoluzione dei casi di immigrazione in tribunale e ad accelerare l’allontanamento di coloro che non hanno una base legale per rimanere negli Stati Uniti.

Il trattamento dell’asilo nei porti di ingresso continuerà ai sensi dell’ordinanza.

Ogni giorno circa 1.500 richiedenti asilo si recano ai valichi ufficiali, spesso dopo aver fissato appuntamenti utilizzando un’app Customs and Border Protection (CBP) chiamata CBP One.

Tra le misure annunciate c’era l’uso di una legge del 1952 che permetteva di limitare l’accesso al sistema di asilo.

Una legge chiamata 212(f) consente al presidente di “sospendere l’ingresso” di stranieri se il loro arrivo è “pregiudizievole per gli interessi” del Paese.

La stessa restrizione è stata utilizzata dall’amministrazione Trump per vietare l’immigrazione e i viaggi da molti paesi a maggioranza musulmana, suscitando accuse di razzismo e negando l’asilo se sorpresi a entrare illegalmente negli Stati Uniti.

“È un peccato che il dibattito politico sull’immigrazione si stia muovendo in una direzione sempre più restrittiva”, ha affermato Jenny Murray, presidente e amministratore delegato del Consiglio nazionale per l’immigrazione.

Kerlaine Joseph, direttrice esecutiva della Haitian Bridge Alliance, che lavora con i migranti haitiani alla frontiera, ha affermato che l’annuncio costituisce “un attacco diretto al diritto umano fondamentale di chiedere asilo”.

Un portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha esortato le persone che temono persecuzioni ad avere accesso a un territorio sicuro.

La questione dell’immigrazione è diventata un grattacapo per Biden in un anno elettorale. Trump ha già promesso di attuare la “più grande repressione delle deportazioni” nella storia degli Stati Uniti per rimuovere gli immigrati privi di documenti se rieletto.

I funzionari dell’amministrazione Biden si sono opposti ai paragoni con le politiche del presidente Trump, affermando che le nuove regole secondo cui martedì si applicheranno solo durante i periodi di maggiore partecipazione.

I figli a carico e le persone vittime di tratta saranno esentati, hanno affermato.

L’amministrazione Biden intende difendere le nuove politiche da qualsiasi sfida legale che potrebbe dover affrontare in tribunale – un punto sottolineato dalla signora Jayapal.

I media messicani hanno descritto la mossa come una delle politiche più dure di Biden, anche se il presidente Andrés Manuel López Obrador ha cercato di minimizzare la questione, sostenendo che la chiusura delle frontiere è “impossibile” per lo scambio economico e culturale.

I funzionari di Tijuana hanno chiesto cosa succede ai richiedenti asilo a cui viene negato l’ingresso negli Stati Uniti.

I rifugi nella città messicana diventeranno presto sovraffollati, ha avvertito un funzionario locale. “Inizieremo a vedere la gente per strada, che dorme nelle tende.”

READ  Serena Williams ha superato la numero 2 del mondo Annette Kontavit nella partita di singolo degli US Open.