Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Siria afferma che l’attacco israeliano ha messo fuori servizio l’aeroporto di Damasco per un breve periodo

AMMAN (Reuters) – L’esercito siriano ha dichiarato lunedì che un attacco missilistico israeliano ha messo brevemente fuori servizio l’aeroporto internazionale di Damasco, l’ultimo di una serie di attacchi contro risorse legate all’Iran.

L’esercito ha dichiarato in un comunicato che una raffica di missili lanciati dall’aria ha colpito l’aeroporto alle due del mattino. Venivano dalla direzione del Mar di Galilea in Israele.

L’esercito ha affermato che i missili hanno colpito anche obiettivi nel sud di Damasco, uccidendo due membri delle forze armate siriane e provocando alcuni danni.

Il ministero dei trasporti ha dichiarato in una dichiarazione online che i lavoratori hanno rimosso i detriti dagli scioperi e che i voli riprenderanno entro le 9 del mattino

In precedenza, due fonti dell’intelligence regionale hanno affermato che gli attacchi hanno preso di mira un sito vicino all’aeroporto della Forza Quds iraniana e le fazioni che sostiene. La loro presenza in Siria si è diffusa negli ultimi anni.

Le forze di difesa israeliane non hanno commentato immediatamente l’attacco.

E nell’ultimo anno, Israele ha intensificato i suoi attacchi all’aeroporto internazionale di Damasco e ad altri aeroporti civili per interrompere il crescente uso di linee di rifornimento aereo da parte di Teheran per consegnare armi ai suoi alleati in Siria e Libano, incluso Hezbollah.

La Siria ha interrotto i voli da e per l’aeroporto a giugno per quasi due settimane dopo che gli attacchi israeliani hanno gravemente danneggiato le infrastrutture, tra cui una pista e un terminal.

Israele ha nuovamente lanciato missili contro l’aeroporto internazionale di Damasco a settembre, quando ha anche bombardato il secondo più grande aeroporto civile del paese nella città settentrionale di Aleppo, mettendolo fuori combattimento per diversi giorni.

READ  La polizia tedesca recupera la maggior parte del bottino da una rapina di diamanti da 120 milioni di dollari a Dresda

Fonti dell’intelligence occidentale e regionale affermano che Teheran ha adottato il trasporto aereo civile come mezzo più affidabile per trasportare attrezzature militari alle sue forze e ai combattenti alleati in Siria, dopo che le forniture di terra israeliane sono state interrotte.

Israele afferma che la sua cosiddetta “campagna tra le guerre” in Siria è iniziata dieci anni fa, il 30 gennaio 2013, con un attacco contro le batterie di difesa aerea SA-17 fornite dalla Russia che Damasco intendeva consegnare a Hezbollah.

Il mese scorso il comandante delle forze armate israeliane, il tenente generale Aviv Kochavi, ha dichiarato che quell’anno hanno avuto luogo quattro di questi attacchi, ma il ritmo degli attacchi è aumentato a circa uno a settimana.

Le milizie per procura iraniane, guidate dagli Hezbollah libanesi, ora controllano vaste aree nella Siria orientale, meridionale e nordoccidentale e in diversi sobborghi intorno alla capitale.

Il governo del presidente siriano Bashar al-Assad non ha mai riconosciuto pubblicamente che le forze iraniane stanno lavorando per suo conto nella guerra civile siriana, affermando che Teheran ha solo consiglieri militari sul campo.

Il mese scorso, Kochavi ha rivendicato la responsabilità di un attacco aereo su un convoglio entrato in Siria dall’Iraq, affermando che l’obiettivo era un camion che trasportava armi iraniane. Leggi di più

(Rapporto di Suleiman Al-Khalidi). Montaggio di Nick Zieminski e Bradley Perrett

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.