Giugno 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’amministratore delegato della Disney ritiene che la Marvel abbia sottoperformato perché non c’erano abbastanza dirigenti

L’amministratore delegato della Disney ritiene che la Marvel abbia sottoperformato perché non c’erano abbastanza dirigenti

Il CEO della Disney, Bob Iger, pensa di conoscere una delle ragioni per cui l’ultimo film del MCU, The Marvels, è stato una delusione al botteghino: non c’erano abbastanza dirigenti a bordo.

Mercoledì, parlando al NYT Dealbook Summit, Iger ha rilasciato un’ampia intervista in cui ha discusso del suo ritorno come CEO, del periodo difficile in cui si trova la Disney e altro ancora. Per quanto riguarda il declino al botteghino, un tempo affidabile, dei Marvel Studios, Iger ha ribadito la sua attenzione alla qualità piuttosto che alla quantità, qualcosa di cui ha parlato diverse volte in precedenza.

“La qualità ha bisogno di attenzione… Ciò non avviene per caso. La quantità, nel nostro caso, indebolisce la qualità”, ha affermato. Notizie della NBC.

Con The Marvels in particolare, Iger ha detto che parte del motivo per cui è fallito è stato perché è stato girato durante la pandemia di COVID-19, e quindi “non c’era la stessa supervisione sul set, per così dire, di quella che hanno i nostri dirigenti”. [that are] Non vedo l’ora di vedere cosa si realizza giorno dopo giorno.

“Direi che, in questo momento, la mia prima priorità è aiutare lo studio a trasformarsi in modo creativo”, ha aggiunto.

La Marvel ha aperto con una deludente cifra di 47 milioni di dollari all’inizio di questo mese, l’apertura più bassa di sempre per un film del MCU. Ci sono una serie di ragioni da sottolineare per questo (e la realtà è probabilmente una combinazione di tutte): la difficoltà generale che i film sui supereroi affrontano nel 2023, l’assalto di contenuti Marvel/Disney con cui tenere il passo e la mancanza di un tour stampa durante lo sciopero degli attori in corso E molto altro ancora. La mancanza di intervento aziendale non si è verificata veramente È stata l’interpretazione più importante per gli analisti.

“Direi che, in questo momento, la mia prima priorità è aiutare lo studio a trasformarsi in modo creativo.

Tuttavia, come riportato in precedenza, Iger ha ripetutamente sottolineato che la Marvel, e la Disney in generale, rallenteranno il flusso di contenuti che è salito alle stelle con il lancio di Disney+ nel 2020 (che ha esercitato una forte pressione sui lavoratori degli effetti visivi), definendolo un “errore”. .” Ha chiaramente aumentato la produzione in modo significativo.

READ  Mel Brooks rivela il cast stellare di "History of the World, Part 2" - Rolling Stone

Tuttavia, difende ancora la produzione di nuovi sequel alla Disney, dicendo che “non vuole scusarsi” per questo.

“Alcuni di loro sono andati molto bene ed erano anche dei buoni film. Penso che ci debba essere un motivo per realizzarli, e devi avere una bella storia”, ha detto. Spesso la storia non regge così forte come la storia originale. “Potrebbe essere un problema.”

Altrove durante l’intervista, Iger ha parlato un po’ della sua uscita dalla Disney e della nomina di Bob Chapek alla carica nel 2020, prima di tornare poco più di un anno fa.

“Sono rimasto deluso da quello che stavo vedendo nel periodo di transizione e mentre ero fuori dal campo”, ha detto. New York Times. “Ho lavorato duramente per prendere le distanze da lei.”

Ha aggiunto che si sarebbe dimesso “sicuramente” dalla carica di CEO una volta scaduto il suo contratto nel 2026. Ha detto che stava “risolvendo molti problemi che la società aveva, affrontando molte sfide”, ribadendo i precedenti sentimenti secondo cui la Disney era in difficoltà. “Periodo di riparazione” a un anno dal licenziamento.Operai e delusioni al botteghino.

Alex Stedman è un redattore senior di notizie presso IGN, supervisionando il reporting di intrattenimento. Quando non scrive o modifica, puoi trovarla a leggere romanzi fantasy o a giocare a Dungeons & Dragons.