Giugno 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’asteroide che ha ucciso i dinosauri ha colpito in primavera

L'asteroide che ha ucciso i dinosauri ha colpito in primavera

Pochi secondi dopo, un muro d’acqua di 10 metri (33 piedi) si precipita da est, quindi sfere di vetro iniziano a cadere dal cielo, alcune ancora in fiamme mentre si schiantano contro il fiume.

Questi potrebbero essere stati gli ultimi momenti dell’era dei dinosauri, che si è conclusa in un disastro quando un asteroide delle dimensioni di una città ha colpito l’oceano poco profondo al largo della penisola messicana dello Yucatan, uccidendo tre quarti di tutte le specie sulla Terra. Secondo un nuovo studio sui pesci fossili trovati nel North Dakota Il sito dei fossili di Tanis E morì a causa della devastante collisione, l’asteroide si scontrò in primavera.

Il momento della collisione è arrivato, almeno per l’emisfero settentrionale, in un punto particolarmente sensibile del ciclo biologico di molte piante e animali.

Probabilmente ha reso quello che era già un evento catastrofico ancora più catastrofico, ha affermato Melanie While, studentessa di dottorato presso l’Università di Uppsala in Svezia e autrice principale di un nuovo studio pubblicato mercoledì su Nature.

“Penso che la primavera metta un sacco di organismi del tardo Cretaceo (animali e piante) in un luogo molto vulnerabile perché erano fuori a cercare cibo, prendersi cura della prole e cercare di recuperare risorse dopo un rigido inverno”, ha detto in una stampa riunione.

Al contrario, i ricercatori hanno detto che gli ecosistemi nell’emisfero australe, dove è caduto quando l’asteroide ha colpito la Terra, sembrano essersi rimbalzati due volte più velocemente di quelli nell’emisfero settentrionale.

Congelare l’incidente d’auto

In che modo i ricercatori hanno determinato la stagione in cui l’asteroide ha colpito?

Sebbene fossero a 3.000 chilometri (1.864 miglia) dal cratere d’impatto, Ossa di pesce spatola e storione sono conservate nelle rocce nel sito di Tanis Nella formazione di Hill Creek Fornisce una registrazione unica di quello che potrebbe essere stato l’evento più importante nella storia della vita sul nostro pianeta.

Il pesce, che era lungo fino a un metro (3 piedi), morì in modo drammatico subito dopo aver colpito l’asteroide e fu sepolto vivo dai sedimenti staccati quando un enorme corpo d’acqua sparato dall’attacco dell’asteroide si è spostato a monte. Pensa alle increspature dell’acqua da un sasso lanciato in uno stagno, ma su scala molto più ampia.

READ  La NASA lancia Capstone, il satellite cubo da 55 libbre sulla Luna

A differenza di uno tsunami, che può richiedere ore per raggiungere la terraferma dopo un terremoto in mare, questi corpi d’acqua in movimento, noti come terremoto, si sono sollevati immediatamente dopo che il massiccio asteroide si è schiantato in mare.

Pesce pala dal sito fossile di Tanis.

I ricercatori sono certi che il pesce sia morto entro un’ora dall’impatto dell’asteroide, non a causa di massicci incendi o dell’inverno nucleare che è arrivato nei giorni e nei mesi successivi. Questo perché “palle d’urto” – minuscoli frammenti di roccia fusa che sono stati lanciati dal cratere nello spazio dove si sono cristallizzati in una sostanza simile al vetro – sono stati trovati nelle branchie del pesce.

“Queste sfere d’impatto sono state lanciate nello spazio e alcune di esse potrebbero aver appena fatto il giro della luna e poi piovere sulla Terra”, ha detto durante il corso.

Del sito di scavo, ha detto: “Questo sedimento sembra letteralmente un incidente d’auto congelato sul posto. Sembra essere la cosa più selvaggia che abbia mai visto, conservata nelle sue condizioni originali”.

Inoltre, il pesce è stato trovato sotto uno strato di roccia noto come anomalia dell’iridio, ricco dell’elemento denso comune negli asteroidi e raro sulla Terra. È stata questa caratteristica che ha rivelato per la prima volta la collisione dell’asteroide ai geologi più di tre decenni fa.

istantanea geologica

In qualche modo simili agli anelli degli alberi, gli scheletri dei pesci fossilizzati conservano i ricordi della crescita degli animali, dal loro sviluppo come embrioni fino alla loro precoce scomparsa. L’analisi delle sottili fette di osso, così come la distribuzione, la forma e le dimensioni delle cellule ossee, che oscillano anche con le stagioni, suggerisce che morirono in primavera.

READ  I dati declassificati del governo rivelano che un oggetto interstellare è esploso nel cielo nel 2014

Il team di ricercatori ha anche esaminato le firme chimiche di diversi isotopi di carbonio in uno sfortunato pesce spatola, dove il rapporto tra diverse variabili isotopiche ha rivelato come la disponibilità del suo cibo preferito, il plancton, influisse sul suo scheletro.

Le registrazioni degli isotopi indicano che la crescita annuale del pesce, che coinciderà con il picco di disponibilità estiva di prede, non è stata ancora raggiunta.

Le parti tagliate dalla lisca di pesce fossilizzata sono state preparate per l'analisi presso l'Università Frei di Bruxelles.
altro, studio più ampio Dallo stesso sito pubblicato lo scorso anno ha indicato anche un arco temporale simile in primavera, mentre A Studio molto più vecchio del 1991 Dalle foglie fossili è emerso che ciò è accaduto a giugno.

Anche se ha detto che crede che l’impatto dell’asteroide sia avvenuto ad aprile, ma sono necessarie ulteriori ricerche per ottenere una risposta definitiva.

Questo tipo di ricerca è stato di grande valore per i paleontologi, ha affermato Alvio Alessandro Chiarenza, ricercatore post-dottorato e paleontologo dell’Università di Vigo in Spagna, che non è stato coinvolto nello studio.

“Il sito di Tanis potrebbe fornire alcuni degli spunti più importanti per comprendere questa estinzione di massa: poiché noi paleontologi abbiamo a che fare con una risoluzione temporale molto scarsa, avere l’opportunità di analizzare un’istantanea geologica di un evento geologico può migliorare la nostra comprensione di questo evento fondamentale nella (la) storia Il nostro pianeta.”