Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lavori forzati uiguri: la commissione del Senato amplia le indagini sui componenti BMW cinesi

Lavori forzati uiguri: la commissione del Senato amplia le indagini sui componenti BMW cinesi

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, BMW afferma di aver “adottato misure per interrompere l’importazione dei prodotti interessati”.

  • autore, Joao da Silva
  • Ruolo, Giornalista d’affari

Il presidente della commissione finanziaria del Senato degli Stati Uniti ha ampliato l’indagine su BMW dopo che è emerso che la casa automobilistica importava in America automobili contenenti parti cinesi vietate.

In una lettera alla BMW North America, il senatore Ron Wyden ha chiesto se la società avesse smesso di importare componenti sospettati di essere fabbricati da persone appartenenti alla minoranza uigura cinese in condizioni di lavoro forzato.

Il BMW Group non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il mese scorso, la BMW ha dichiarato di aver “adottato misure per interrompere l’importazione dei prodotti interessati”.

Ciò è avvenuto dopo che un’indagine durata due anni da parte dello staff del senatore Wyden ha rivelato che almeno 8.000 BMW Mini Cooper con parti vietate erano state importate negli Stati Uniti.

Il rapporto ha rilevato che le auto contenevano componenti realizzati dalla società cinese Sichuan Jingweida Technology Group (JWD).

“La BMW è sicura che attualmente non importi veicoli contenenti componenti prodotti da JWD?”, si legge nella lettera del senatore Wyden, che chiede risposte entro il 21 giugno.

Altre case automobilistiche menzionate nel rapporto includono Jaguar Land Rover e Volkswagen.

Il Congresso degli Stati Uniti ha convertito in legge l’Uyghur Forced Labour Prevention Act (UFLPA) nel 2021.

JWD è stata aggiunta all’elenco delle entità dell’UFLPA nel dicembre 2023, il che significa che i suoi prodotti sono presumibilmente fabbricati utilizzando il lavoro forzato.

Negli ultimi anni la Cina è stata accusata di aver detenuto più di un milione di uiguri nello Xinjiang contro la loro volontà.

Pechino ha respinto tutte le accuse di violazione dei diritti umani nello Xinjiang.

Il ministero degli Esteri cinese ha denunciato l’UFLPA, affermando che “danneggia la sopravvivenza e i diritti al lavoro delle persone nello Xinjiang”.