Settembre 25, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni asiatiche si preparano per la Fed Hockey, avverte di un possibile conflitto in Ucraina

I cameraman televisivi aspettano l’apertura del mercato davanti al grande schermo che mostra i prezzi delle azioni il 2 ottobre 2020 alla Borsa di Tokyo, in Giappone. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Borse asiatiche:
  • Nikkei è piatto, cercando di saltare Wall St Futures
  • La Fed dovrebbe suonare il falco sull’aumento delle tariffe di marzo
  • I mercati sono in allerta per un attacco russo all’Ucraina
  • Il dollaro è generalmente stabile e il petrolio torna a salire

SYDNEY, 24 gen. (Reuters) – I titoli asiatici sono scesi lunedì mentre gli investitori si preparavano per un incontro della Federal Reserve, che dovrebbe confermare che il massiccio deflusso di liquidità che ha esagerato i titoli in crescita negli ultimi anni comincerà a uscire presto.

Il Dipartimento di Stato americano ha espulso i familiari del personale dell’ambasciata a Kiev, adducendo la possibilità di un’invasione russa dell’Ucraina.

Il New York Times riporta che il presidente Joe Biden sta valutando la possibilità di inviare migliaia di truppe statunitensi agli alleati della NATO in Europa con navi da guerra e aerei. Per saperne di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Ampio indice dell’MSCI delle azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Il Nikkei giapponese è sceso dello 0,7% (.N225) 0,1% blue chips cinesi (.CSI 300) Si è aggiunto lo 0,4%, forse anche grazie al recente allentamento della politica di Pechino.

In Europa, i futures EUROSTOXX 50 sono scesi dello 0,4% e i futures FTSE sono scesi dello 0,2%.

Ma i futures di Wall Street sono aumentati dopo il calo della scorsa settimana, con i futures S&P 500 in rialzo dello 0,7% e quelli del Nasdaq in rialzo dello 0,8%.

READ  I dati del telescopio Hubble suggeriscono che qualcosa di "strano" sta accadendo nell'universo

I mercati interessati ora stanno alzando la Fed questa settimana anche su una piccola opportunità, anche se la più grande aspettativa è che sarà dello 0,25% a marzo e di altri tre all’1,0% entro la fine dell’anno.

Oliver Allen, economista di mercato presso Capital Economics, ha dichiarato: “Dato che l’inflazione rimane alta, la banca centrale sta costantemente rimuovendo la politica monetaria restrittiva estrema che è stata un grave ostacolo per i prezzi delle azioni per più di un decennio”.

Gli elevati costi finanziari e i rendimenti obbligazionari interessanti hanno colpito i titoli tecnologici con i loro rating elevati, con il Nasdaq in calo del 12% e l’S&P 500 in calo di quasi l’8% finora quest’anno.

Il percorso è stato esacerbato da una diapositiva su Netflix, che è scesa di quasi il 22% nell’oscura previsione di crescita degli abbonati, scendendo di 44 miliardi di dollari in valore di mercato.

Questa è la quantità di perdite che i Treasury hanno effettivamente accumulato lo scorso fine settimana, sulla base della speculazione che l’incendio della ricchezza di mercato, una variazione della vecchia variante di Greenspan, l’incendio della ricchezza di mercato potrebbe spaventare la banca centrale.

Tuttavia, Allen ha osservato che, anche con il recente calo, l’S&P 500 era del 40% in più rispetto a dove era terminato nel 2019 e il Nasdaq era del 60% in più.

“Gli investitori potrebbero non credere al cosiddetto ‘Fed Foot’ al momento, il ciclo stretto della banca centrale non è ancora iniziato e la forza dell’economia statunitense dovrebbe garantire una politica molto più rigida”.

In effetti, la prima lettura del PIL degli Stati Uniti per il trimestre di dicembre è in arrivo questa settimana e prima che i freni Omicron vengano attivati, la crescita annuale dovrebbe essere del 5,4%.

READ  Trump e gli avvocati di destra facevano parte di una "cospirazione criminale" per contrastare le elezioni del 2020, accusa la giuria del 6 gennaio

Anche la stagione dei ricavi sta andando bene e le società che riportano questa settimana includono IBM (IBM.N), Microsoft (MSFT.O), Johnson & Johnson (JNJ.N), Tesla (TSLA.O) E mela (AAPL.O).

Si prevede che un quinto dell’S&P 500 offrirà aggiornamenti trimestrali questa settimana.

Sebbene i titoli del Tesoro siano aumentati alla fine della scorsa settimana, il rendimento a 10 anni è ancora in rialzo di 22 punti base all’1,77% al mese e non è lontano dall’ultimo livello visto all’inizio del 2020.

Il rialzo è stato generalmente sostenuto dal dollaro USA, che la scorsa settimana ha aggiunto lo 0,5% a un paniere di 85,647. L’euro è stato scambiato a $ 1,1324, non riuscendo a tenere l’ultimo rally a $ 1,1500.

“Il pericolo è che il rapporto della banca centrale, di fronte all’elevata inflazione, descriva l’urgenza di un’azione a marzo”, ha affermato Joseph Kapurso, capo dell’Economia internazionale della CBA.

“Incoraggerà i mercati a rischiare un aumento di 50 punti base a marzo e, in tal caso, ci aspettiamo una reazione istintiva al di sopra del suo massimo del 4 gennaio di 96,46”.

Le azioni dello yen giapponese sono state scambiate al ribasso, raggiungendo $ 113,84, vicino al minimo della scorsa settimana di 113,47, beneficiando di un rally di rifugio sicuro.

L’oro era a $ 1.836 l’oncia, toccando il massimo di sei settimane di $ 1.842 la scorsa settimana.

I prezzi del petrolio sono aumentati per la quinta settimana consecutiva ai massimi di sette anni, tra le aspettative che la domanda sarà forte e l’offerta sarà bassa.

Il Brent è salito di 83 centesimi a 88,72 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è salito di 77 centesimi a 85,91 dollari.

il rapporto di Wayne Cole; Montaggio di Sam Holmes e Edwina Gibbs

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.